8 anni fiabeschi… anzi no, diemmeschi!

8 anni - E vi racconto di me da

8 anni.

Oggi questo blog compie 8 anni.

Un viaggio cominciato in sordina, parlando un po’ a me stessa, e poi l’inaspettato ritorno, l’inaspettato riscontro, il trovarsi dentro un’avventura intensa, entusiasmante, piena di significato, e soprattutto di forza.

Una mia amica sostiene che il blog sia il mio amante, cui  sono visceralmente legata e visceralmente fedele. Forse è così. Anzi, è così. Stavo per aggiungere “almeno lui non tradisce”, poi mi sono vista lo scenario apocalittico di WordPress che inghiotte tutto: ve lo immaginate se una mattina mi svegliassi e trovassi il vuoto? Anni di ricordi, di testimonianze vostre e mie, qualcosa come 70.000 interventi su circa 1600 articoli… storie di vita, confidenze e confessioni, condivisioni, davvero un crescere insieme, piangere insieme, ridere insieme, litigare insieme… oltre 770.000 accessi e, nel momento in cui scrivo, 638 followers.

Mi ritrovo citata su fb, le mie poesie trasportate “nell’aere”, alcune per la verità rubate, ma tanto difendersi dai poveracci è una battaglia persa.

Tanti amici, conosciuti, incontrati, perduti… perché ci si perde, è inutile, ci si perde. Non è scontato, è un po’ come la stracitata amicizia uomo-donna… non è scontato affatto che scatti qualcosa in più, ma è probabile, quello sì, molto probabile.

Altri blogamici hanno lamentato questo apparire e scomparire di tante persone, con cui si era presunto di aver stretto un legame che andava oltre lo schermo, e ne sono rimasti amareggiati e delusi. Ma stiamo comunque parlando di blogger che dallo schermo non erano mai usciti.

Io sì. Io vi ho voluto incontrare, conoscere, abbracciare. Credo che il blog fosse aperto da circa un anno quando ho incominciato a incontrarvi: ah, che meraviglia i diemmeraduni, qualcuno li definì persino terapeutici.

8 anni. Se fosse un bimbo sarebbe in terza elementare, e inizierebbe quest’anno col sussidiario.

Me la ricordo mia figlia col sussidiario. Mi ricordo che la sentivo ripetere a voce alta, ed ero commossa che studiasse tutte quelle cose, usasse quei termini così specifici, così tecnici… crescono i nostri cuccioli, ed è cresciuto anche il mio blog-cucciolo.

A me, per la verità, sembra che col tempo sia andato anche un po’ scadendo, ma alla fine i “grandi temi” dell’esistenza sono stati toccati tutti, e ora è semplicemente un luogo dove c’incontriamo, a rigirare il coltello nella piaga della nostra quotidianità.

Ma anche ad apprezzarla.

Noi siamo qui anche per celebrare la vita, e lo facciamo attraverso le esperienze che raccontiamo, i sentimenti che condividiamo. Perché, non so se avete notato, il mio blog da qualche giorno ha leggermente cambiato nome: ho aggiunto a “Diemme” “Ogni cosa è illuminata”, perché questa forse è la cosa più importante che ho imparato da questo incredibile puzzle della vita.

E poi, “Ogni cosa è illuminata” è una frase che, tramite un film che mi regalò, m’insegnò il mio grande amico, quello che non c’è più. Con questa frase, aggiunta alla testata del blog, lui continua a essere qui, a ricordarmi che la nostra amicizia, nel percorso della nostra esistenza, ha avuto un grande senso nella vita di entrambi, e l’ha cambiata.

E a lui forse è stato proprio il nostro incontro che, attraverso le infinite vie del Signore, ha portato la felicità, perché ogni cosa è illuminata e il mio mestiere di cantastorie, forse, serve anche ad aprire il cuore e a capirlo.

E allora, buon compleanno blog!

Ore 15:00, arriva anche la notifica di WordPress, che prontamente aggiungo:

Wordpress - notifica 8 anni

Annunci

62 thoughts on “8 anni fiabeschi… anzi no, diemmeschi!

  1. Buon compleanno, Blog che parli della luce che illumina le cose e delle emozioni che ruotano attorno ad esse! E auguri anche alla tua mamma. In fondo siamo nei giorni giusti anche per quest’altro augurio.

