Smog e trasporti pubblici a Roma

ATAC - 800mila passeggeri

Roma diventerà come Pechino? Non lo so, ma hanno ricominciato a sbomballarci con domeniche ecologiche, blocco del traffico, targhe alterne e, considerando che bloccano persino le Euro 5, la vita del romano medio sta diventando impossibile.

Cioè, a questo giro il problema non mi tocca, visto che vado a Gpl (spendo una ventina di euro al mese di carburante al massimo, rosicate popolo, rosicate!), in compenso sono una che vive sui mezzi pubblici, e a Roma il quadro è il seguente, fermo restando il traffico allucinante:

  1. L’autobus non passa.
  2. Quando passa è talmente pieno che non riesci a prenderlo.
  3. Non è escluso che si rompa lungo la strada (oramai il tasso di vetture che interrompono la corsa per guasto è insostenibile), cosa che ti costringe non solo ad aspettare il successivo, che pure è difficile riuscire a prendere per problemi di capienza, ma a dover pure raggiungere a piedi la fermata precedente o successiva.
  4. Facile a Roma trovare un collo di bottiglia per lavori in corso.
  5. Facile a Roma, a orari di ingresso/uscita dalle scuole, trovare macchine anche in quarta fila, che se ne strafregano di occupare la strada (altri colli di bottiglia).
  6. Facile, a Roma, trovare una manifestazione, o una cerimonia di commemorazione, che comportano il blocco o la deviazione del traffico.
  7. E’ oramai, ve lo assicuro, all’ordine del giorno che, viaggiando in queste condizioni, qualcuno si senta male in autobus, per cui l’autobus si ferma e bisogna aspettare i soccorsi o il rinvenimento spontaneo della persona colta da malore (chi ha fretta sceglie in genere di scendere e salire su un altro autobus).
  8. Succede anche che l’autobus tamponi o sia tamponato, per cui si deve scendere e aspettare ancora il successivo in attesta che i conducenti dei veicoli coinvolti sbrighino tutte le pratiche (e lì c’è pure la ricerca di testimoni, che è la parte più divertente perché io mi offro sempre volontaria).

Tutto ciò premesso, vi pare una cosa strana che una persona mediamente sana di mente e non particolarmente votata al martirio ogni volta che può preferisca spostarsi in macchina anziché in autobus?

Siccome però i nostri governanti/amministratori sono dei geni, che mettono subito a fuoco il problema, ecco lanciare l’idea geniale degli autobus gratuiti, come se uno non li prendesse per risparmiare il prezzo del biglietto (io personalmente ho la tessera annuale, che incide di circa 20 euro al mese, figuratevi che grande spesa): come faccio secondo voi a far capire a questi che non è che gli autobus li devono mettere gratis, ma proprio che li devono mettere gli autobus, gratis o a pagamento che siano!

Considerate che io e mia figlia dobbiamo ogni giorno fare una levataccia perché all’università mi sono rassegnata ad accompagnarla io in macchina, visto che con l’auto impiego un quarto d’ora/venti minuti circa, mentre lei con gli autobus ci ha impiegato anche due ore e tre quarti, con attese che hanno superato, per un singolo autobus (ne deve prendere tre), anche un’ora e dieci!

Signor prefetto e amministratori tutti dell’Urbe nonché dell’ATAC, sapete cosa vi direbbe il buon Totò? Ma mi faccia il piacere!

 

 

Annunci

17 thoughts on “Smog e trasporti pubblici a Roma

    • I romani poi sono impossibili, davvero prendono la macchina pure per andare a comprare le sigarette, e comunque la vita in questa metropoli è davvero difficile. Instrada vedi tutti macchinoni, e tutti vuoti, il conducente e basta, anche questo significativo della dimensione di solitudine in cui viviamo.

