A domande rispondo

aurora-boreale-drago-groenlandia

Beh, in realtà non sono stata nominata ma, quando ho letto l’articolo di Semprecarla, le domande che ha proposto ai nominati mi hanno così intrigato che mi voglio comunque cimentare con le risposte, sperando di riuscire a raccontarvi di me qualcosa di diverso (ma comunque, conta e riconta, le domande che dovrebbero essere dieci mi sembrano proprio nove!)

 1) Associa il tuo animo ad un panorama …

Il mio animo sicuramente a un’aurora boreale, ma la mia vita forse è più una notte stellata.

2) Domani mattina, al risveglio, ti viene detto che per 48 ore ti verranno affidate le redini del nostro Paese, quale è la prima cosa che fai?

Mi procuro, tramite la lotta a sprechi, furti ed evasioni, le risorse per pensare a Sanità, Istruzione e alle fasce più deboli.

3) Scrivi due righe a te stesso …

Cara Diemme, ma la vuoi smettere di vivere pensando al passato? Riempi la tua vita di progetti, non di rimpianti! Lo sai pure che la vita è bella, che aspetti a godertela?

4) Vendetta o Perdono?

Potrei dire “Giustizia, non vendetta”, comunque Perdono mai.

5) Trovi un messaggio chiuso in bottiglia, nel leggerlo scopri che…

Qualcuno mi aspetta nell’altra parte del globo.

6) Viaggio nel futuro o nel passato? Perché?

Nel futuro, voglio vedere quello che non conosco, e il passato lo conosco già!

7) Tenere in piedi un blog ti gratifica o alleggerisce i tuoi pensieri?

Decisamente, moltissimo!

8) Esiste qualcosa che non ti è stato mai detto e vorresti sentirti dire?

Vorrei che qualcuno mi dicesse che ha prima di tutto a cuore la mia felicità, e soprattutto che queste parole fossero vere.

9) Il tuo gatto/cane, d’improvviso, si mette a parlare … cosa ti dice?

Ma perché non mi hai mai voluto???

Annunci

29 thoughts on “A domande rispondo

  1. Oh …. cielo, conta e riconta, ma le domande continuano ad esser NOVE anzichè DIECI come preannunciato dall’ @autrice ‘premiarola’ ?!? 😯
    Niente paura, non premiata @Diemme … la decima domanda te la rivolgo io, legato a te nella circostanza da questa comune ‘non-premiatudine’ !
    E dunque :
    10) Se al mattino, svegliandoti, trovassi sul comodino da notte una elegante ed efficace MAZZA FERRATA DA ORDALIA …. a chi la daresti sul cranio ??? :mrgreen:

    Mi piace

  2. Che le domande ti intrigassero si capisce bene dalle risposte davvero belle che hai dato. Tuttavia sono rimasto un po’ sorpreso dalla risposta alle 48 ore plenipotenziarie. Condivido appieno i principi sia ben chiaro. Ma mi sarei aspettato qualcosa di più dirompente e innovativo dalla nostra Diemme. 🙂

    Mi piace

    • Credimi, puntare sulla salute e sull’istruzione delle persone è molto dirompente e innovativo! Occuparsi dei più deboli, poi, che te lo dico a fare che razza di rivoluzione culturale potrebbe essere!

      E poi, vorrei che avessero finalmente il loro spazio anche le persone normali, quelle colpevoli di non appartenere a nessuna categoria disagiata!

      Liked by 2 people

    • Sono assolutamente con te! Ho solo paura che in 48 ore a stento iniziamo a raggranellare un po’ di soldi dagli sprechi. Poi arriva subito il nostro successore che se li intasca prima che riusciamo ad usarli per aiutare deboli e persone normali.
      Ma riconosco che questa mia è solo una esecrabile pedanteria causata dal mio politico pessimismo.

      Mi piace

    • Beh, in 48 delibero, più che le linee guida non posso tracciare.

