Archivio | 30 novembre 2016

Casalinghe disperate

pattine-con-mocio

Non so come sia successo, giuro che non lo so, ma su fb mi sono ritrovata iscritta in un gruppo di casalinghe che si scambiano consigli su pulizie domestiche e prodotti per la casa: non potete immaginare quanto mi senta un pesce fuor d’acqua, mi sa che nemmeno in un gruppo di teste rasate mi sentirei fuori luogo come in quel gruppo!

Però, siccome non si può andare al mulino senza infarinarsi, tanto decantavano le doti della scopa al silicone che sono andata a cercarne l’immagine su Google immagini.

Totalmente nauseata dalla visione di tante tipologie di scope, scopettoni, moci, swiffer e raccoglipolvere di ogni genere, arriva all’improvviso tra tante, forse per un’errata interpretazione della chiave di ricerca, una donna-coniglietta in sexyabito china a quattro zampe, con pennacchio sul sedere all’insù e lo sguardo ammiccante.

Beh, per quanto io pensi e mi comporti come una monaca di clausura e sia quanto di più lontano immaginabile dalla “bambina cattiva”, o “femmina maliarda” o donna intrigante/ammiccante/seduttiva/conturbante, mi sono sentita mille volte più vicina a lei che alle casalinghe disperate che si scioglievano in gridolini di fronte a qualsiasi cosa potesse raccogliere polvere e lucidare!

Però nel gruppo per ora ci resto, se non altro per capire che non avere una casa perfetta forse è anche una scelta… e di fronte a tutte quelle grida di orrore di fronte a un granello di polvere e urla di piacere per l’ultimo prodotto sgrassante, me ne vanto pure!