Ancora sulla PdF


E che credevate, che avessi deposto le armi?

Dunque dovete sapere che lei mi mandò un’e-mail il 4 ottobre dell’anno scorso, quella in cui stabilì che non avevamo più nulla da dirci (a parte quello che già sapevo evidentemente, che aveva trovato qualcuno che poteva darle qualcosa che io proprio non avevo, e quindi non le occorrevo più).

Pare che ci sia rimasta male perché io non le risposi, mentre io stavo solo prudentemente aspettando che la rabbia mi passasse, onde evitare che il metterla davanti alla realtà le provocasse un – improbabile – esame di coscienza con conseguente voglia di insano gesto per riparare il male fatto.

Volevo risponderle proprio il 4 ottobre scorso, l’altra domenica per intenderci, a distanza di un anno, che come anniversario ci stava bene.

Beh, ci credete che ancora, a distanza di un anno, non mi sono riuscita a calmare, e ogni volta ho dovuto chiudere l’e-mail rendendomi conto che stavo menando troppo forte (ma ci avevo un gusto!)?

Comincio col chiederle se le è mai balenato per la mente il dubbio che potesse aver torto, le ricordavo quando mi aveva chiesto di metterla in contatto con Xa……. , che lei non conosceva, e dopo due minuti mi aveva telefonato in gramaglie, singhiozzante, chiedendomi di cancellare la sua richista perché MAI avrebbe voluto che per questo fossimo finite a litigare (avete presente “Era già tutto previsto“?).

Continuo con lo sciorinamento di tutte le prove della sua malafede (e mignottaggine) e poi basta, mi fermo e cancello, che senso ha mandarle dopo un anno una lettera così?

Intanto ho trovato l’immagine che la rappresenta, un verme, avvoltolato come una cacca, con l’occhione tenero e innocente che fa una tenerezza, ma una tenerezza! Infame…

Annunci

9 thoughts on “Ancora sulla PdF

  1. Mamma mia …. che bellissima canzone mi vai a mettere, @Diemme …. e che emozione in me nel RIascotarla da quando, circa 30 ani fa, io l’ ascoltavo, in forma di musicassetta, ININTERROTTAMENTE … mentre ritornavo da una cena o un’ altra con amici …. fra memorie, attimi di condivisione straziante, momenti di dolore leniti dal vino o istanti di irripetibili felicità, e guidavo di notte con queste note martellanti nelle orecchie e nel cuore …. e mi ci commuovevo fino alle lacrime … il che mi faceva guidare con difficoltà …. 😦
    E pensare che l’ avevo letteralmente dimenticata, questa canzone indimenticabile …. forse per non soffrire più !
    Un solo appunto, amica cara : è davvero un’ impresa impossibile conciliare i maneggi ruffiani di piccolo cabotaggio della @Rosa di Magg …. ehm …. di @PdF, con lo splendore, ancorchè dolente, di questa autentica poesia dell’ amore ferito, dell’ amore perduto …. e del soffrire senza tempo e senza fine !

    Mi piace

  2. Lascia perdere, non ne vale la pena, soprattutto per te perché vuol dire continuare a girare il coltello nella piaga, anche se è difficile cerca di accantonare e non pensarci più!

    Mi piace

    • Non ne posso la vita di che razza di pezzente che è stata, pezzente d’animo intendo. Si è curata il suo giardinetto, anche approfittando di una situazione dell’altro, e non ha guardato in faccia nessuno. Sa di avere costretto l’altro a spezzare un legame importante (vabbè, considerando che l’ha sostituito con uno più particolare, magari gli sarà costato di meno, ma se non gli è costato almeno qualcosa vorrebbe dire che è un cinico opportunista anche lui), e me a subire questa perdita, un dolore che non riesco a superare, nonostante la mia vita vada avanti e non stia certo all’angoletto a piangere. Le auguro di tornare quanto prima nello stato in cui era prima che la conoscessi, e senza una Diemme che le faccia da salvagente fino al prossimo approdo.

      Liked by 1 persona

  3. Infatti non ha senso inviare ora la lettera… molto meno di quanto ne avrebbe avuto un anno fa.
    Bisogna ammettere invece che si può perdere (anche con chi non è sincero o in malafede) e che quindi ciò che ti è accaduto, per quanto doloroso, rientra nel possibile, nell'”accettabile”, ossia in ciò che, bene o male, dobbiamo buttare giù.

    Liked by 1 persona

  4. Savium fuisse nunc @Enricum puto,
    verba magnificentia ex ore traxit,
    sed tibi ea nullo sunt adjuto,
    et sufferentia tua animum invadit !!! 😐

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...