Taxi!

il-tassinaroalbertone

Oggi, tanto per cambiare, ero sull’autobus. Davanti a quello su cui ero io c’era quello che avrei dovuto prendere per arrivare al lavoro, e quindi contavo di scendere alla prima fermata in coincidenza e saltare sull’altro.

Tra noi, però, si era messo un taxi, che rendeva più difficile riuscire a prendere al volo il bus precedente. Questo taxi, pur essendo la corsia a sinistra libera, se ne restava lì bloccato, tranquillamente, con il passeggero a bordo forse impaziente, mentre il tassametro correva.

Io e un gruppetto di passeggeri ci siamo messi a commentare di come ci siano tassisti disonesti che fanno passare la voglia di utilizzare il servizio, di fatto penalizzando l’intera categoria.

Una sera ero stata a cena fuori e il tassista – non mi piacque a istinto! – si prese 35 euro per riportarmi a casa.

Ora la mia amica giornalista, che ha ingressi gratuiti per tutti gli eventi di questo mondo, m’invita in continuazione ovunque e io in continuazione rifiuto, perché se per tornare la sera tardi devo prendere un taxi a tariffa d’usura, il beneficio del biglietto omaggio praticamente si perde! Riflettevo però sul fatto che se una corsa in città, e non parlo da un capo all’altro, venisse una quindicina di euro, io uscirei di più, probabilmente molti altri come me si regolerebbero nello stesso modo e i tassisti lavorerebbero di più e non lamenterebbero la crisi.

Prima, ogni tanto, alle fermate degli autobus, s’incontrava qualcuno che aveva molta fretta e alla fine si risolveva a chiamare un taxi, ma oggi la gente, alla fermata, se ha molta fretta il massimo che si può permettere è d’imprecare!

Advertisements

26 thoughts on “Taxi!

  1. Quando tentai il concorso all’arma per raggiungere la sede dovetti prendere il taxi. Fu un viaggio di circa 30 km e mi chiese 50 euro. Altre 50 dovetti darle per farmi riaccompagnare alla fermata del pulman per tornare a casa. 100 euro in solo taxi. Conta che in benzina e in lavoro tra andata e ritorno il taxi avrà speso non più di 30, 40 euro al massimo. Non il doppio. Ecco che poi spunta il car sharing e bla bla car, le offerte Trenitalia e la condivisione delle navette. Per non parlare del servizio nolo con conducente il cui risparmio è elevato. Il monopolio del taxi è spartito ma la voglia di fregare no. Non so se i prezzi applicati dai tassisti sia uguale in tutta Italia o lo sia per tutti. Sta di fatto che come si solleva un’iniziativa a favore dei consumatori, loro scioperano.

    Mi piace

  2. Pigliare un taxi … in ore notturne ( ma anche diurne ) ?!? 😯
    Ma sei impazzita ??? Hai forse vinto all’ enalotto ?!?
    Naaaaaaaaaaa …. assolutamente naaaaaa !
    Mooolto meglio pigliarci un bel ‘caffè caffè’ fumante !!! :mrgreen:
    Postescritto : la tua amica giornalista, ogni volta ti invita a teatro o a cena ‘aggratis’ … è sì “un’ amica”, ma – a mio parere “non” errante – è UN’ AMICA DEL GIAGUARO !!! 😆

    Mi piace

  3. La cosa triste è che solo in Italia è cosi. Io sono arrivatata a pagare 80 Euro una corsa da piazza del popolo a prenestino…rendo l’idea? In spagna rientravo sempre con il taxi a 10 Euro e con la patente salva per los tesso tragitto…. I giovani oltretutto cosi sono meno incentivati a guidare…

    Mi piace

    • Sì, fatto, nonostante la stazza sono di un’agilità insospettabile, soprattutto per quanto riguarda la specialità del salto da un autobus all’altro! 😉

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...