Angeli e demoni

La posizione ufficiale assunta per la questione Xavier/nocumento PdF la sapete: lui bello e buono lei brutta e cattiva.

In realtà, nel più profondo del cuore, non penso che le cose stiano proprio così, e che le responsabilità vadano ripartite tra i due, anzi no, con un po’ di onestà, tra i tre, perché mi pare che qui abbiamo sbagliato un po’ tutti.

Dunque io, che lo conosco, sono quasi certa che sia stato lui a dirgli di non dirmi niente. Per la verità, io a lui l’ho pure chiesto, ma lui non mi ha risposto: ora, che avrebbe dovuto fare lei, in una situazione così precaria, sul nascere, etc. etc.? Fare la parte di radio serva?

Io credo, anche captando qualche parola di lui, che le abbia detto “Non le dire niente, ci penso io”. Cosa che poi, per carità, ha fatto, peccato che nel frattempo lei sia stata costretta a temporeggiare biascicando d’improbabili scenari. E allora magari lei, dato il rapporto che c’era con me – e che lui evidentemente ha sottovalutato – avrebbe pure immediatamente condiviso la lieta novella, ma si è trovata tra due fuochi (e uno dei due era il fuoco della passione).

Lui, che ignorava tutti i retroscena (era un anno e passa che tramavamo affinché lei riuscisse ad “espugnarlo”), e che forse non ha neanche realizzato bene il tipo di legame che c’era, si è di fatto intromesso in un’amicizia, squilibrandola.

Poi ha pensato di poter risolvere il problema ignorandolo, ha forse sperato che la mia rabbia, a suo avviso poco fondata, svanisse spontaneamente, e invece si è ritrovato davanti a una situazione che gli sfuggiva di mano.

Non so cosa abbia fatto lei (a quell’epoca di loro sul blog non parlavo, ho cominciato a scriverne ad esplosione avvenuta), se l’abbia sobillato, oppure se lui si sia sentito in colpa di tutto l’astio che io provavo, convinta, a torto o a ragione, di essere stata di fatto sfruttata come tappabuchi per tutti gli anni della di lei solitudine, anni in cui era disponibilissima a condividere ogni dolore e ogni magagna, guardandosene bene però dal condividere anche la gioia,  quantunque addirittura prodotta da un nostro lavoro di squadra.

Fatto sta che la strategia di lei, probabilmente, è consistita nello scrivermi timidamente (non ho mai risposto), e nascondersi un po’ sotto l’ala protettiva di lui, “che conosce il mondo”, che conosceva me, che era un eroe senza macchia e senza paura, confidando che lui sapesse come risolvere. Strategia del tutto errata. La strategia di lui invece è stata ignorare il problema, salvo un po’ tastare il terreno prendendo i discorsi alla lontana, laddove io lo sgamavo ancora prima che lui le cose le pensasse, e mi sentivo profondamente indignata dall’essere presa per cogliona. Strategia errata pure questa.

Infine la mia, che è stata quella di punzecchiare in continuazione lui, acidamente, senza mai mollare la presa, e di ignorare completamente qualsiasi tentativo di approccio di lei. E siamo a tre strategie sbagliate su tre. Come ne saremmo mai potuti uscire?

Ecco, ora v’ho detto come la penso per davvero!

Advertisements

6 thoughts on “Angeli e demoni

    • Loro no. Secondo me non ci arrivano. Infatti lei mi ha attaccato, e lui non ha avuto il coraggio di chiarire di persona, solo via e-mail, modello “per piacere e se mi va”. Francamente, ho trovato il tutto molto vile.

      Mi piace

  1. Leggendo questa spiegazione, non dico serena, ma decisamente pacata, mi sembra di poter dire che sembra plausibile. Almeno nel tuo vissuto è stato fatto il primo passo per ricucire la storia, sul resto credo che veramente poco dipenda da te.

    Mi piace

    • Come ho appena risposto a Bia, non credo di avere tutta questa voglia di ricucire. Di lei, francamente, non ho alcuna nostalgia, e questa credo che sia la prova del nove; per quanto riguarda lui, il lui che era, ora come ora, non lo riconosco più in questa nuova persona e, questa nuova persona, non m’interessa neanche lei.

      Un uomo che, dopo tanti anni e tanta storia comune, di fronte a un problema si è rifugiato dietro a una tastiera, ritengo che non abbia più nulla né da dirmi né da darmi.

      Liked by 1 persona

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...