      Comunque, se potessi prescindere dalle 48 ore, renderei la scuola più selettiva, affinché il titolo di studio torni ad avere valore, e la popolazione non sia tormentata dall’ignoranza sparsa negli uffici pubblici. Rivedrei certe norme europee, perché non permetterei che qui si distruggessero le messi per poi importare gli stessi prodotti dalla Cina o che per essa. Metterei un serio tetto alle prebende dei politici, non tanto per tagliare la spesa, quanto perché deve essere chiaro il concetto che chi governa, chi fa politica, lo deve fare nell’interesse del popolo italiano, e non delle proprie tasche: governare, rappresentare il popolo, devono essere una missione, non un facile mezzo per avere soldi facili e potere.

      Poi, ovviamente, le leggi che governano il pensionamento dovrebbero essere equiparate: stai due anni in parlamento? Bene, contano come due anni di lavoro. Ai comuni mortali servono ulteriori 40 anni per andare in pensione? A voi pure, che comuni mortali come gli altri siete!

      Renderei la vita facile ai meritevoli, e comunque quasi abolirei i concorsi, fonte delle più grandi ingiustizie: quando il titolo di studio sarà tornato a valere e a essere garanzia di preparazione, ci dovrebbe essere una graduatoria unica per tutto il territorio nazionale: poi, se quelli più bravi/fortunati/con più iniziativa/aziende di famiglia blablablà nel frattempo avranno provveduto da soli, tanto meglio, ma una base minima, una fonte di reddito di partenza va garantita a tutti.

      Naturalmente, ferme restando le emergenze umanitarie e i criteri di solidarietà cui deve essere improntata una civiltà che si rispetti, per me vale il detto “Prima i tuoi e gli altri se tu puoi”: chi è da una vita che contribuisce alla crescita e al benessere di una nazione, e il cui padre, i cui nonni e bisnonni hanno a loro volta contribuito (magari alla liberazione, dando anche la vita), hanno diritto a coglierne i frutti. Chi viene dopo, è venuto dopo, si rimbocchi le maniche e si guadagni la pagnotta.

      Liked by 2 people

  3. De corsa sur cranjio der sor @Attilaaaaaaaaa ?!?
    Ahò … ‘na mazza ferata da ordaljia … spacca er cranjio in du’ parti nun ppjiù sardabbili … comaddì che er ricevente …. se mòre !
    ‘SSASSINA !!! :mrgreen:

    Mi piace

  4. Condivido !
    E, pur nella veste ( stretta ??? ) di INNOMINATA dalla @bloggheressa premiarola …. debbo confessarti, @Diemme cara, che te la cavi per nulla male ! 🙂

    Mi piace

    • Sì,l’ho scritta io, ho fatto anche la correzione delle bozze, ed è stata un’impresa! Sara è un torrente in piena, mentre io correggevo da una parte, lei aggiungeva capitoli e aggiustava pensieri su un’altra copia, mentre quando si fanno certe cose è indispensabile lavorare, magari a quattro mani sì, ma su un’unica copia! Comunque alla fine ce l’abbiamo fatta, sono contenta che tu abbia apprezzato la prefazione, fammi sapere anche del libro e reggiti forte perché l’argomento, pur con tutto il supporto della Fede, è duro davvero!

      Mi piace

  5. …. pure a me ! 🙂
    E tanto, sebbene @Diemme abbia risposto in ciabatte, e negli abiti improvvisati della “innominata” …
    Figuriamoci cosa mai avrebbe fatto, ove addobbata nei paramenti di “nominata” ! :mrgreen:

    Mi piace

  6. Postescritto : questo tirar d’ arco di @Die, e fra cotanti “nominati” …. lei in veste di accattona, chissà perchè …. mi ricorda la scena dell’ Odissea in cui @Ulisse, cinto dagli stracci del mendicante, si accinge a tentare la prova dell’ arco … fra le risate incredule dei @Proci !!! 😀

    Mi piace

  7. Pingback: Le riforme che vorrei | Diemme

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...