Post confuso

***

Inizio a scrivere e non so neanch’io di che cosa. E’ un momento di grande scombussolamento della mia vita, e i pensieri in testa sono tanti.

Tanto per cominciare forse, lavorando in tribunale, comincio ad accusare una leggera deformazione professionale e a pensare, di fronte a una serie di cose, che “in tribunale un’argomentazione del genere sarebbe insostenibile”, il che rende difficile la vita quotidiana, ingarbugliata da una burocrazia insostenibile, per cui uno deve stare sempre con le antenne rizzate, fare attenzione a tutto, e ciononostante non è in regola mai.

La vita quando ero giovane io era più semplice, ora l’impressione è che sia tutto tremendamente complicato, anche e soprattutto perché deciso e verificato da persone assolutamente prive di buon senso, il che se permettete fa persino paura.

Ma torniamo allo scombussolamento. Per un motivo o per l’altro sono rimasta sola: chi è morto, chi ha cambiato città, chi nazione, chi addirittura continente. Uno per volta, e non dico di non essermene accorta, però un appiglio c’era sempre ma ora…

La cosa peggiore è che non ho voglia neanche di sentire alcuni degli amici che avrebbero potuto a loro volta rappresentare un sostegno: a parte che alcuni di loro sono inguaiati come me e peggio di me (è il momento storico che rende la vita difficile, e quindi non è solo questione mia: mai proverbio fu più fasullo di “Mal comune mezzo gaudio”, se sono tutti a stare male nessuno ti può aiutare!), il fatto è che gli altri sono così fuori dalla realtà che un confronto con loro in questo momento sarebbe solo un onere.

Fuori dalla realtà ho detto, per motivi diversi: chi ha una realtà troppo difficile e quindi ha trovato rifugio nella politica dello struzzo, che ce l’ha troppo facile e rientra nella categoria della pancia piena che non capisce la vuota.

Certe persone, amiche care cui ho voluto e in realtà continuo a volere bene, semplicemente non ho più voglia di sentirle, per lo più per noia cosmica.

Mia figlia mi dice di non farmi terra bruciata intorno, ma la verità è che vorrei rifugiarmi sul cucuzzolo di una montagna, senza nessun’altra preoccupazione che quella di respirare aria fresca e di raccogliere dagli alberi frutti di cui nutrirmi (e così pure il problema della dieta sarebbe risolto).

Mi ricordo che un giorno mia figlia, da bambina, mi chiese all’improvviso, con aria preoccupata: “Mamma, ma è vero che la vita è difficile?”.

E sì, certo, è difficile, ma forse, come diceva un’altra mia amica, che pure non aveva avuto vita facile, cancro compreso, è pure bellissima, ed è bella proprio perché è difficile.

Non è che io non ne veda la grande bellezza, urca se la vedo, ma sono così stanca, così tanto inenarrabilmente stanca…

15 thoughts on “Post confuso

  1. La stanchezza di non avere orizzonte….
    Non è solo un diversivo, oppure un gioco, un orizzonte serve per guardare lontano-
    Inutile dare suggerimenti o proferire parole compassionevoli, si sa, tutti hanno problemi e i consigli o le pacche sulla spalla servono ad irritare.
    Una cosa mi sento di dire: per quanto le difficoltà tentino di annientarla, la vita è l’unica cosa che abbiamo veramente e lo sappiamo, è per questo che, nonostante tutto, la vorremmo lunga….
    Auguri!
    Un abbraccio
    Giancarlo

    "Mi piace"

    • Allora il mio umore dovrebbe essere sotto terra… sto provando ad aiutarmi con degli integratori di ferro, ma mi pare di stare tale e quale. Vedremo più in là.

      "Mi piace"

  2. Spesso succede anche a me di sentirmi “stridere” e di non riuscire a mettere a fuoco quale parte di me ha più bisogno delle mie attenzioni. Nel cercar l'”armonia” tra mente, corpo e anima…a volte dimentico che il miracolo di una sinfonia può avvenire se tutti gli strumenti sono accordati, ossia ogni strumento sta bene. Purtroppo a volte non vedo la normalità. Guardo l’insieme e mi sfugge la ferita, la sofferenza, di quella singola parte di me che necessita di più cure e attenzioni.
    Nella vita ho imparato che le istanze di noi stessi devono prendersi cura l’una dell’altra. Ad ogni costo. Quando una di loro soffre, le altre devono tacere, o meglio, devono mettersi accanto e sostenere…la ripresa, di ognuna, per il tutto.
    Un abbraccio.

    "Mi piace"

  3. Il tipo di vita che abbiamo adesso, la società che ci siamo costruiti, hanno demandato alla versione “digitale” tutta una serie di cose che prima facevamo nella vita reale: uscire anche solo per fare due passi, andare a trovare un amico/a anche solo per due ciance, fare chilometri per cercare una cosa in millemila negozi diversi, coltivare conoscenze e amicizie.
    A fine giornata si era parecchio stanchi, ma di una stanchezza diversa, forse più sentita fisicamente, ma che scaricava (nel senso buono) anche il cervello.

    Ora siamo bombardati da mille informazioni, facciamo tutto senza mettere il naso fuori di casa (o quasi) e quindi siamo isolati nel nostro piccolo recinto digitale polarizzato per giunta dalle bolle social che ci costruiamo intorno per colpa nostra (e dei maledetti algoritmi).
    Credo sia per questo che si ha la tendenza a vedere sempre di più “nero” e forse, più di quello che in realtà è.
    Nel mio piccolo (e molto duramente, aggiungerei) sto cercando di reagire coltivando hobby che mi portino a stare fuori e “staccare il cervello” come suonare e fotografare.
    Un po’ va meglio.
    Speriamo duri.

    Un abbraccio, mia cara.
    E tieni botta. ❤

    "Mi piace"

  4. In questo momento storico in molti sono stanchi, confusi…poi la vita ci mette davanti sempre qualcosa. E arriva la confusione, che comunque è parte di noi, perchè anche noi cambiamo.
    Si passano periodi difficili, ma la vita è bella e prima o poi ci fa ripartire in qualche modo.
    Ti abbraccio.

    "Mi piace"

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.