Archivi

Storia di una formica produttiva

Storia di una formica produttiva (dal web).

Tutti i giorni, molto presto, arrivava in ufficio la Formica produttiva e felice. Lì trascorreva i suoi giorni, lavorando e canticchiando una vecchia canzone d’amore. Era produttiva e felice ma, ahimé, non era supervisionata. Il Calabrone, gestore generale, considerò la cosa impossibile e creò il posto di supervisore, per il quale assunsero uno Scarafaggio con molta esperienza. La prima preoccupazione dello Scarafaggio fu standardizzare l’ora di entrata e di uscita e preparò pure dei bellissimi report. Ben presto fu necessaria una segretaria per aiutare a preparare i report, e quindi assunsero una Ragnetta, che organizzò gli archivi e si occupò del telefono. E intanto la formica produttiva e felice lavorava e lavorava. Il Calabrone, gestore generale, era incantato dai report dello Scarafaggio supervisore, e così finì col chiedere anche quadri comparativi e grafici, indicatori di gestione ed analisi delle tendenze. Fu quindi necessario assumere una Mosca aiutante del supervisore e fu necessario un nuovo computer con stampante a colori. Ben presto la Formica produttiva e felice smise di canticchiare le sue melodie e cominciò a lamentarsi di tutto il movimento di carte che c’era da fare. Il Calabrone, gestore generale, pertanto, concluse che era il momento di adottare delle misure: crearono la posizione di gestore dell’area dove lavorava la Formica produttiva e felice. L’incarico fu dato ad una Cicala, che mise la moquette nel suo ufficio e fece comprare una poltrona speciale. Il nuovo gestore di area – è chiaro ebbe bisogno di un nuovo computer e quando si ha più di un computer e necessaria una Intranet. Il nuovo gestore ben presto ebbe bisogno di un assistente (Remora, già suo aiutante nell’impresa precedente), che l’aiutasse a preparare il piano strategico e il budget per l’area dove lavorava la Formica produttiva e felice. La Formica non canticchiava più ed ogni giorno si faceva più irascibile. “Dovremo commissionare uno studio sull’ambiente lavorativo, un giorno di questi”, disse la Cicala. Ma un giorno il gestore generale, al rivedere le cifre, si rese conto che l’unità, nella quale lavorava la Formica produttiva e felice, non rendeva più tanto. E così contattò il Gufo, prestigioso consulente, perché facesse una diagnosi della situazione. Il Gufo rimase tre mesi negli uffici ed emise un cervellotico report di vari volumi e di vari milioni di euro, che concludeva: “C’è troppa gente in questo ufficio.” E cosi il gestore generale seguì il consiglio del consulente e licenziò la Formica incazzata, che prima era felice.

MORALE:
Non ti venga mai in mente di essere una Formica produttiva e felice. E’ preferibile essere inutile e incompetente. Gli incompetenti non hanno bisogno di supervisori, tutti lo sanno. Se, nonostante tutto, sei produttivo, non dimostrare mai che sei felice. Non te lo perdoneranno. Inventati ogni tanto qualche disgrazia, cosa che genera compassione. Però, se nonostante tutto, ti impegni ad essere una Formica produttiva e felice, mettiti in proprio, almeno non vivranno sulle tue spalle calabroni, scarafaggi, ragnetti, mosche, cicale, remore e gufi.

I vantaggi del sapere

Alcune volte è sbagliato giudicare un’attività semplicemente per il tempo che occorre realizzarla, anche perché più si sa meno tempo occorre a risolvere i problemi, ma lo studio e l’esperienza per arrivare a quel sapere in qualche modo devono essere compensate!

Un buon esempio è il caso del sistemista chiamato per aggiustare un computer molto grande ed estremamente complesso, un computer che valeva 12 milioni di euro che altri professionisti erano stati chiamati per riparare, ma avevano tentato invano.