    Mi piace

  2. Ore 2,52 : più che insonne, sono smanioso di fermare il tempo che se ne va …. tentando di strappargli quella parte di noi che NON PUO’ … NON DEVE SPARIRE !
    E come camminando in punta di piedi lungo gli infiniti corridoi a Marienbad, dove una stanza si apre in un’ altra e specchi barocchi illuminano quadri sconosciuti o teneramente noti, eccomi qui a percorrere ancora gli sterminati spazi che Tu, memore @Diemme ( e noi … con te ), seminasti di pepite dì oro … spinta anche Tu a non perderne nemmeno un oncia .
    Illusione di una notte in cui, anche dal vicino mare, mi giunge il profumo – e mi sorride la luna nel blu cobalto del cielo di Anzio – delle appena nate rosse rose di maggio, il tuo, il mio mese ???
    La ragione direbbe di sì … non il cuore, mentre fumo con la mia pipa Castello il dolce tabacco Erinmore, e batto imperterrito su questi tasti di pc parole … e ancora parole che vorrei fossero vive !
    C’ è tanto di noi nei tuoi innumerevoli post, vecchi e/o nuovi tuoi scritti, versi di poesie smarrite, e volti sorridenti, e voci care, e nomi …. così dolci ormai !
    O forse è un sogno, che si specchia nel lago sempre inargentato della Memoria ???
    Sia come sia, amica mia, facciamo che non muoia mai !!! 🙂

    Mi piace

  3. Bèh … @Diè, niente caffè per mè ( che rime eh ??? Altro che errante … poeta sugno ) ?!? 😯
    A=B=B=E=N=C=H=E’ ( NdR : “termine desueto” riesumato dall’ ospitante e da me, piacevolmente, preso in prestito da lei ! ) io ti frequenti DA SOLI CINQUE ANNI … e Tu per il tuo blog ne festeggi addirittura OTTO, ebbene se si fà una statistica degli ultimi 5 anni, io @Cavaliereerrante – come ha non di rado attestato la stessa Word Press – sono di gran lunga il tuo frequentatore più assiduo ( ivi compresi i tuoi frequentatori ottenni ) …. anche se non poche furono le volte che ci prendemmo, tubando ‘tete a tete’ …. a randellate sul cranio !
    E quindi ???
    Dai …. portami ‘sto caffè preparato con le tue stesse manine : non sarà quello della nostra ‘amica sparita’, un tempo addetta al beveraggio …. ma sempre “un caffè servito” è !!! 😀

    Mi piace

    • Se è per questo, uso anche A=C=C=I=O=C=C=H=E’, termine dato come estinto, ma che mi gusta assai!

      Ok, ti porto il caffè, dammi solo le coordinate: Sant’Eustachio va bene?

      Mi piace

  4. Ah … si chiamava @Rossigna …. quell’ addetta che preparava, nell’ annesso salottino, quei caffè napoletani splendidi come il suo sorriso !
    MANDOSTA’ ….. ‘andostàààààààààààààààààààààààà coella ???? 😯

    Mi piace

    • Rosigna si chiamava, con una sola S, la persi ahimé di vista, ma non prima di averla incontrata ben due volte, e aver conosciuto la sua bella famiglia! ❤

      Mi piace

  5. Una lunga marcia… 😉

    Stavo pensando però a ogni cosa è illuminata… e ho la sensazione di aver già letto questa citazione e non come frase inserita in un film piuttosto recente.. forse tu ricorderai meglio..

    E comunque, quella del film prosegue con… dalla luce del passato, continuazione che chiarifica molto il significato e gli dà spessore e giustificazione.

    Buon proseguimento allora.. e buona settimama! 😉

    Mi piace

    • Io l’ho sentita solo nel film e sì, dalla luce del passato, nel senso che ogni cosa acquista un significato collegata a tutto ciò che, in passato, le ha permesso di esistere.

      Buona settimana a te (oramai vivo per i week end… ).

      Mi piace

  6. @Dieeeeeemmeeeeeeeeeeeeeee …. sèici ?!?

    Oppure no … e qui la tua assenza
    si fà pesante … e il Blog ne soffre assai :
    per questa festa in suo onòr … scacciamo i guai,
    e del tuo sogno, quaggiù, dàcci l’ essenza !

    Piàceci a noi, che ti seguiamo invitti,
    Ei festeggiar così com’ è costume,
    e dunque rècaci qui, “ornati & pitti”,
    i tuoi pensier che scacciano le brume !

