Chi ama non torna

Chi ama resta

Mi sono trovata in difficoltà a scrivere due righe che accompagnino questa immagine, le cui parole credo non abbiano bisogno d’altro.

Dedicato a chi se n’è andato.

E a chi è tornato e non ho voluto.

Chi ama non torna. Chi si è fatto un giretto e non ha trovato di meglio torna.

Chi ama resta.

Torna chi ha trovato il deserto, e prova a riprendersi quello che, voltando le spalle senza un rimpianto, ha lasciato.

A chi se n’è andato non è importato niente di come ti ha lasciato. Chi se n’è andato ha pensato solo alla sua pancia.

A chi se n’è andato, se avesse trovato qualcosa, poco sarebbe importato di averti lasciato, della tua solitudine e delle tue lacrime.

Chi ama non torna. Chi ama resta.

E questo non è dedicato solo agli ex partner.

*** Se hai un amore lascialo andare.

Se torna significa che non l’ha voluto nessuno, quindi lascialo andare un’altra volta! ***

Annunci

36 thoughts on “Chi ama non torna

  1. La penso così anch’io, chi ama resta, e questo può essere riferito ad ogni tipo di rapporto, sarà una opinione un po’ assolutista ma personalmente non avrei più fiducia.
    Buona giornata.

    Liked by 1 persona

    • Infatti, è così. A volte mi viene da dire “purtroppo”, perché sarebbe bello, con chi è tornato, ricostruire il rapporto di prima ma… questo è impossibile: non per una questione mi cocci rincollati e minestra riscaldata, ma proprio per la fiducia venuta meno, e quella non si ritrova più.

      Mi piace

    • Neanch’io… e certo non riuscirei mai più a fare i sacrifici che ero disposta a fare per l’amato amico/amica, per l’amato compagno… se vuoi, ci andiamo a mangiare un pizza, possiamo farci due chiacchiere, ma più di quello proprio non me la sento, devo pensare alla mia di barca!

      Mi piace

  2. Un Caleidoscopio …. lo si impugna, si piazza l’ occhio sull’ oculare e si muove lievemente il fondo girevole del magico cilindro :ed ecco apparirci, in una fantasmagorica armonia di geometriche tarsie di mosaico, splendide ed irripetibili composizioni di colori, pronti a mutare ed a ricomporsi senza mai ripetersi … e il sogno ritorna a portata di mano, bello così come l’ avevamo immaginato ! Era il mio giocattolo preferito …. e invano, crescendo, l’ ho più ritrovato in negozi di giocattoli …. e ancora lo cerco, essendo vivo in me il ricordo di quei momenti incantati in cui mi ci smarrivo !
    Così sei Tu, poliedrica e cara @Diemme …. si clicca nel tuo blog, si comincia a leggere un tuo post …. si pensa al commento ! Ma subito appare un tuo nuovo post …. e si soffre, o si gioisce, o si impreca, o si canta, o si piange, o si ride, ….. non di rado si sogna e l’ anima torna a volare libera e grata com’ è sua natura ! 🙂
    Stavolta …. hai ragione Tu : UN AMORE …. NON TORNA MAI !
    UN AMORE RESTA …. SEMPRE !
    E non saranno gli anni, o le stagioni, o le piogge, o l’ invecchiarci noi irrimediabilmente … a scuoterlo, ad indurlo a partire per altri lidi : no …. lui caparbiamente resta …. e sta lì solo e ancora per noi !

    “E quanti amarono … i tuoi istanti di lieta grazia
    ed amarono la tua bellezza con falso o vero amore …
    ma solo un uomo amò in te l’ anima pellegrina
    ed il dolore del tuo mutevole volto !!!”

    Buon giorno amica mia cara …. Io non sono mai partito !!! 🙂

    Liked by 2 people

    • “E quanti amarono … i tuoi istanti di lieta grazia
      ed amarono la tua bellezza con falso o vero amore …
      ma solo un uomo amò in te l’ anima pellegrina
      ed il dolore del tuo mutevole volto !!!”

      Quanto vorrei aver trovato nella vita uno che mi amasse/mi avesse amato così!

      Mi piace

  3. Non vogliatemene il detto è efficace e molto vero. Ma è intriso di un assolutismo che nelle mie percezioni stona un po’. Se fossimo perfetti, se fossimo le uniche persone che hanno da offrire qualcosa a coloro a cui vogliamo bene, se fosse sempre facile governare gli eventi contingenti per dare il giusto rispetto che meritano i sentimenti delle persone che ci vogliono bene o se ci venisse naturale alimentare nell’equilibrio e nella libertà la reciprocità dell’amore forse allora lo sottoscriverei anch’io pienamente.
    Purtroppo io credo che il centro del nostro mondo sia soprattutto “noi stessi” e la cosa più difficile che l’essere umano può fare (e non ci riesce praticamente mai) è modulare questo sentimento straordinario, in tutte le sue forme, nel rispetto della libertà delle persone verso cui esso si rivolge.
    Chi ama, nel dubbio, dovrebbe restare. Questo sì.

