Di panzer e di diplomazia

panzer

Odio la “diplomazia”. Ho messo tra virgolette il termine, perché ovviamente non intendo il tatto, la capacità di mediare, il sapersi mettere nei panni altrui e presentare a terzi la situazione interpretata con meno accanimento e viceversa. Io intendo quella “diplomazia” che indicherei come vero strumento di Satana, infido ed efficace, quella diplomazia che sfoca la realtà, la obnubila, rendendo meno urgente e necessario l’affrontarla, quella che, per capirci, edulcora i termini e non risolve i problemi.

Intendo quella “diplomazia” che consiste nel non palesare la propria opinione quando contraria a quella dell’altro, di fatto negandogli il contradditorio e condannandolo in contumacia, quella “diplomazia” per cui uno, che si sente vittima di un torto che l’altro non sa neanche di aver commesso, preferisce “ingoiare” per “non litigare”, per “quieto vivere”, per poi scoppiare un giorno all’improvviso, disorientando l’altro, farlo trovare in un vicolo cieco, lanciato nel buio, nel vuoto senza fine, senza paracadute e senza appigli.

Amo le persone dirette, quelle che se una cosa non va, semplicemente, te la dicono. E restano. Quelle che non fanno finta che tutto vada bene, ma che non sono sconvolte o impressionate dal fatto che ci siano problemi, perché i problemi si affrontano, si superano, oppure ci si scende a patti e ci si convive. Perché i problemi non separano, se non si vuole essere separati. Perché non è vero che si è amici finché ci va bene tutto quello che fa l’altro, si è amici perché ci va bene l’altro, così com’è, si vuole bene all’altro perché sì è deciso di volergliene, e l’altro è un pacchetto, prendere o lasciare, ci sono cose che di lui amiamo, stimiamo, apprezziamo, e poi ci sono quelle sue brutte abitudini, quegli aspetti che non condividiamo, ma che nulla tolgono all’affetto.

Ho un’amica che mi ha confidato di essere del tipo “diplomatico” e che aveva un’amica panzer, esattamente come me, di cui lei invidiava i modi diretti, che non le mandasse a dire e sapesse rimettere la gente al proprio posto, laddove lei abbozzava; viceversa, l’amica invidiava i suoi modi più urbani, che in qualche modo avrebbe voluto almeno un minimo acquisire.

Insomma, sarà pure in medio virtus, ma se il medium non è possibile, preferisco essere un sano caterpillar, che a mandar giù troppi rospi non solo viene l’ulcera, ma davvero si condanna l’altro senza possibilità d’appello – e neanche di processo di primo grado ,- e questo è profondamente ingiusto, sciocco, e causa di inutile dolore da una parte e dall’altra.

Per precisare, questo post non ha nessuna causa scatenante. Del tutto occasionalmente, oggi non ho litigato con nessuno, nessun amico mi ha mollata, anzi, mi si è pure accollato qualcuno  – qualcuna, a voler essere precisi -, che si sta proponendo veramente come stalker.

Ma, questa, è un’altra storia, che vi racconterò un’altra volta.

Annunci

37 thoughts on “Di panzer e di diplomazia

  1. Diciamo che queste considerazioni possono essere valide anche per un rapporto che va oltre l’amicizia.
    Non mi suona bene però “si è deciso di volergliene”, perché mi sa troppo di scelta razionale e non di un qualcosa che “si sente”, di un impulso che viene da dentro, di una scelta che segue un “riconoscimento”, e quindi estranea alla ragione… se non a quella che dà seguito naturale all’aver riconosciuto.
    Comunque sia buon lunedì… e sii rapida nel prendere misure anti stalker! 😉

    Mi piace

    • La decisione ovviamente avviene dopo l’aver “sentito” l’amico, o l’amore che sia, e quindi perfettamente d’accordo con te anche su questo 🙂