    Ha solo ottanni, e già Ei sembra ometto …
    frigna a te mamma … e vuol per lui il tuo petto,
    oh povero bambìn … oh già diletto …….
    io qui lo rassicuro … e qui t’ aspetto !!! 😀

    Mi piace

    • Caro Bruno, purtroppo non riesco sempre ad essere presente come vorrei, sono in affanno, non mi fermo mai, che dirti? Mi consolo vedendo la noia degli anziani, e pensando che, probabilmente, toccherà anche a me quella porzione di vita in cui di tempo libero ne avrò fin troppo, e non saprò come occuparlo… 😉

      Mi piace

  7. Non era passato tanto tempo da quando un giorno sono arrivato tra queste pagine, i contatti erano pochi ahimè, ma d’altra parte lei l’aveva appena aperto il blog e quindi non aveva ancora avuto il tempo di tessere la tela per acchiappare i suoi lettori. In compenso aveva già acchiappato me e alcuni fedeli che ci alternavano nell’Angolo delle Chiacchiere. Mannaggia, quanti discorsi scritti!

    Tra l’altro è proprio lì che è nato il mio Nonno Archimede, Erzicovina della Contrada delle Valli Ruspanti e tanto altro ancora.

    Beh, ormai la conoscete, Diemme è sempre stata una donna (blogger) che ha amato coinvolgere i suoi lettori e così un giorno mi chiese di scrivere al posto suo un post.

    L’argomento?

    Ma parlare di lei (ovviamente… 🙂 ) e così, senza farmi pregare troppo, in un assolato e infreddolito pomeriggio di dicembre l’ho fatto:

    “ Una scrivania bianca, enorme, di quelle che si vedono solo nei film di Woody Allen, piena di fogli, di libri chiusi e aperti, con delle cartoline come segnalibro, penne e matite sparse dappertutto, un vocabolario con il dorso consumato, scatole e scatolette tenute insieme con lo scotch, un porta penne con tanti pennarelli colorati, qualche fermaglio per capelli, una calcolatrice stile anni ’60 con tutti i tasti gialli e consumati, un grande video con ai bordi pieno di post-it, e tante cose scritte fitte, fitte, un portafotografie con il ritratto di una bellissima bambina, la tastiera del computer messa di sbieco e il telefono vicino, una tazza di the ancora fumante e una merendina mordicchiata e abbandonata e,…
    …lei lì, che si dondola sulla poltrona, con un cellulare in mano intenta a mandare uno sms. Due occhi scuri, profondi come il mare, con un guizzo che brilla (chissà a cosa pensa…), una frangia dispettosa che le casca un po’ sul viso, una maglia scura con sotto una camicia bianca e un foulard rosso annodato intorno al collo, le gambe accavallate, la gonna un po’ scostata e un sorriso impertinente… “

    15 dicembre 2007

    E dopo otto anni, sarà ancora così?

    Beh, quell’immagine intrigante che aveva stimolato la mia mente c’è tutta ed è ancora intatta, per il resto, boh, la sua stanza non so, ai posteri l’ardua sentenza.

    Buon Compliblog Diemme, ma che dico, dippiù, dippiù. 🙂

    Mi piace

  8. Oh …. ti consumi nell’ attesa …. a mo’ di Candle in the Wind ?!? 😯
    Ma bene …. moooolto bene !!!
    Così …. puoi dimagrire senza doverti incatenare ad una dieta ferrea !!! :mrgreen:

    😀

    Mi piace

  9. Oh …. mi vai a riesumare anche quel mummione decrepito di A=C=C=I=O=C=C=H=E’ ?!?!? 😯
    Oh … per SanGiuseppe, SantAnna & Maria …. e chi era il tedescone @Schliemann appetto a te, lui che, povero piccolo e sognante archeologo della domenica, si limitò a far solo risorgere le millenarie, e splendide, rovine di Troia ???
    Ebbene …. sia !!!
    Adotteremo eziandio questo mummione, e sperem che @Ramsete II non se ne adonti ! :mrgreen:

    Mi piace

  10. E … ehm …. @Ramsete II non se ne adontò ???
    O era tutto preso dalla smania di andare di persona a rompere i coglion …. ehm …. le palle al povero @Mosè sulle rive fatali del Mar Rosso ??? 😯

    Mi piace

  11. Auguri! Un blog intenso, umano, ricco di spunti di discussione e di personalità…la tua, cara amica! La tua vita affrontata con dubbi, domande, coraggio e consapevolezza, resa da una scrittura scorrevole, spesso ironica nonostante la serietà dei temi…insomma , tanti auguri per la tua famiglia , per te e per il tuo blog. Marisa

    Mi piace

    • Grazie, sono felice della definizione che hai dato del mio blog, in realtà è proprio come speravo si percepisse.