Seduto di fronte allo schermo, il sistemista preme un paio di tasti, annuisce con la testa, mormora qualcosa a se stesso e spegne il computer. A quel punto estrae un piccolo cacciavite dalla tasca e dà un giro e mezzo ad una minuscola vite.
A questo punto, accende il computer e verifica che funziona perfettamente.
Il presidente dell’azienda è felicissimo e si offre di pagare il conto immediatamente.

“Quanto le devo?” chiede.
“Sono mille Euro, per cortesia” risponde il sistemista.
“Mille Euro? Mille euro per pochi minuti di lavoro? Mille euro per stringere una semplicissima vitina? Mi rendo conto che il computer vale 12 milioni di euro, ma mille euro mi sembra una cifra veramente esagerata. Pagherò solamente se mi manderà una fattura dettagliata che giustifichi una cifra del genere.”

IL Sistemista acconsente con un cenno e se ne va. Il mattino dopo il presidente riceve la fattura, la legge attentamente, asserisce con la testa e la paga immediatamente, senza una lamentela.

La fattura diceva:

Servizi effettuati:
– Avvitamento di una vitina: EURO 1
– Sapere quale vitina avvitare: EURO 999

Soqquadro e beqquadro

Si dice che in italiano ci sia una sola parola che si scrive con la doppia q, e questa è soqquadro, ma io ricordo benissimo che, alle elementari, la maestra ci fece diligentemente annotare sul nostro quaderno che le parole con due q sono due, soqquadro e beqquadro.

Veramente per lungo tempo la seconda parola non la ricordai, e dappertutto vedevo scritto che in italiano c’è una e una sola parola che si scrive con la doppia q, per l’appunto soqquadro.

Piano piano però questa seconda parola, beqquadro, è riemersa dalla mia memoria, ma tutti i controlli davano esito negativo (lo stesso correttore wordpress me la sta segnando come errata), e bequadro la davano con una sola q, nonostante la pronuncia con una sola q risultasse non corrispondente alla realtà (ma, si sa, noi romani le consonanti le raddoppiamo e semplifichiamo a caso, abbiamo la robba e la guèra, potremmo non fare testo).

Oggi, finalmente, santo internet, salta fuori qualche articolo che mi dà ragione, tra cui questo che però specifica: “Personalmente preferiamo la grafia con una sola q per rispettare la legge linguistica che stabilisce soqquadro essere la sola parola che può fregiarsi della doppia consonante q”, come se fosse un buon criterio scrivere una parola diversamente da come si pronuncia per adattarla a una “legge linguistica” che si è dimenticata di lei.

V. http://www.dizionario-italiano.it/linguamadre/articolo.php?art=275

Felicità in questo mondo

Sempre della serie “A che mi servono i social quando esistono gli autobus?” continuo con le mie avventure e i miei incontri illuminanti.

Ieri mattina rincontro una signora (mi verrebbe da dire una ragazza, per il suo aspetto snello, giovane e sorridente, i grandi e bellissimi occhi chiari), che prende solitamente l’autobus alla mia stessa fermata e con cui avevo già avuto modo di interagire in passato, senza eccessivi approfondimenti.

Ieri invece capita che incontra un’altra signora con cui probabilmente frequenta un qualche gruppo, inziano a parlare mentre io tento, inutilmente, di immergermi nella mia lettura.

Non ci riesco, parlano a voce piuttosto alta, anche un po’ concitata, la ragazza ha un libro di cui legge ogni tanto qualche stralcio all’altra signora, per dimostrare la non casualità di alcuni fatti. I discorsi, che nel mio tentativo d’estraniarmi mi sono sfuggiti quasi tutti, sembrano però di un certo interesse, i passi citati pure, tanto che finisco per chiederle il titolo del libro. Me lo dà, me lo spiega, e mi dice che semmai il libro me lo compra lei e me lo regala (commento dei miei colleghi: “ma tutti tu li incontri? ma che autobus prendi?). Voi non ci crederete, ma stamattina l’ho rincontrata e aveva davvero comprato un libro per me (quello nella foto, che non è quello di ieri).

