Noi ossessivi

pastina messa in ordine

Insomma, come funziona casa mia un po’ ora l’avete chiaro, ma quello che forse non vi ho ancora detto è come io sia distante da tutto ciò, e come quindi per me tutto ciò sia un’angosciante violenza.

Ho giusto trovato in rete questo articolo, “20 cose che solo le persone ossessive possono capire“, e vorrei approfittarne per confrontarmi con voi su questi 20 punti.

*****************************************************************

Questo l’incipit dell’articolo:

In principio era il caos, poi Dio è arrivato a mettere ordine.

Oggi ti batti per mantenere l’armonia nel creato e giustamente vai fuori di testa quando ti mescolano le carte nel paniere. Anche perché nel paniere non dovrebbero esserci le carte.

Le persone ossessive come te hanno bisogno di ricalcare precise routine per sentirsi bene. Agli occhi degli altri sembra strano ma tu sai che è giusto così.

*****************************************************************

Beh, non sono messa proprio così male, ma vediamo come mi pongo sui vari i punti.

#1 Se l’appuntamento è alle 20:00, le 20:01 significano ritardo e le 19:59 significano ansia.

Più o meno…  😉

#2 Quando attraversi le strisce pedonali lo fai pestando le linee bianche o quelle nere. Mai entrambe.

All’incirca…  😉

#3 Due interruttori vicini nella stessa posizione devono essere entrambi spenti o accesi. Altrimenti fai il giro degli interruttori di casa per aggiustare le cose.

Sicuro!

#4 La porta non è mai troppo chiusa e il gas mai troppo spento.

Vero…  🙄

#5 Quando parcheggi, la macchina dev’essere perfettamente dentro le righe altrimenti ti parte un coccolone.

Proprio coccolone no, ma insomma, semmai rientro nell’auto, con la massima tranquillità, e faccio manovra d’aggiustamento 😉

#6 Il dentifricio va sempre spremuto arrotolando il fondo del tubetto.

E come altro lo vuoi spremere????

#7 Riempire la lavastoviglie è come giocare a tetris.

Passo, non ho lavastoviglie!

#8 La porta di casa può essere aperta, chiusa o chiusa sicuramente. Ma solo una è quella giusta.

E certo!

#9 Gli oggetti sulla tua scrivania formano solo angoli retti.

Gli oggetti sulla mia scrivania formano montagne.

#10 Una volta sei riuscito ad aprire il vasetto di yogurt senza che rimanesse attaccato al coperchio ed è stato il giorno più bello della tua vita.

 Beh, il più bello, non esageriamo! Diciamo uno dei migliori :mrgreen:

#11 Quando ti accorgi delle macchiette sul monitor del computer lo scaraventi al suolo impaurito.

Ma no, per chi mi avete preso! Corro semplicemente a prendere l’apposito spray e panno morbido per pulirlo. Semmai, se vedo qualcuno che mette le sue dita sul mio monitor, magari per indicarmi qualcosa, scaravento al suolo impaurito lui!

#12 Il volume dell’autoradio dev’essere sempre pari.

Sì. No. Sempre dispari.

#13 Una volta al mese passi la giornata a mettere tutti in quadri e i poster in bolla.

No.  (Il goal della bandiera.  😉 )

 #14 Quando prendi appunti disegni fantastiche geometrie sul quaderno.

No, prendo fantastici appunti. Che non rileggo mai.

#15 Cani e gatti non devono salire sui divani. Mai.

Cani e gatti non devono proprio entrare in casa. Mai.

#16 Avere poca batteria nello smartphone ti provoca un profondo senso di inadeguatezza.

Non ho lo smartphone, ma il mio cell quando da quattro tacche passa a tre viene rimesso in carica (per non parlare del pieno di benzina… 😉  ).

#17 Se lavandoti le mani bagni il bordino della manica per te sarà una giornata molto spiacevole.

Esagerati, avrò giusto un po’ di giramento.

#18 Per paura di commettere errori, rileggi tutto quello scrivi fino a quando ti si incrociano gli occhi.

Sì, ma rigorosamente dopo averlo pubblicato  😦

#19 Chi prende lo zucchero dalla zuccheriera con il cucchiaino bagnato di caffè è pazzo.

Se lo fa a casa sua, è pazzo. Se lo fa a casa mia è pazzo suicida.

#20 La marmellata sul pane non è mai spalmata con sufficiente cura.

Basta avere gli strumenti adatti, e il velo sarà uniforme. 😀

E voi, come ve la cavate?

Annunci

35 thoughts on “Noi ossessivi

    • Ecco, a me dicono “Ce l’hai abituata tu così”, ma de che? Tu mi confermi che i figli vengono come vogliono, anzi, spesso hanno atteggiamenti opposti ai nostri (genetici o compensativi?).

