Il cordone ombelicale

A una madre non sembra mai che il figlio cresca, ma cresce.

Io non penso mai “io alla tua età”, perché io alla sua età ero già divorziata, lavoravo da una vita, avevo vissuto all’estero, e avevo avuto esperienze terribili, tra cui fame, violenza e altri inferni.

Avevo cresciuto figli non miei, assistito l’anziana madre di mio marito, etc. etc. etc.

Ma un figlio è diverso. Credo di non essere la sola, riuscire a vedere il figlio come un adulto, metabolizzare la sua autonomia, non mi pare che sia un’impresa facile per molti.

Mia figlia è un medico. Bisogna che io me ne renda conto. E’ un medico e lavora come medico.

E’ una libera professionista, che si apre la partita IVA ed emette fatture.

E’ un medico che firma un contratto con duemila clausole legate al rischio professionale.

Lo so, a voi sembrerà normale, sicuramente lo è, ma io faccio fatica.

Si passa la vita a tagliare il cordone ombelicale, c’è sempre un ambito in più in cui tuo figlio non ha bisogno di te.

Ricordo un mio collega, quando la figlia non ebbe più bisogno di essere accompagnata a scuola, che mi raccontava di quanto gli mancassero quei dieci minuti con lei.

Il fatto che camminino con le loro gambe è un nostro successo, lo so, me ne rendo conto, guai se non fosse così.

Guai se non li svezzassimo, guai se non si rapportassero con chi è altro da noi, maestre, compagni di scuola… guai se non andassero a scuola e tornassero a casa da soli, se non cominciassero a fare qualche lavoretto, se non prendessero la patente…

Ed ora, finita l’università, compiuti un tot di anni, non è più a carico.

Era a mio carico al 100%, il padre non ha mai contribuito, ma per me era un onore, un onore non farle mancare niente, automobile scassetta compresa, tanto per farle fare esperienza e dirozzarsi un po’.

Ma oramai sono anni che guida… e guardo il suo curriculum, di tutto rispetto abbenché fresca di studi.

Cominciano i turni di notte, comincia la sindrome del nido vuoto…

18 thoughts on “Il cordone ombelicale

  1. No, mia carissima Diemme … NON è normale : i figli, per noi genitori, son sempre piccoli … e stentiamo a vederli grandi, anche se ora sono valenti e liberi professionisti, emettono fatture, guidano una loro macchina … cercano una nuova casa, lasciandoci con tanto amaro nel cuore quando riguardiamo, nella nostra casa, quella che fu la loro stanza, i loro poster, i loro libri … perfino i loro peluche di quando erano piccolini !
    Ahi, sensibile amica, come veloce se ne va il tempo !

    °°°

    Piace a 1 persona

    • E’ proprio duro il taglio… urca se è duro! Mi consolo con le parole di una mia amica, che qui non posso riportare perché vanno minato, della pecora inseguita dal montone che infine la raggiunge, il cui belato beeeeeee beeeeeeeee di piano e paura si trasforma in un beh, beh, beh, beh, come per dire “Però, niente male!”, per dire che in un primo momento mancano tanto, ma poi si comincia ad apprezzare la libertà.

      "Mi piace"

    • Eh così. Quando vidi mia figlia, che avrà avuto dieci/dodci anni e mi accompagnava in una casa famiglia in cui prestavo servizio, cambiare il pannolino a un bambino, mi fece l’effetto di un neonato che si occupava di un altro neonato. E’ inutile, i genitori non riescono proprio a vedere i figli grandi!

      "Mi piace"

  2. Non crescono mai abbastanza per noi, è un orgoglio vederli sistemati, con la propria carriera e la propria vita, ormai indipendenti e autonomi, però restano sempre le nostre bambine e la mancanza si sente, nonostante sia giusto così….

    Piace a 1 persona

    • Eh sì, dobbiamo farcene una ragione ed esserne felici. In fondo lasciare andare il proprio figlio è uno dei più grandi atti d’amore da parte di un gneitore.

      "Mi piace"

  3. Amor idem omnia.
    E già, stessi problemi.
    Mio figlio è lontano, perché far l’avvocato in provincia, non ha più senso, sono tanti, malpagati e si occupano di quisquilie.
    Ci sentiamo spesso, anche più volte al giorno.
    Quando pare stanco , mia moglie, si agita come se lo dovessero partorire nuovamente.
    Certo, si è orgogliosi. Lo si è sempre stati, mai avuto problemi, ma il cordone è moooolto elastico, più lo tagli più pare lungo.
    Forse anche la psiche contiene staminali?
    Un abbraccio
    Giancarlo

    Piace a 1 persona

  4. A chi lo dici… io che ho tanto combattuto con dei genitori che non mi lasciavano andare e che il cordone ombelicale glielo ho strappato io mentre loro lo tenevano ben legato, aspetto di trovarmi nella stessa situazione con mia figlia per capirli e forse perdonarli di più… ♥️

    Piace a 1 persona

    • Sì, si riescono a capire i propri genitori quando lo diventiamo a nostra volta: non capiamo che avevano ragione, perché non l’avevano, ma capiamo che è inevitabile commettere quegli errori che si commettono esclusivamente per troppo, incommensurabile, strabordante amore.

      "Mi piace"

    • è giusto ed è anche bello questo meccanismo compensatorio che per quanto sia stato psicologicamente faticoso all’epoca difendere la propria libertà ed il diritto a essere considerato un individuo autonomo diverso da loro ci fa capire le loro intenzioni di protezione sulla spinta di un estremo amore. l’unica cosa che mi rattrista a volte è che mi rendo conto che nonostante tutto loro non ne sono ancora consapevoli. ma di questo ne soffrono più loro di me…

      "Mi piace"

  5. Forse sarò io che proietto in tutto quello che vedo o sento, forse è la sera …. ma quanta malinconia c’ è in giro, cara Diemme ! Dove sono quei sorrisi allegri di cui ci riempivamo l’ anima …. dove quel nostro scherzare e prenderci in giro, ma sempre simpaticamente …. DOVE ??? 😦
    Ho chiuso le finestre per non sentire il pianto,
    ma dietro i muri grigi non s’ ode altro che il pianto ! 😥😥😥

    "Mi piace"

  6. Quello che hai scritto è bellissimo…l’amore per i figli e sconfinato, o almeno dovrebbe.
    Certamente voremmo non tagliare mai quel cordone, ma è inevitabile. E’ anche vero che fondamentalmente non si lacera mai quel filo che da la vita fin dal concepimento.
    L’importante è vederli camminare su una buona strada.
    La tua mi sembra ci riesca benissimo, e per te è sicuramente motivo di orgoglio, anche perchè è evidente che hai “lavorato” bene , hai “amato” bene, anche se ci sono sempe scivolate, la strada è ben asfaltata.
    Vi abbraccio entrambe ❤ ❤

    "Mi piace"

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.