Casa mia casa mia atto V: il risveglio

Se Miriam Maisel (“La fantastica signora Maisel”) ha avuto successo come comica raccontando i drammi della propria vita, non vedo perché io non potrei avere lo stesso successo raccontando quelli della mia, che è davvero mooooooooolto divertente. In effetti quando racconto qualcosa in ufficio o alle mie amiche si spanciano dal ridere, e allora perché non coinvolgervi nell’esilarante mondo della fantastica signora Diemme?

Ho raccontato per prova come si svolge il risveglio in casa mia a una mia amica che alla fine aveva le lacrime agli occhi dal ridere, e allora ve lo ripropongo.

Tanto per cominciare caliamo un velo pietoso sul come dormo la notte, sappiate solo che mi alzo con le ossa rotte. Mi salva la stanchezza che mi consente di dormire in qualsiasi posizione, pure ripiegata in tre come i contorsionisti quando negli spettacoli devono far finta di essere stati tagliati a pezzi  e si accartocciano in un quadratino di spazio, che è più o meno quanto mi è concesso.

Dunque, tiro su un braccio e una gamba che penzolano da un lato, guadagno faticosamente l’altra sponda del letto – spesso a costo di improbabili esercizi ginnici – e finalmente metto i piedi a terra.

Per “a terra” intendo “a terra”, se mi va bene, ma c’è il fortissimo rischio di infilarne almeno uno in un piatto, perché mia figlia ha l’abitudine di portarsi la cena in camera mia, mangiare accanto a me mentre io cerco di dormire, e poi poggiare il piatto in terra mentre continua a interrogare il telefonino. Forse l’intenzione è di riportarlo in cucina una volta che si alza, ma tant’è  che il più delle volte rimane a terra e bisogna pregare che la cena non sia stata una zuppa lasciata a metà.

Schivato il piatto bisogna cercare le ciabatte, lasciate la sera ai piedi del letto l’una accanto all’altra, ma evidentemente partite nottetempo per viaggi esotici. Generalmente almeno una si trova quasi subito, per la seconda bisogna cercare un po’, ma alla fine perlopiù salta fuori anche lei: non pensiate che la seconda sia la compagna della prima, più probabilmente è dello stesso lato, vale a dire: o trovo due destre o trovo due sinistre.

Attenzione: prima di calzare le due ciabatte è opportuno ribaltarle ed eventualmente svuotarle, perché è molto probabile che, sempre nottetempo, qualcosa sia caduto da qualche mobile e vi sia finito dentro: più di una volta mi è capitato di ritrovarmi sulla punta un fermaglio, o una limetta, una forcina o una boccetta di smalto.

Una volta finalmente calzate queste benedette ciabatte (ribadisco, di due forme diverse, due colori diversi, ma rigorosamente due destre o due sinistre) mi reco al bagno, che trovo rigorosamente e solidamente occupato: l’aspetto è buono è che riesco almeno a recuperare la mia ciabatta e ricomporre la coppia, ma per tutto il resto dovrò aspettare.

Rassegnata mi reco in cucina per preparare il caffè, e questi sono solo i primi cinque minuti della mia giornata…

 

Annunci

27 thoughts on “Casa mia casa mia atto V: il risveglio

  1. Ottimo
    Suppongo che il resto della giornata sia avventura , pura commedia stile Billy Wilder.
    Però se diverte gli altri, fai bene a raccontarti.
    Una giornata senza una risata è una giornata persa (Chaplin).
    Una risata è meglio di un caffè, non è neppure necessario lo zucchero (Groucho Marx).
    Un sorriso solare
    Giancarlo

    Mi piace

  2. Sì, è opportuno prendere in ridere, ironicamente, la nostra vita, la nostra quotidianità.. e abituarsi anche a raccontarla in modo tale da suscitare allegria, dando così una rappresentazione più “leggera”, più frivola di sé, il che non guasta.
    Nessuno, salvo lodevoli eccezioni, ha voglia di condividere le cure, le disgrazie, degli altri… avendone già a sufficienza delle proprie 😉

    Mi piace

  3. Cara … cara Diemme, io continuo a scherzare ( con te … con me … con tutti/tutte ) e non so nemmeno come stai, se il lavoro t’abbatte, se Sissi t’ aiuta …. o se continui ad essere una donna sola, alla cui forza tutti e tutte si appoggiano senza darti, però, il minimo sostegno !
    Ti penso e ti abbraccio, amica mia … e depreco la mia impossibilità a darti un aiuto concreto ! 😦

    Piace a 1 persona

  4. Ne sono certo …supererai anche questo momento ! 🙂
    E, frattanto,ti siano di conforto i versi di una mia amica Poetessa …. assai vicinaa te! 😀

    Amore amore amore
    amore amore,
    sempre con meno sogni
    e più ferite al cuore,
    con più rimpianti,
    e sempre più paura .

    Prima eri l’ universo
    e mille soli,
    poi eri la terra
    e le stagioni amare,
    e poi tempesta, grandine, stupore.

    Quello che provo ora
    è figlio di un dio minore,
    ma stringimi più forte
    e sarà ancora amore!
    By P.V.

    Ecco … come chiese la Poetessa,
    TI STRINGO A ME PIU’ FORTE
    E SARA’ ANCORA AMORE ! 💕

    Mi piace

    • Mi avevi preannunciato che mi avevi postato una poesia, non mi aspettavo fosse una mia! Ricordo bene come nacque quella poesia, e il suo significato è sicuramente universale, racconta la difficoltà di fidarsi/affidarsi di nuovo dopo mille delusioni, ma anche il bisogno e la forza dell’istinto naturale a farlo, a crederci di nuovo. Però ricordo pure per chi scrissi quella poesia, un pezzo di merda di proporzioni cosmiche.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.