      Mi piace

  2. La diplomazia ???
    Se trattasi di Diplomazia ( mi raccomando … con la D maiuscola ), ebbene è un’ arte che, assai spesso ha fatto la Storia, esprimendola nel modo “migliore possibile” ( attenzione … NON nel modo “perfetto” ), e cioè facendo convivere, più o meno pacificamente, i paesi belligeranti ed i loro reciproci interessi . La Diplomazia, è quindi una virtù … e non a caso ha caratterizzato i più grandi Statisti dei popoli, risolvendo situazioni complesse e in antitesi fra loro .
    Se invece, come sembra leggendo il tuo “inquieto” post, trattasi di “diplomazia”, e cioè di un modo come un’ altro per indorare la pillola, l’ esperienza mi dice che a volte funziona, ed aiuta a risolvere beghe fra persone …. altre volte no, specialmente quando malcela intenzioni ambigue, e fini che sono positivi “soltanto” per una parte e a discapito dell’ altra : in questo caso, non posso che esser d’ accordo con te, cara la mia @DIEMMILLER ! 🙂

    Mi piace

    • A me non piace l’indoramento della pillola, è un’offesa all’intelligenza dell’interlocutore. Tu dimmi le cose come stanno e io, sulla base dei fatti, mi regolo e decido. Se tu mi proponi una balla, non mi stai rendendo i fatti meno dolorosi, ma meno affrontabili. Mi stai ingannando, ritenendo che io non sia in grado di affrontare la realtà, di prendere per la mia vita decisioni corrette. Chi m’indora la pillola sta rubando il mio tempo, e forse anche i miei sogni.

      La diplomazia vera, quella che è capace di mediare interessi contrastanti e far convivere posizioni diverse, quella sì, è una manna dal cielo, ma lì non c’è inganno, c’è solo la capacità di mostrare la realtà da angolature diverse, ma sempre reali, e lì c’è maturità e crescita.

      Liked by 1 persona

  3. Adesso mi hai messo curiosità sulla stalker… io comunque, sono una diplomatica. E ho una anzi più di una amica molto diretta, ed è esattamente come dici: io invidio a loro la schiettezza, loro invidiano a me la diplomazia… Mezza via non la si trova 🙂

    Mi piace

    • Ulteriore prova che siamo tutti sotto uno stesso cielo…

      Per la stalker non mi sento in pubblico di dire più di tanto, anche se a me sembra sempre di stare a parlare solo con voi amici, non dimentico che un blog è in mondovisione. Comunque ieri mi sono trasformata davvero in Hulkessa, e gliene ho cantate di tutte di più!

      Liked by 1 persona

    • Ogni tanto lo faccio, ma pare che molti lettori, lurker ma non solo, a trovarsi la porta serrata provino uno sgradevole senso di esclusione per cui, finché posso, evito.

      Mi piace

    • Io in genere, quando ho messo i post privati, non è stato per escludere qualcuno in particolare, ma per toglierlo dalla vista del “mondo” sconosciuto.

      In questi anni ho avuto modo di constatare quanto cattiva sia la gente… invidiosa, malevola, rosicona… di un frustrato, ma di un frustrato, da provare prima di tutto compassione per loro, ma senza nulla togliere alla legittima difesa!

      Liked by 1 persona

  4. Sìssi … sissì …. parlaci della @stalker !!! 😀
    Eh … la curiosità mica è SOLO femmina, talvolta ! :mrgreen:
    Pensierino per la mia sincera & spassionata @DIEMPANZER :

    Oh … quanto è cosa ardua a pronunciarsi
    la verità … così com’ è, e SPLENDENTE
    chi la pronunzia al netto d’ un solvente
    ed essa declinando senza sfarsi !!!

    Come fai Tu, o amica cingolata,
    al netto della ria diplomazia ….
    che nel passar la via la fai sterrata
    ma non rinunci ad essa, o gran pro-zia !!! 😀

    Liked by 1 persona

    • Sono stata stalkerata da Attila per anni, e ora che la cosa sembra, almeno parzialmente, rientrata, mi ci mancava questa! Che dirti, come ho già detto a Bia, non mi sento di parlarne qui.

      Per ora comunque le tengo testa, anche se è una povera disgraziata e mi sembra di sparare sulla croce rossa ma, credimi, alternativa allo sparare non c’è, le ho provate davvero tutte!

      Mi piace

  5. Io sono un Panzer e lo sempre stato, qualche volta vorrei contare fino a 10 e poi parlare ma diciamo che non ci riesco mai.
    Alcune volte, però ammetto che essere troppo diretto, non lo ritengo sempre un qualità, non dico di indorare la pillola o mentire alle persone a cui vuoi bene, ma se riesco solo a dire le verità, allora alcune volte preferirei stare zitto e non dire nulla.

