Archivio | 14 giugno 2021

IL MOMENTO E’ ORA!

Sapete che sono stata sempre dalla parte di Virginia Raggi (un po’ meno del suo staff), come sapete che all’epoca non la votai.

Me ne sono innamorata dopo averla vista all’opera, opera che forse non mi ha sempre convinto, ma comunque continua e sempre visibile. A parte il risanamento dei bilanci, la lotta all’illegalità etc. (e scusate se è poco), ho visto l’aumento dei mezzi Atac, le strade asfaltate e le piste ciclabili, piste per le quali, per carità, smadonno (come smadonno per le colonnine per la ricarica delle auto elettriche) avendo tolto spazio utile alle strade e ai parcheggi, ma poi vedo la gente che in bici ci va, che le macchine elettriche le ricarica, e allora mi dico che forse cambiare è possibile, che un mondo più pulito è possibile. Certo, le fasi di transizione sono sempre difficili da gestire, ma vedo qualcosa che si muove, e prima non avevo mai visto muovere niente.

Io la voto, quantomeno stiamo votando per qualcuno che già abbiamo visto all’opera, e quest’opera non ci è dispiaciuta.

 

Andrea Severini

Ora che anche il centro destra ha un suo candidato, inizia la campagna elettorale su Roma.

Diciamo che sono 5 anni che non si è mai fermata, con un lento e inesorabile massacro mediatico, dai titoli denigratori alla presunta colpevolezza di aver commesso i peggior crimini del mondo.

Ora è venuto il momento di contribuire alla riconferma di Virginia come sindaca di Roma, per tutti quelli che non voglio RI-consegnare Roma al peggior PD che ci potesse essere in tutta Italia o alla destra di Salvini e Meloni

Sappiamo di lottare contro poteri enormi e finanziamenti da capogiro ai quali difficilmente potremmo arrivare.

Loro possono vantare dei contributi statali e dei finanziamenti pesanti da parte dei privati(avete visto la campagna di Carlo Calenda?? Andate a vedere sul suo profilo quanto ha già speso).

Possono contare su giornali e reti televisive.

Spargere Fango ogni minuto ovunque.

Guardate la campagna che stanno…

View original post 355 altre parole