Terremoto

Terremoto Umbria 24 Agosto 2016

Stanotte ci siamo svegliate con una scossa di terremoto, alle 3.36 circa.

La prima cosa che ho pensato è che, grazie al cielo, mia figlia era lì: qualunque cosa eravamo insieme.

Poi ho pensato alla lite in ufficio ieri, sempre con persone più giovani, a riprova che quando si matura le priorità cambiano, e si dà meno importanza alle cose che non ce l’hanno: la vita è un attimo, e non vale la pena di sprecarla o di avvelenarsi il sangue per scemenze.

Stanotte un terremoto a ricordarcelo, anche a chi non aveva bisogno di questi promemoria.

A proposito, c’è bisogno di sangue, lo hanno chiesto a Rieti, ma ci siamo informati e si può donare qui, loro hanno i mezzi per trasportarlo.

Il numero dell’Avis di Rieti, o dell’Ospedale de Lellis, non ho capito bene, dovrebbe essere questo: 0746 200655.

Sono attivi i numeri della Protezione Civile: 840840 e  803555.

Notizie sul terremoto possono trovarsi qui: http://www.today.it/cronaca/terremoto-italia-oggi-lazio-abruzzo-marche-24-agosto-2016.html?ododfff

Annunci

14 thoughts on “Terremoto

  1. E’ proprio così: passa tutto in ultimo piano davanti a questi tragici fatti e alla grande paura che scatena un terremoto.
    Sto seguendo in tv, brutta situazione. Per voi romani un grande spavento. Ci sentiamo piccolissimi di fronte alla forza della Natura.

    Mi piace

  2. Ciao carissima, a me è subito venuto in mente il paesino, ad una ventina di chilometri da Amatrice, dove l’anno scorso in occasione dell’adunata degli alpini a L’Aquila siamo soggiornati e la bella accoglienza, col cuore direi, che abbiamo ricevuto e la festa da parte di tutto il paese che ci è stata fatta.
    Paesi con tante abitazioni vecchiotte, ma con persone piene di umanità e generosità, caratteristiche che ritengo comuni a tutte quelle località, quindi anche ai paesi colpiti dai quali vediamo i servizi televisivi sulle immani distruzioni, con vittime delle quali speriamo gli interventi riescano a contenere il numero, che per ora è la cosa più importante, perchè lo spavento della gente e le necessità di ricostruzione rimarranno!
    La cosa che ritengo più inquietante, che per certi versi fa sentire indifesi è l’ora della scossa, che fa pensare quanto poco ci voglia per passare dal sonno al sonno eterno.
    Come italiani abbiamo tanti difetti, ma una caratteristica che non ci manca è la solidarietà, che speriamo si attivi concretamente anche in questa occasione per portare aiuto e sollievo a coloro che sono stati così duramente colpiti.

    Liked by 1 persona

    • La solidarietà si è attivata, questa non manca al popolo italiano come pure, ahimé, non mancano gli speculatori e chi già gode pensando ai guadagni. Il problema è un altro, che oggi contiamo 247 morti e la conta non è ancora finita, e che queste morti potevano essere evitate, come è successo a Norcia, ricostruita con criteri antisismici e che, vicinissima all’epicentro, non ha contato alcuna vittima.

      Ci sono casi in cui gli speculatori non sono solo immorali (come magari questi cui brillano gli occhi al pensiero dei lauti guadagni che porterà la ricostruzione), ma dei veri e propri assassini, al pari di chi si mette al volante ubriaco o drogato: se la vittima non ci scappa è solo questione di fortuna, ma se ci scappa è cronaca di una morte annunciata.

      Mi ricordo mio padre il quale, nelle gare d’appalto, pur riducendo il suo margine di guadagno a zero, a un certo punto non riusciva più a ottenere contratti. Alla domanda “E gli altri come fanno?” lui rispondeva: “Risparmiano sui materiali, ma io non mi abbasserò mai a questo, nessun palazzo crollerà per colpa mia”: beh, evidentemente non sono tutti come lui, e i palazzi continuano a crollare (anche senza terremoto…).

      Io spero che non solo le città colpite vengano ricostruite con criteri antisismici, ma che vengano messe in sicurezza per il futuro anche le case e le zone non colpite.

      Qui stiamo tutti andare a donare il sangue, chi ci amministra “doni” almeno i soldi delle nostre tasse per la ricostruzione.

      Mi piace

  3. Come nel commento sopra il mio, si l’ora della scossa… anzi le ore e se ci si fa caso nella maggioranza i terremoti avvengono di notte, quando diventa impossibile trovare lucidità per mettersi al riparo. Mi son chiesta stamane cosa leghi tale coincidenza…

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...