      Mi piace

  1. Hai proprio ragione cara Diemme. Ma cosa vuoi poi che salvino le targhe alterne o ancora meglio il completo stop alle macchine? Nulla. mia cara . E’ tutto ridicolo. E tu lo hai evidenziato molto bene. Buon Natale a te e tua figlia. Un abbraccio. Isabella

    Mi piace

    • Lo sanno anche loro che questi blocchi non servono a niente, ma mi pare che i nostri amministratori, più che a fare qualcosa, mirino a “far vedere” che fanno qualcosa, quel qualcosa che per loro è gratis (e rinforzare il servizio pubblico non lo sarebbe) e peggiora la già stressantissima vita dei cittadini romani.

      Mi piace

  2. Pure questi non scherza ?!? 😯
    Beh … allora non ti resta che seguire l’ esempio di @Aquilanonvedente … e trasferirti – armi, bagagli, pronipote e figlia – ad Honolulu ! :mrgreen:

    Liked by 1 persona

  3. Roma è un casino.
    Soprattutto per i romani.
    Se ci date l’appalto a noi padani, eliminassimo i romani, abbattessimo tutti i ruderi che avete e poi facessimo fare un po’ di pulizia (mica ai vostri spazzini, però), soprattutto nelle stanze del “potere”, si vivrebbe meglio!
    P.S.: se volete, possiamo spostassimo pure il Papa. 😛

    Mi piace

    • Con “soprattutto per i romani” intendi “soprattutto per i romani che sono costretti a viverlo quotidianamente” o “soprattutto a causa dei romani”?

      Perché i romani (intendendo per tali quanti vivono a Roma, di qualsiasi origine ed etnia), sono perlopiù davvero incivili, e tendono a peggiorare una situazione già difficile. Il romano (nell’accezione di cui sopra) è quello che lascia la macchina esattamente davanti al bar per fermarsi a fare colazione, anche se è in terza fila e poco prima o poco dopo è tutto libero. Il romano è quello che ferma la macchina in curva, nelle strade strette dove devono passare gli autobus, bloccandone di fatto il passaggio e costringendo centinaia di passeggere ad aspettare che lui finisca di farsi i fatti suoi. Se si beccasse ogni volta una multa bella salata per interruzione di pubblico servizio, se ne guarderebbe bene in futuro a ragionare in termini di “un attimo”, “un momento” “torno subito”, laddove in quegli attimi e momenti di attesa che lui torni subito tutto il mondo si deve fermare. Roma è il regno dell’impunità, io ci risanerei le casse del comune con questi incivili.

      Ancora, i romani ti suonano e insultano se non passi col rosso, se ti fermi col giallo poi ti trovi la macchina praticamente penetrata da quello dietro, ti superano in curva e sotto le gallerie, io vorrei proprio sapere dove devono arrivare così di corsa che nulla può aspettare (tranne, ripeto, quando sono loro a fermare tutti unattimotornosubito.

      Per quanto riguarda il Papa, a me personalmente non dà nessun fastidio, anzi, m’è pure simpatico.

      Mi piace

  4. Ennò … questo Jè accuse adbversus i Cittadini Romani, NON mi garba per niente !!! 👿
    Poichè :
    1) i corrotti e/o corruttori NON sono “romani” ( nel senso di nati e vissuti a Roma ), bensì cispadani, nonchè cialtroni di politicanti che di Roma non hanno la benchè minima traccia ;
    2° tra gli agenti inquinanti e che causano lo smog, di Romani ce n’ è davvero pochissimi ;
    3° i Romani veri AMANO LA PROPRIA CITTA’ ;
    4° E, si er Papa ce donasse tutta Roma … e ce dicesse lassa annà chi t’ ama … noyo jè diressimo NO, SARVAMJIO ROMA !!! 😀
    Chesseppòi NUN me credessime …. beccateve questa ! :mrgreen:

    Mi piace

    • Punto, il cavaliere. Io i romani incivili li metterei al muro e li fucilerei, così la smettono di ostacolare la vita a tutto il resto della popolazione civile.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...