Giornata difficile

stanchezza donna schiacciapatate

Ieri la giornata l’ho trascorsa in ospedale, un mio familiare si è dovuto sottopporre a un intervento piuttosto impegnativo. Il contesto è stato drammatico, la tensione alle stelle.

Sono stata in ospedale dalla mattina alla sera, praticamente anche senza mangiare e, tornata la sera a casa distrutta, oltre a trovarla in condizioni disastrose, sono stata anche accusata di essere “cattiva” per non dispensare abbastanza coccole e ho dovuto discutere per esercitare il mio diritto a dormire.

Considerando che in teoria l’educazione gliel’avrei impartita io, dovrei recitare un bel mea culpa, ma io insisto a sostenere che sia un fatto genetico, rigorosamente ereditato per via paterna.

E oggi un’altra giornata “impegnativa”, chissà quanto sarò cattiva stasera al ritorno a casa…

Annunci

25 thoughts on “Giornata difficile

  1. Speriamo che stasera tu sia un po’ meno cattiva e che, lo speriamo proprio tutti, le cose della salute siano filate tutte per il meglio possibile.Un abbraccio.

    Mi piace

    • La sera sono stata cattivissima… la pargola ha deciso di trattenersi all’università, costringendomi, stando di sera in una zona isolata, a riprendere la macchina per andarla a recuperare: me la sono mangiata viva!

      Liked by 1 persona

  2. Non avresti dispensato abbastanza coccole ?
    Perché, le coccole adesso vanno un tanto al chilo ?

    Perdonami se sono tranchant, ma la bella principessa avrebbe bisogno di passare un mesetto come volontaria in una casa rifugio dove ci stanno le VERE vittime di gente cattiva che non dispensa “abbastanza” coccole.
    Magari rivedrebbe un pochino certi paradigmi.

    Mi piace

  3. Ha detto bene l’amica che ha commentato qui sopra: la cosa più importante per oggi è che le cose si mettano meglio per il familiare ricoverato, magari che non necessiti più dell’assidua assistenza.
    Pare anche a me che certe pretese di tua figlia siano spia di un certo modo egoistico di vedere le cose, ereditato da chi di tutto ciò ha ampiamente dimostrato di essere maestro.
    Credo che tu non ti debba assolutamente fare problemi nel regolarti, per queste cose, come hai fatto con colui che le ha trasmesso cecità per i problemi degli altri e riflettori per le proprie fisime.
    Un abbraccio a te, coraggio sempre ed auguri per tutti i vostri bisogni. Ciao

    Mi piace

    • “Cecità per i problemi degli altri e riflettori per le proprie fisime”: hai centrato il punto, questa la incornicio e l’appendo!

      Grazie caro Sergio per esserci sempre! 🙂

      Mi piace

  4. Quanto sarai “cattiva” …stasera ?!? 😯
    Premesso che, allo stato, dovresti rientrare con un bazooka e fare piazza pulita, in realtà NON lo farai ….
    Perchè ???
    Perchè sei “carta accanasciuta”, urli e strepiti, minacci or questo or quello … e poi, dopo aver ricomposto faticosamente tutti i pezzi in cui ti hanno ridotta, ricomincerai a far coccole e … ehm … ad amare, come è nella tua indole, specie nei confronti di @Sissi !
    Comunque, noi siamo qui, con gli estintori in mano per esser pronti a spegnere l’ incendio, oppure impugnando un randello per ,,,, ma ormai lo sai anche Tu !!! :mrgreen:

    Mi piace

    • Beh, la sera cui ti riferisci sono stata un drago sputafiamme. Ora la situazione si è un po’ calmata, ma la comprensione di mia figlia tende sempre allo zero. Forse è colpa mia che do l’impressione di essere bionica, e in fondo persino mia madre mi trattava come se lo fossi, i vari partner poi, che te lo dico a fare!

      Ma lo incontrerò una volta nella vita qualcuno che mi dica: “Poggiati a me e non aver paura!”?

      Mi piace

  5. Ciao, arrivo qui da un altro blog e già ti trovo cattiva? Oddio!
    Io credo che la sincerità tua sia migliore di tanta ipocrisia che in questi casi viene messa in bella mostra. Ma se i tuoi parenti non apprezzano non fartene un cruccio. La verità non viene mai apprezzata. Ma tu sii sempre te stessa 🙂

    Mi piace

    • Grazie! Il familiare sta meglio, anche se non è stata una passeggiata e quanto accaduto non è e non sarà senza conseguenze ma, sai com’è, piuttosto che niente è meglio piuttosto…

      Mi piace

  6. Cattiveria? Forse ciò che manca a chi parla di cattiveria è una visione del mondo a occhi aperti… là fuori di vera cattiveria ce n’è fin troppa, e la tua persona è uno dei luoghi ancora immuni 😉

    Mi piace

  7. Mi associo in pieno al commento di Bruno.
    Inoltre se Sissi NON CAPISCE, è anche un poco colpa tua che hai preteso poco da lei a brutto muso. Ricordo che da bambina, un giorno, insieme alle mie sorelle ,ci lamentavamo con la mamma per le rinunce che eravamo costrette a fare, piagnucolando e strillando. Lei invece di calmarci, fece un urlo disperato e prolungato che ci zittì tutte. Devo dire che mi spaventai tanto e da allora, invece di pretendere da lei……..iniziai a comportarmi in modo da renderle la vita meno difficile. Credimi è storia vera.

    Mi piace

    • Non hai idea di quanto brutto muso abbia avuto sibilla da me, mi si può rimproverare piuttosto di averne abusato. Lei sostiene che io sia severissima, che le abbia dato un’educazione militare, e forse la severità è stata inflazionata.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...