L’altalena della (in?) felicità

bambina in altalena

Tanti stati d’animo, sempre tutti insieme, come in un’altalena impazzita, e questo cuore mio,due volte nella polvere, due volte sull’altare“.

A volte penso di essere pienamente soddisfatta e mi pare che “una vita onorevole”, come la definiscono gli orientali, alla fine paghi, e sono felice di essere la persona che sono.

Spariscono l’ingrata Pdf, l’immemore Xavier, la madre “sasso”, i sogni perduti, la difficoltà della situazione di questo Paese difficile e incerto, nonché così oneroso per la gente onesta.

“In pace con gli uomini e con Dio, e padrona della mia libertà”, questo potrebbe essere il mio motto, a volte mi sembra persino di aver fatto la differenza, che lascerò, come si suol dire, questa terra, con un albero in più di come l’ho trovata.

A volte invece precipito, non dico negli abissi della depressione, da quelli grazie al cielo mi sento tutto sommato distante, ma nella malinconia della stanchezza, nello sconforto della solitudine, nel rimpianto di una vita in cui di opportunità e talenti ne ho sprecati davvero tanti.

E’ estate, l’estate mi fa bene, cammino tanto, o baciata dal sole caldo o accarezzata dalla brezza tiepida, mi godo quegli angoli incantati di Roma che troppo spesso per la fretta mi sfuggono, mi sento in piena armonia e poi… poi all’improvviso sento il cappio al collo, l’instabilità della vita, le questioni troppo grandi da affrontare mi tolgono d’un tratto le forze.

E’ allora che riprendo fiato e mi dico che la vita va misurata a metri, e quando è troppo difficile anche a centimetri se occorre, perché se uno la strada lunga e tortuosa da percorrere la vede tutta insieme poi si spaventa e si paralizza, e allora è meglio andare piano ma a ogni passo guadagnare terreno.

Poi capita che, passo passo, questo passo acceleri e prendo il volo come una farfalla nel paradiso della leggerezza e dell’armonia, e poi di nuovo giù, con un’ala spezzata, a camminare con una zampetta spezzata anche lei, fino alla prossima gioia, fino alla prossima sensazione di benessere e di armonia, e su, e giù, e su…

Chiaramente non mi drogo, se non di gioia o di dolore.

17 thoughts on “L’altalena della (in?) felicità

  1. Hai detto tutto, è il metodo migliore, i bassi li hanno tutti che li facciano vedere oppure no, l’importante è reagire, proprio come stai facendo tu 😉

    "Mi piace"

  2. Bene, possiamo dire che sei un pesciolino che nuota nel mare magnum, come tutti.
    Le ansie e le gioie fanno parte di noi, cambia per ogniuno il modo di affrontarle.
    Purtroppo si nasce col retrovisore incorporato, per cui una gioia genera l’ansia al pensiero che finirà presto, parimenti le angosce sono attenuate dalla speranza che dovranno terminare. Tutto a causa del passato, che forma esperienza, ma priva di quella visione del futuro, benché sconosciuto, tutto sommato benevolo.
    Esiste il detto “la speranza è l’ultima a morire”
    Vorrà ben dire qualcosa, visto che si tramanda da secoli.
    Fai pure la farfalla,quando ti senti orso. Va in letargo, vedrai che passa.
    L’altalena torna sempre perpendicolare.
    Un abbraccio
    Giancarlo

    "Mi piace"

  3. Non saprei proprio trovare un difetto in questo tuo post.. credo che molti si riconosceranno nella descrizione dei tuoi stati d’animo e nelle tue considerazioni sulla vita.
    L’istinto di sopravvivenza credo che nella maggior parte dei casi prevalga, permettendoci di superare le situazioni peggiori, per andare oltre, sospinti anche dalla visione e della percezione del bello che il mondo offre.
    Buon cammino allora, a piccoli o grandi passi… oppure volando, se possibile 🙂

    "Mi piace"

  4. Ahò … er sor Erico ( felice rentree … ci mancava un po’ ultimamente ) t’ ha fatto scjioje ??? 😳
    Ennò è ???
    Macchette scjorta e ggjù de peso ….
    Noyo, a sora Djemme …. la rivolessimo pe’ intera, chilo pe’ chilo, etto pe’ etto, grammo pe’ grammo !!!
    😍

    "Mi piace"

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.