Di psicosomatica e malattie cosiddette immaginarie

Vivere-sott-acqua

http://www.rivelazioni.com/youtube/uno-spot-commovente-contro-labbandono-degli-animali/

*********

Credo di aver postato più volte articoli riguardanti le manifestazioni psicosomatiche, miei o di altri (per esempio, v. anche “Il corpo grida quello che la bocca tace“), e devo sempre più spesso constatare quanto questo sia vero.

Oggi leggevo questo articolo, che parla di argomenti a me ben noti, gli anziani che, per non essere abbandonati, spesso simulano una serie di malattie e malori ma sono, secondo me, perlopiù senza coscienza della simulazione.

Ora vi racconto una storia (tanto per cambiare, la mia): sapete tutti la storia con Xavier, giusto? Bene, nel periodo immediatamente successivo, ho avuto una recrudescenza di reflusso gastroesofageo, che insomma, non ci vuole molto ad assimilarlo a una situazione che “più la mandi giù, più t’arivie’ su”. Non solo. A mano a mano che si chiariva il fatto che avevo perso il mio amico del cuore, il grande punto di riferimento, appoggio e sostegno, mi si paralizzava praticamente una gamba, colpita da un dolore insopportabile, e diventata completamente rigida e insensibile: devo aggiungere altro?

Ora la situazione è migliorata, comincio a ricamminare normalmente, la situazione è regredita praticamente senza cure, ma vi assicuro che l’esperienza è stata terribile.

Oggi sono piena d’ottimismo (nonostante il traboccamento di una boccetta d’acqua, cui ho ingenuamente aggiunto un integratore in polvere effervescente, che ha disastrato la mia scrivania :mrgreen: ), vado avanti facendomi forza, scacciando quel pensiero ogni volta che si riaffaccia a graffiarmi il cuore: e vi assicuro che in questa circostanza ho capito l’origine di questa espressione, la sensazione fisica è proprio di artigli che lacerano il cuore!

Una mia cara amica mi ha detto che, a fronte di quello che mi accade, si tenderebbe a non considerarlo, visto che mi mostro sempre così solida e sicura: ma che dovrei fare, strapparmi i capelli? Piatire? Mettermi in un angoletto a piangere aspettando che la vita passi?

Forse il mio sarà lo spirito del popolo ebraico, su cui si scherza in una barzelletta che racconta che, un giorno, fu annunciato che di lì a quindici giorni il mondo sarebbe stato sommerso dalle acque, e allora il premier israeliano disse al suo popolo: “Avete quindici giorni per organizzarvi a vivere sott’acqua!”  😉

Buona giornata a tutti!  🙂

*****

Annunci

14 thoughts on “Di psicosomatica e malattie cosiddette immaginarie

  1. Credo molto nella somatizzazione degli eventi che poi sfociano in malattie o problemi fisici.
    Quella dell’acqua è interessante però!!!!
    Sono lieta per te che stai uscendo con ottimismo dalla situazione.

    Mi piace

    • Sono 55 anni che ne esco, e ne rientro, e ne riesco, e ne rientro… non è che poi alla fine scoprirò di essere un enorme membro che sta avendo un rapporto insaziabile con la vita? 😉

      Liked by 1 persona

    • Sì, quella dell’acqua è una bella filosofia di vita, cerco di farla mia il più possibile, forse troppo: bisognerebbe adattarsi senza assuefarsi, e in questo non mi sono mai mostrata particolarmente brava.

      Che ti devo dire, quando avrò imparato a vivere sott’acqua, cercherò di ricordarmi che non sono un pesce… e neanche una sirena!

      PS: mentre scrivevo la risposta ho realizzato di avere già risposto, ma oramai avevo scritto e quindi… melius abundare quam deficere!

      Liked by 1 persona

    • Non capivo il commento, poi ho realizzato che era finito su questo post per errore! Comunque non ti preoccupare, pure io quando scrivo di corsa (cioè sempre) di errori di digitazione ne faccio tanti, per fortuna che quando sono sul mio blog ho modo di tornarci sopra e correggerli (sempre col rammarico però che chi li ha ricevuti per posta leggerà l’orrore… 😉 ).

      Mi piace

  2. Patologie, malattie immaginarie, psicopatìe … e quant’ altro ci turbi la mente ?!? 😯
    PUSSA VJIA …. BBRUTTE BBERTUCCJIE !!! :mrgreen:

    VOJIO VIVERE COOOOOSIIIIIIIIIII ….
    COR SOLE IN FROOOONTEEEEEEEEEEEEEEEE …
    NER FELICJIE INCANTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO ….
    DE LA MJIA MENTEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE !

    .:-D
    .

    Mi piace

    • E infatti! Ora andiamo pure incontro alla bella stagione, sole, sole, sole, cha a me poi fa di un bene, ma di un bene, mi mette di buon umore a prescindere!

      Mi piace

  3. Pingback: Susan Boyle, My Fair Lady and I. | Diemme - Ogni cosa è illuminata

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...