Archivio | 12 gennaio 2018

Ode a Spelacchio

 

Io vorrei dedicatte ‘na poesia,

ma tu Spelacchio mio sei già poesia

puro se c’è chi dice n’antra cosa.

T’hanno tajato, spostato e messo in posa

senza attenzione e senza accorgimenti,

e così te, che hai visto antri momenti,

da abete sano, rigojoso e roscio

te sei trovato spelacchiato e moscio,

esposto ‘n piazza a faje da zimbello:

te proprio ch’eri stato così bello!

 

Che te lo dico a fa’ che li nemichi

der sindaco de’ Roma, pòra stella,

‘n gn’è parso vero de fa’ la canzonella

e d’appioppatte ‘n nome migragnoso.

Che invece poi pe’ noi è stato affettuoso:

era Natale, te pare che la sorte

nun cambiava la storia a ‘sto porello,

e trasformava ‘sto gracile arberello

e lo sarvava da la condanna a morte?

 

Fu così che iniziò  ‘n pellegrinaggio

de gente che veniva pe ‘vedello

magari pronta pure a disprezzallo,

ma dopo a constata’ quant’era bello.

In tanti t’hanno messo là ‘n bijetto

a testimone che c’era tanto affetto,

e datte quer coraggio e quer conforto,

pe consolatte da chi diceva: “morto!”.

 

Poi ieri sera t’avemo detto addio

ma nulla mòre e tutto se trasforma,

e invece d’esala’ l’anima a Dio

t’aripresenti sotto ‘n’antra forma:

col legno tuo faranno ‘na casetta,

‘na “Baby little home” pe’ quelle madri

che voranno allatta’ li regazzini

dentro a un riparo e senza avecce fretta.

 

Addio Spelacchio, ritorni ‘n Val de Fiemme,

ma resti dentro ar còre dei romani

che se stanno a riprènne lemme lemme

dai danni de ‘na manica de ’nfami.

 

(Patrizia Vivanti, 12/01/2018)