      Grazie per gli auguri, ora dovremo trovare altri spunti per festeggiare, perché se c’è una cosa che ho imparato è che la vita va celebrata e non bisogna mai farsi mancare spunti per festeggiare 🙂

      Mi piace

  12. Ci hai regalato 8 anni di gioia e di vitalità: in occasione del compli blog, l’augurio è che tu possa continuare a distribuire a chi ti circonda, questi doni preziosi.
    Buona vita a te cara Diemme ❤

    Mi piace

  13. Buon compliblog, cara Diemme! Vedo con piacere che il tuo blog ha ritrovato una stagione fertile. Mi spiace, però, non riuscire a leggere tutto ciò che pubblichi. 😦
    Verranno momenti migliori (per me, intendo) e recupererò il tempo perduto.

    Un abbraccio.

    Mi piace

    • In effetti cara Marisa sto scrivendo un po’ troppo, colpa del grande subbuglio interiore (non necessariamente negativo). Magari un giorno o l’altro seguirà un po’ di calma, così magari sarà un po’ più facile per tutti seguirmi, e magari smaltire qualche arretrato 🙂

      Un abbraccio a te! 🙂

      Mi piace

  14. Oh …. era INCIGGNJIARE ?!? 😯
    E … ehm …. ‘TE PJIACE TE PJIACE’ ?!?
    Sic et simpliciter … ehm … alla romana ???
    Beh allora ‘me pjiace me pjiace’ puro a me …
    ME INCIGGNJI, @Djiè ??? 😀

    Mi piace

  15. Auguri Diemme! Perché noi siamo, quasi sempre o quantomeno i blog che seguo io, ciò che scriviamo, quindi auguri a questa parte di te. Passo spesso a leggerti ma commento poco perché spesso non c’è nulla da aggiungere a ciò che esterni, ma sono spessissimo sulla tua lunghezza d’onda. Auguri a te, quindi, e avanti sempre.

    Mi piace

  16. Cara Diemme sono arrivata con due giorni di ritardo a farti gli auguri per il tuo blog, ma visto che sono un pò con la testa in pallone per un mal di gola fastidioso, spero sarò perdonata. Certo otto anni sono tanti e mi chiedo per durare tanto così quanto tempo dedichi al tuo blog? Non hai mai provato stanchezza o deciso di fermarti? Al di là delle risposte ( forse visto questo traguardo un pò prevedibili),che mi darai, ti auguro tanti altri anni ancora di permanenza su wordpress. Sei una donna in gamba. Un abbraccio. Isabella

    Mi piace

    • Sì, certo che ho provato stanchezza, qualche breve momento di fermo c’è stato, ma per fortuna come è venuto così se n’è andato. Spero anch’io di rimanere qua a lungo, e quanto mi piacerebbe rileggere tutto quello che ho e avete scritto! Ogni tanto capito sui vecchi post e ogni volta mi sorprendono, quasi non li avessi scritti io (ma giuro che, laddove non espressamente indicato, è tutta farina del mio sacco!).

      Ricambio l’abbraccio! 🙂

      Liked by 1 persona

  17. Noi ci conosciamo credo da cinque anni, vero?
    pensa quante cose abbiamo letto di noi e quante cose ci siamo raccontate a voce…vedersi sì, ma in realtà è solo per dare una forma all’emozione che si prova quando si legge dell’altro.
    Auguri

    Mi piace

    • Tu sei tra le poche della vecchia guardia… hai ragione quando parli dell’emozione di leggerci, ma è pure vero che il fatto che ci siano tante meteore, tante emozioni da ringoiarsi, tanti “amici” che spariscono, è proprio una gran tristezza!

      Mi piace

    • questo sì, come del resto la vita: tanti amici che vanno via e tante delusione. Non c’è differenza tra il blog e la vita che scorre tutti i giorni.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...