Ieri sera invece ho incontrato un’altra persona e non ricordo come si è andato a parlare di dieta e nutrizione. Mi ha parlato del figlio, che è dimagrito dieci chili, e mi ha detto che è andato da una nutrizionista che gli ha dato dei consigli spiccioli che gli hanno permesso di perdere peso praticamente senza dieta e senza sacrifici, e me ne ha riferito qualcuno al volo (l’eliminazione totale dell’olio cotto, per esempio).

Poi sono stata a una conferenza magnifica sull’identità di genere (qualcuno di voi ha letto “Dalla parte delle bambine” di Elena Gianini Belotti?), di cui magari vi parlerò in un post a parte.

E’ seguita cena (morigerata) con un’amica, e insomma, la vita è bella! ❤

Il bene e il male

Cari amici,

mi sento a volte in difetto per non aver detto una parola sugli ultimi avvenimenti, il ragazzo di venti anni pestato fino alla morte per aver tentato di difendere la fidanzata, il padre che accoltella i due figli e poi si uccide, i bambini straziati dal gas in Siria, l’attentato a Sa Pietroburgo…

Ecco, il problema è che non ce la faccio, in questo momento non ce la faccio a posare neanche un minuto dei miei pensieri su un male tanto grande, in questo momento, anche di equilibrio precario se vogliamo, devo mettere i paraocchi e andare avanti a testa bassa.

Cerco, come sempre, di seguire l’esortazione di Gandhi, di essere io il cambiamento che voglio, di migliorare quel piccolo mondo intorno a me, ma più di questo non posso: la camera sterile non esiste solo per un corpo in convalescenza che non può permettersi di contrarre infezioni, esiste pure per l’anima, o forse sarebbe meglio dire la psiche, che a un certo punto ha bisogno di un attimo di ritiro, perché l’alternativa sarebbe il burn out, inutile a tutti e tutto, e dannoso a se stessi e a chi ci circonda.

Che bisogno ho dei social?

Ieri, come è successo altre volte, vi ho raccontato un episodio accaduto sull’autobus, oggi ve ne racconto un altro.

Un signore, evidentemente amante della multiculturalità, prima chiede a un ragazzo di colore di condividere con lui il posto (sedile unico, posto grande ma decisamente singolo), poi attacca bottone con un cinese, gli fa il terzo grado, e infine gli chiede di dargli lezioni di cinese. Il bello è che, per chiederglielo, tira fuori un quadernino e comincia a esprimersi in – secondo lui – cinese!

Il fatto buffo è che il ragazzo cinese non capisce un tubo di quello che dice l’anziano, e preferisce che lui continui ad esprimersi in italiano. 😆

Spaccati di vita e di umanità: ma mi dite a che mi servono i social network, quando ogni giorno ho a disposizione fermate di autobus e viaggi sugli stessi affollatissimi mezzi?

Un bello stipendio

Ieri una ragazza sull’autobus mi ha fatto una tenerezza infinita. Parlava al telefono col suo fidanzato, e diceva che sì, avrebbe voluto andare a convivere con lui, ma la preoccupava la situazione economica, e si chiedeva come potessero mantenersi.

Viene fuori che guadagna 500 euro al mese, e dichiara che di queste 100 può riuscire a mettersele da parte, non di più perché ha altre spese. A un certo punto dice: “Eh, magari guadagnassi un bello stipendio, non dico 1000 euro, ma almeno 700!”.

Ecco, sentire definire 700 euro al mese “un bello stipendio” mi ha fatto davvero tanta tenerezza. Non aggiungo, per rispetto alla sua privacy, altri particolari (per quanto tutta la situazione è stata discussa in una telefonata ad alta voce su un autobus affollato!), e io stessa non so chi sia e non potrei mai rintracciarla, però mi ha aperto la porta su un mondo che sappiamo che esiste ma che spesso è trascurato, quello di chi spacca il centesimo in due e i soldi se li fa bastare: un mondo che, secondo me, ha veramente tanto da insegnarci!