    Liked by 2 people

    • Io credo che, nel dubbio, la persona si crei degli alibi che gli permettano di andare a cuor leggero dove la porta la pancia.
      Sai qual è il mio cruccio in questo momento (certo non “il” problema, dato i fatti contingenti che stanno imperversando sulla mia famiglia), l’amico perduto, e perduto senza ritorno perché, anche qualora tornasse, qualcosa è andato irrimediabilmente perso, e quel qualcosa è quel legame di sangue per cui i suoi problemi erano i miei, la sua felicità era la mia (e, voglio sperare, viceversa), quell’essere per l’altro membro della famiglia, ma stretto stretto, e non semplice “amico”.

      Il mio Amico, quello con la A maiuscola, non esiste più, non esiste irrecuperabilmente più, per quanto pappa e ciccia potremmo mai tornare un giorno: prova provata con altri, te lo assicuro.

      Liked by 1 persona

    • Queste tue parole sono intense. Le capisco appieno. Per molti motivi. Purtroppo questo è un periodo in cui gli Amici, molti Amici con la A maiuscola in molti luoghi diversi, ci lasciano quella presa di amarezza incredula che esalta solo il vuoto. Io sono un ottimista e preferisco pensare che il futuro possa riservare vie alternative che cancellino l’amarezza.
      Ma capisco appieno.
      Un abbraccio.

      Mi piace

  4. Sagge parole, indubbiamente non assolute, ma oggettivamente vere.

    Che si tratti di un amore, di un amico o di qualcun altro, se qualcuno ci tiene ad averti nella sua vita, resta.

    Ci si può stancare, ci si può disperdere per un po’, ma si resta in ogni caso.
    Se uno se ne va, meglio, fa spazio a nuove cose e a nuove persone.

    L’unico atteggiamento da evitare ( e io sono una delle prime) relativamente alle persone che sono dall’altra parte, cioè che vengono lasciate, è restare disperatamente attaccate al pensiero di quelli che se ne sono andati e idealizzare quel rapporto e credere di non poter andare avanti.

    Tutti sono utili nessuno è indispensabile!

    Buona giornata 🙂

    Mi piace

    • Ciao Skeria, e benvenuta!

      La penso come te, soprattutto per l’ultima considerazione: mai rimanere a stracciarsi le vesti, per quanto la tentazione possa essere forte. Vero è che, se tutti sono utili, pure tutti sono unici e pertanto, per quanto possano non essere indispensabili, ognuno lascia un vuoto che vuoto rimarrà.

      Un abbraccio, buona giornata a te!

      Liked by 1 persona

  5. Non hai torto in queste tue affermazioni ma…….se uno/a capisse di aver sbagliato, lo dice e torna perché non riammetterlo/a nel nostro cuore e ridargli/le fiducia? A volte sei troppo drastica. Mi dirai che la tua esperienza ti porta a pensarla così ma non tutto è bianco o nero. L’animo umano non è sempre semplice da capire. Resta anche chi non sa dove andare. Ciao Diemme. 🙂

    Liked by 3 people

    • Cara Lucetta, ridare fiducia, crederci ancora, non è una decisione razionale, ma una questione di cuore. Pensavo a proposito di tutt’altro all’espressione “farsi perdonare”, direi che quantomeno ci vuole dall’altra parte lo sforzo di riparare quanto fatto e riconquistarli questo affetto e questa fiducia che un brutto giorno ha deciso di buttare alle ortiche.

      Liked by 1 persona

  6. «Se torna significa che non l’ha voluto nessuno, quindi lascialo andare un’altra volta!»

    Questa mi piace! Volgarmente si dice: la minestra riscaldata non piace a nessuno.

    Personalmente non mi è capitato di riaccogliere a braccia aperte chi se n’era andato, ma ho avuto una soddisfazione enorme quando un ex moroso, che mi aveva piantata per un’altra, incontrandomi dopo anni e anni, a passeggio con i figli, mi disse, con tono di rimpianto (ché il tono è a volte più importante delle parole stesse): “Tuo marito è un uomo fortunato”.
    Ora, non so quanto mio marito condividesse allora, e condivida adesso, quel pensiero, ma per me è stata una sorta di rivincita, come avessi detto: “Ora capisci cosa ti sei perso … tiè”.

