In guerra

No, non quella contro l’ISIS, parlavo di quella quotidiana, quella che ognuno di noi affronta ogni giorno, cercando di barcamenarsi tra sciacalli, pescecani e smemorati vari, che siano cinici opportunisti o semplicemente dei Peter Pan.

Oggi la mia giornata è stata dura, ho dovuto ripetere un pagamento del quale si era incaricato un professionista, praticamente scomparso con i soldi. Cioè no, lui non è scomparso, è scomparso solo il pagamento, che lui giura di avere effettuato, ma di cui rigorosamente non trova la ricevuta che sono due anni che gli chiedo. Un dannetto, al quale sopravviverò, ma diciamo che un mese abbiamo lavorato per la patria, che si aggiunge agli altri undici che lavoriamo per i politici: urge qualche spesa personale per pareggiare i conti, anche gli orsacchioni hanno bisogno di coccole!

Poi c’è un’altra questione, che però non riesco a raccontare parlando del peccato senza fare intuire chi sia il peccatore. Diciamo allora semplicemente che c’è della volgarità nell’ingratitudine, nell’opportunistico cinismo nei confronti di persone che hanno avuto il solo difetto di volere troppo bene a chi, evidentemente, tanto disinteresse non lo meritava (o tanto interesse? In realtà parlo di affetto disinteressato, quindi la reprimenda è nei confronti di chi l’interesse disinteressato – eccovelo il gioco di parole! – proprio non lo vale).

Ok, andiamo avanti. Tanto per gradire ho pure saltato il pranzo. 😉

Annunci

32 thoughts on “In guerra

  1. mentre cerco di ritrovarmi dopo essermi smarrito nel gioco di parole, la cosa più sensata che mi sento di aggiungere come commento a questo post è: buona cena!!!!! 😛

    Mi piace

    • Ma se smarrisci la ricevuta e dall’altra parte il pagamento non risulta è una coincidenza inquietante, non ti pare? Se poi la ricevuta gliela chiedi incessantemente per due anni ed è sempre il momento in cui non la può cercare, qualche sospetto ti viene o no?

      Mi piace

    • Il fatto è che sono sorpresa pure relativamente… ma sai com’è, mia madre dice sempre “Mal di denari non fu mai mortale”: i soldi vanno e vengono, è la salute quella che conta, e speriamo il Padreterno ce la mantenga!

      Mi piace

  2. Una cosa è certa: quel professionista ha definitivamente perso una cliente. Ne è valsa la pena per (diciamo) una sommetta? Forse è anche in buona fede, ma a un professionista non è concessa distrazione o sbadataggine coi soldi altrui.

    Mi piace

    • E se sbaglia, perché anche lui è umano, deve assumersene le responsabilità. E’ una persona che non riesco più a capire, professionista molto preparato, da qualche tempo si è completamente perso: che non abbia incontrato pure lui una pdf? O la vita l’ha messo troppo alla prova e ha mollato la presa? Il fatto è che, come con Filippa, oramai il viaggio iniziato bisogna portarlo a termine, che Dio ci aiuti.

      Mi piace

  3. io però il pranzo non l’avrei saltato al posto tuo … almeno avrei evitato di aggiungere mancanze a mancanze ….
    Poi che altro dire … mi dispiace per tutto quello che racconti, spero che prima o poi almeno i soldi comincino ad entrare invece che finire sempre per uscire dalle tue tasche.
    Stasera anch’io sono abbastanza provata, non mi sento bene e ho avuto una discussione abbastanza “intensa”, che spero generi almeno un pochettino di messa in discussione … Ci ho quasi perso completamente le speranze … anzi, mi ci metto io in discussione, ho sicuramente qualche problema di comunicazione, di come io comunico le cose.

    Mi piace

    • Beh, i soldi magari entrano, visto che lavoro, ma certo che siamo un popolo sotto pressione. Mi dispiace pel la tua discussione intensa, spero che non riguardi le pareti domestiche. Tu mettiti pure in discussione, ma non troppo, comincia a pensare che ogni tanto sbagliano pure gli altri!

      Mi piace

    • Dovevo ripagare per forza, il debito era a nome mio, e la questione poteva pure peggiorare. Lui ci ha provato a dire di non farlo, che se ne sarebbe assunto tutte le responsabilità, ma se tanto mi dà tanto… carta canta, villan dorme, e di gente che giurava e spergiurava che avrebbe fatto fronte alle proprie responsabilità, e poi non l’ha fatto, di tanto in tanto ne ho incontrata, e solo tutelarmi mi ha salvato da conseguenze più gravi. Poi, arriverà pure il momento del chiarimento.

      Liked by 2 people

  4. Mah, solitamente i professionisti, tipo commercialisti, sono assicurati in caso di loro errori.
    In ogni modo, mancando le prove del regolare versamento, potrai rivalerti su di lui in sede legale, se necessario.

    Mi piace

    • No, io non ho prova del mio di versamento a lui… pare che in Italia chiedere una ricevuta a qualcuno equivalga ado offenderlo: passi per uno sconosciuto, ma un amico! E, in effetti, chi se lo sarebbe mai aspettato! Ha fatto altre commissioni per altre persone, e hanno dovuto insistere (beh, non moltissimo) per pagarlo! E infatti io, con molta amarezza, gli ho detto: “Ma non ci facevi più bella figura a prenderteli come parcella?”.
      Comunque, la storia non è ancora finita, che Dio ce la mandi buona.

      Mi piace

  5. SOLDI ?!? 😯
    @Diè, ma sempre ai soldi stai pensando ???
    Pensa invece all’ AMOUR, l’ AMOUR …. l’ AMOUR TOUT JOUR …. vedrai che andrà meglio ! 😀

    Mi piace

  6. De resto, come afferma anche @Ergatto ( de Notre-Dame ??? ), pensà a li sordi è ‘na guera che logora, che appanna l’ occhi a le bbelle donne, e che nun finiscjie mai, in quanto che LI SORDI LOGORANO – come scriveva puro er romano @Andreotti – CHI NUN CE L’ HA !!! :mrgreen:

    Liked by 1 persona

  7. Pingback: La lista dei regali | Diemme - Ogni cosa è illuminata

  8. Pingback: Di cicale e di formiche | Diemme - Ogni cosa è illuminata

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...