Archivio tag | “L’invenzione de la rota”

L’invenzione de la rota (by Carlo Renzi)

L’ INVENZIONE DE LA ROTA

Quanno che ar monno nun ce stava gnente,
l’ommo se sollazzava tutto er giorno.
A mezzoggiorno metteva sotto ar dente
tre bacche cò du’ erbette de contorno.
E pe’ dormì bastava ‘na caverna,
senza dovè dà tasse a chi governa.

Nun pagava nè luce nè piggione,
e a nisuno doveva renne conto.
Ma quarchiduno fece ‘n’invenzione.
De che se tratta? Mo ve l’aricconto.
Vedenno un sercio tonno rotolante,
te fece ‘na penzata illuminante.

Ce lavorò pe’ un annetto sano,
l’attrezzatura mica ce l’aveva,
doveva da fà tutto cò le mano.
Poi, finarmente, evviva, se moveva.
In quer momento nacque quer progresso
che cià portato a quer che semo adesso.

E mo, a vedè ‘sta tera in agonia
pe’ tutto quello che poi s’enventorno,
me se sta a scatenà ‘na fantasia:
Pe’ torna a sollazzasse tutto er giorno
e, cor monno, vibbrà all’istessa nota,
ce basterebbe rinuncià a la rota?

(Carlo Renzi, 22/11/18)