    Liked by 2 people

    • Pensandoci, neanche io ho mai accolto a braccia aperte chi è tornato. Di amici, ne sono tornati pochi e niente, di ex praticamente tutti, ma dopo talmente tanto tempo che nuove situazioni si erano ormai create e consolidate.

      Capisco però la soddisfazione… 😉

      Liked by 1 persona

  7. Si tratta sempre di valutazioni (nel titolo e nell’immagine) fatte da una parte… presumibilmente femminile, visto che il blog è di DM.

    Su di esse non faccio commenti: può darsi che vi sia qualcosa di vero o molto, ma ogni giudizio sul comportamento degli altri va accompagnato da quello sul proprio.

    Dubito che una parte possa considerarsi del tutto innocente e l’altra interamente colpevole. 😉

    Mi piace

    • Certo, ma ci sono delle proporzioni. Tanto per battere sullo stesso tasto, persino gli ebrei deportati sono stati accusati di essere andati come vacche al macello, ma permetterai che c’è una sproporzione di colpe tra loro e gli aguzzini? Certo che in un’amicizia, in un amore, se uno se ne va anche l’altro ha qualche colpa di non avere reso, evidentemente, la relazione piacevole (oppure di aver dato troppa libertà, o l’impressione che avrebbe sopportato tutto) ma, sai come sono io, ho sempre una notevole prevenzione nei confronti di chi se ne va… prevenzione e dente avvelenato!

      Mi piace

    • Diciamo che a volte si è davvero stanchi, che si fa un urlo e si sbatte la porta (anch’io sono un giorno sì e l’altro pure con la voglia di scappare da casa!), ma una porta che sbatte è sempre una porta che si riapre: è chi se ne va in silenzio che non torna più, e questo è troppo brutto, e non è chi ama che può compiere un gesto del genere!

      Liked by 1 persona

  8. Questa mattina … mi svegliai “poeta”,
    poeta improvvisato ma ariostesco,
    avèa sognato una gran pineta,
    nell’ aere si spandèa odor di pesco !

    In me, che pur errando ero restante,
    nell’ anima sentìa mille turgori
    e ripensavo ai miei perduti amori
    ai baci dati e alle dolcezze tante …

    E mi chiedèa : dov’ erano finiti
    tutti quei visi e quegli sguardi persi,
    e i cieli tersi, e gli alberi fioriti,
    or che in ricordi s’ erano conversi ???

    Dolce è sognare che si fermi il tempo
    e che la vita accenda come un lampo
    tutte le storie già vissute e belle
    e non più mute, e care, sìan le stelle ….

    Dolce è viaggiar da @Cavaliere Errante,
    ma “amor ch’ a nullo amato amar perdona”
    nel cuor m’ infisse una crudele spina,
    a me recando un dolore lancinante .

    Il sogno era finito, e al nuovo sole
    me ‘n vado brancolando ancor turbato,
    ma ripensai : SE AMAI E FUI RIAMATO,
    IO SON RESTATO là … in fra le viole !!! 🙂
    @Cavaliereerrante

    Mi piace

    • Io i vecchi amori ormai più non rammento
      il cuore è chiuso, solitario e spento,
      lontana è la fanciulla ancora in fiore
      che prima d’ogni cosa voléa amore!

      Lontana è quella donna sognatrice,
      che d’ogni bene volea esser latrice
      per l’amato consorte cui era unita
      nel buono e avverso fato, per la vita!

      Io non ricordo più quel batticuore,
      quelle attese sì dolci e la speranza,
      di rinnovare i voti dell’amore
      e di portarli avanti con costanza.

      Inaridimmi il cuore il tradimento,
      che prima mi lasciò con gran sgomento,
      e poi costretta a sceglier tra due mali:
      tradita o sola, oh pena senza eguali!

      Or mi ritrovo, in questa terza età,
      senza aver mai conosciuto la metà
      che nella vita dolce ti completa,
      quello era il desiderio, la mia meta!

      Mi sento strana a voler restar sola,
      anche se un po’ mia figlia mi consola,
      e esser indipendenti non è brutto,
      ma un grande sogno è morto, che gran lutto!

      Io spero ora che un giorno, non so quando,
      la sorte mia amorosa mi sorprenda,
      che il core a batter torni, palpitando,
      per un amore degno, che m’intenda.

      Miracolo, trovarmi a trepidare,
      e scoprirmi capace ancor d’amare!

      Liked by 1 persona

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...