Archivio | 7 aprile 2017

Sono così

E anche quando non “le” conviene. Sapevo che scrivendo quello che ho scritto sulla Pdf qualcuno si sarebbe allontanato, e me ne dispiace, ma sono una donna senza infingimenti, non manifesto quello che non provo, non ostento un buonismo manieroso, un perdono di facciata, una superiorità nei confronti delle passioni del mondo come se non mi appartenessero.

Sono umana, terrena, sanguigna, passionale nel bene e nel male, amo visceralmente e altrettanto visceralmente disprezzo, ho la memoria lunga per il bene – eterna gratitudine – come per il male – eterno rancore.

Mia nonna diceva sempre “Fa’ il bene e scòrdate, fa’ il male e pèntete”, ma io questo invito non sono riuscita a seguirlo, piuttosto mi sono spesso pentita di aver fatto del bene, una volta resami conto della natura più vera del destinatario, ultima proprio la pdf.

Mi dispiace, se non riuscite ad accettarmi così mi dispiace perdervi, ma è molto più importante per la mia pace e la mia serenità che mi accetti io, perché di perdere me stessa non posso proprio permettermelo.

Ma che ci state a fare nei gruppi?

Ce l’ho sempre con fb, cioè no, ce l’ho con l’uso che ne fa certa gente.

Cioè no, non ce l’ho con l’uso di fb, ce l’ho con certa gente che urla al mondo un suo problema o una sua decisione magari drastica ma ammette come replica solo “Bene, bravo, 7+!”: ma se non accettate il contraddittorio, e parlo di un contraddittorio educato, magari pure motivato da premura nei vostri confronti, che li scrivete a fare i post pubblici? Magari la prossima volta, se avete di questi problemi, invece di scrivere il post su fb, in un gruppo magari di 8000 persone che leggono, scrivetelo su un foglio di carta e mettetevelo in un cassetto, così nessuno vi critica, non vi pare?   👿