    Mi piace

    • Non saper tenere a freno la lingua non è segno di sincerità, ma di mancanza di controllo. Essere indiretti non significa essere insinceri, il tatto nel dire la verità non fa mai male, ma poi è la verità che va detta, sempre che sia il caso di dire qualcosa.

      Mi piace

  6. Sai mi hai fatto riflettere e mi sono chiesta se sono “panzer o diplomatica”. Sinceramente sono più panzer, che “diplomatica” e questo a seconda della persona che ho davanti. La mia diplomazia è più un controllo delle mie reazioni ma in viso mi si legge tutta la gamma di sentimenti negativi e sinceramente mi dispiace perché riesco a ferire ugualmente anche se non parlo…..e far rimanere male gli altri anche se se lo meritano non mi rende contenta.

    Mi piace

    • Neanch’io amo ferire la gente. Ferire difficilmente è necessario, più spesso inutile. Ieri io, per esempio, sono stata costretta a reagire in maniera molto dura con la stalker, ma non ti dico da quanto tempo è che cerco di dirle le cose col massimo tatto. Peraltro, anche se per l’appunto con tatto, gliele ho sempre dette proprio come stanno, quindi avrebbe pure potuto evitare di portarmi all’esasperazione e farsele dire a brutto muso.

      Comunque quello della stalker potrebbe essere un discorso diverso: tornando a noi, è vero che occorre un po’ di tatto con le persone, però è pure vero che ognuno ha una sua storia e una sua sensibilità particolare, per cui è difficile capire che cosa offende chi. Magari a una se dici che è brutta come la strega di Biancaneve, ha il cervello di una capra e puzza come un maiale che si è girato nel trogolo non si offende, poi le dici che ha una scarpa slacciata e scoppia a piangere mortificata. Ho fatto un esempio estremo, ma mi è capitato tante volte nella vita di constatare quanto i parametri delle persone differiscano tra di loro, e ciò che offende una persona è trasparente per un’altra e viceversa.

      Mi piace

  7. … tacci sua, ai tasti del PC ! 👿
    Versione corretta ( spero ) :
    “Non te la senti, @Diempanzer …. di parlarne qui ?!? 😯
    Ah …. amica cingolata … che fai ???
    Prima ci allepri e poi … ci lasci, come don @falcuccio, con “una mano davante e una de retro” ?!?
    Parlacene … parlacene … PARLACENE !!!

    Mi piace

    • Quando ci vedremo ti racconterò tutto, per filo e per segno. 😉

      A proposito di vederci, non mi hai dato nessun ritorno sulle poesie! Ora faccio un post, così chi l’ha letto può dirmi la sua.

      Mi piace

  8. Il rischio dell’essere diplomatica per amore di pace è di essere tacciata di ipocrisia. il rischio di essere panzer per amore della coerenza è di essere accusata di aggressività.
    La via di mezzo è possibile sempre se la situazione o chi ti sta davanti te la rende possibile. Perchè calma, pazienza, prudenza, delicatezza, sì, ok, certamente, ma c’è anche un limite e poi… si arriva al botto.

    Mi piace

  9. Eh eh eh eh …. lo apprezziamo entrambi ! 🙂
    E se @Aquilanonvedente supera bene ( come tutti sappiamo e tutti ci auguriamo ) la sua fase di degenza post-operatoria, beh … entrambi noi due ci daremo …. ehm …. come dire ? …. ehm …. alla stura delle numerose bottiglie del “suo” vino gutturnio … un rosso verace parapadano che non ti dico, robba da facce raccojie cor cucchjiajio cjiucchi, ‘na vorta che ce mettemjio a bbevecelo !!! 😀

    Mi piace

    • A me il vino rosso piace troppo… e se devo aspettare per berlo la carne che non mangio più, sto fresca! Ma vuoi mettere delle belle fettuccine coi funghi porcini accompagnate da un bel rosso corposo?

      Liked by 1 persona

  10. Trinomio ecceptiònable …. mi hai convinto !
    Carne ?!? Pussa via brutta bertuccia : @Diemme e io preferiamo fettuccine e funghi porcini …. o meglio “funghi porcini e fettuccine”, per accogliere degnamente il divino “vino rosso corposo” !!! 😀

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...