L’invenzione de la rota (by Carlo Renzi)

L’ INVENZIONE DE LA ROTA

Quanno che ar monno nun ce stava gnente,
l’ommo se sollazzava tutto er giorno.
A mezzoggiorno metteva sotto ar dente
tre bacche cò du’ erbette de contorno.
E pe’ dormì bastava ‘na caverna,
senza dovè dà tasse a chi governa.

Nun pagava nè luce nè piggione,
e a nisuno doveva renne conto.
Ma quarchiduno fece ‘n’invenzione.
De che se tratta? Mo ve l’aricconto.
Vedenno un sercio tonno rotolante,
te fece ‘na penzata illuminante.

Ce lavorò pe’ un annetto sano,
l’attrezzatura mica ce l’aveva,
doveva da fà tutto cò le mano.
Poi, finarmente, evviva, se moveva.
In quer momento nacque quer progresso
che cià portato a quer che semo adesso.

E mo, a vedè ‘sta tera in agonia
pe’ tutto quello che poi s’enventorno,
me se sta a scatenà ‘na fantasia:
Pe’ torna a sollazzasse tutto er giorno
e, cor monno, vibbrà all’istessa nota,
ce basterebbe rinuncià a la rota?

(Carlo Renzi, 22/11/18)

15 thoughts on “L’invenzione de la rota (by Carlo Renzi)

  1. Ahò …. a sora Djè, ma che ‘sto Renzi qua, ‘sto poeta romanesco amico tuo, fosse parente de l’ ex presidente der consijo Matteo Renzi ??? 😳

    "Mi piace"

  2. Ohò … a milady …. che ci siamo fatti inglesi, eh ??? 😳
    A bbella …. parla come magnij, e cjovè ‘n romanesco … ched’ è a lingua nostra !!! :mrgreen:

    "Mi piace"

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.