      Liked by 1 persona

  1. @Aquilanonvedente ?!?
    Riponi, intonsi come sono, i tuoi leggendari PLICHI SIGILLATI cari ad @Eros …. per stasera …. ehm …. non se parla proprio ! 😐
    Cheppoi …. di questo elenco ossessivo, a te non potrebbe interessare che il punto 15) .
    A tale imprimatur ( “i cani e i gatti NON devono MAI salire sui divani” ), @Diemme infatti risponde :
    “I cani i gatti NON devono proprio entrare in casa. MAI” !!! 😯
    Ebbene …. qui caro amico potresti intervenire Tu, lasciando sul pianerottolo, e quindi fuori la casa, due belle “Torte alle mele della nonna” preparate amorosamente da te !
    Garantito : dopo averle azzannate, cheni & ghetti rimarranno ( stecchiti ) fuori di casa. Per sempre !!! :mrgreen:

    Mi piace

  2. A dire il vero non credo nemmeno io di appartenere a questa gamma di persone. Di recente un collega, che peraltro mi è molto simpatico, ha cercato disperatamente di riportare il mio operato dentro schemi in qualche misura codificabili … Ma pare abbia fallito. Al suo ultimo tentativo, non sapevo più cosa dirgli per fargli capire che sono diverso dalle attese, e mi è uscita di getto questa frase: “L’arte dell’entropia costruttiva non segue schemi predigeriti.”
    Credo che, sotto sotto, sia una sorta di mio ideale a cui tendere in tutti gli aspetti della vita.
    Forse l’antitesi dell’ossessività.

    Mi piace

    • Più che altro io credo che le nostre vite di oggi siano così innaturalmente frenetiche, che il termine entropia ci serve perché è più misterioso e vagamente eroico dell’altro termine che sarebbe più appropriato. Schizofrenia.
      E se serve per farci credere che va tutto bene e che possiamo camminare ancora un po’ in questa vita, per fare qualcosa di sensato, allora è sicuramente anche costruttiva.

      Mi piace

  3. io sono una frana nella precisione, pensa che quando lavo i piatti mi bagno sempre la maglia e tocca cambiarmi,non so spalmare bene la marmellate sulle fette biscottate, non chiudo mai bene le bottiglie dei detersivi con i tappi…insomma sono disordinata 😀

    Mi piace

  4. Fantasticaaa mi mancava questa lista, copio subito, io e l’ossessione siamo in simbiosi da tutta la vita! 😀
    Ti seguo più o meno su tutti i punti (anche sul volume dispari! giuro!)

    Mi piace

  5. x @Diemme = 19/3 – 5/58 ( battaglia navale ??? Nooono … bella mia, Tu bari sempre e mi diresti poi “acqua” ! 😯 …. Qui ho scritto queste coordinate numeriche solo individuare il tuo commento di riferimento al fine di controcommentarlo a mia volta ) : volevo ben dire …. visto che c’ è quel @gattone lavativo e simpatico, curiosone e disordinato, che ti si spaparanza sul divano domestico ed invade ogni settore logistico della tua chesa “notte & dì” !
    In questo caso …. la famigerata “torta alle mele della nonna”, micidiale prodotto casereccio del nostro buon amico @Aquila, è non solo consigliabile, ma addirittura necessaria …. sempre supponendo che il sor @Atty, spinto dalla sua innata curiosità e dal suo inveterato desiderio di scroccarti qualcosa, se la sgargarozzi a tutta ganassa ! :mrgreen:
    Ma venendo ‘on top’ …. il post principia con le seguenti parole :

    “In principio era il caos, poi Dio è arrivato a mettere ordine.
    Oggi ti batti per mantenere l’armonia nel creato e giustamente vai fuori di testa quando ti mescolano le carte nel paniere. Anche perché nel paniere non dovrebbero esserci le carte.” …. 😯

    A mio parere, l’ Armonia del Creato …. c’ entra con l’ ordine della chesa come i cavoli a merenda dalla sora @Tuta a Testaccio c’ entrano con il ‘te & pasticcini’ da @Babbington in Piazza di Spagna: l’ una infatti ( e cioè l’ Armonia dell’ Universo ) è fatta di ben precise leggi fisiche basate sul movimento dei corpi celesti, sulla loro natura e sulle forze gravitazionali che interagiscono secoloro, l’ altro ( il disordine della chesa ) è il frutto della pigrizia, del menefreghismo ( tanto … c’ è sempre qualche martire che metterà ordine con scopa, stracci da pavimento, lavatrice e ferro da stiro ) e dell’ inesistente rispetto per chi, nella chesa, lavori per mantenerla pulita e vivibile ! 👿

    Mi piace

    • Nel nostro paniere le carte ci sono, e anche qualche caricabatterie. Ovviamente, di cellulari non più in uso da anni 😉

      PS: ma perché continui a scrivere “chesa”?

      Mi piace

  6. Perchè …. uso il termine CHESA ?!? 😯
    E’ una mia passione ‘cinefila’ …. e la uso quando voglio parlar o scrivere forbito ! 🙂
    Ricordi l’ appassionato film ‘ad episodi’ L’ ORO DI NAPOLI ( tratto dal capolavoro di @Giuseppe Marotta … con l regia di @Vittorio De Sica ) ???
    Tanto per la memoria … ti linko qui uno stralcio del film :

    Ebbene … nell’ episodio in cui il personaggio interpretato da @Paolo Stoppa – un marito infame, prepotente ed egoista che, a forza di soperchierie, ha fatto crepare la sua povera moglie Clara – per fare la sceneggiata del dolore d’ un marito che non si dà pace per la morte della moglie, si richiude in casa prendendosi a schiaffoni ed anche fingendo di volersi buttare dalla finestra ( sempre tuttavia in modo da esser subito trattenuto dagli amici pietosi ivi accorsi per consolarlo … e scroccare il ricco rinfresco allestito in casa ), c’ è una mitica @Tecla Scarano ( grande attrice napoletana … ) che interpreta l’ amica che, in assenza della padrona di casa, ne fà le veci accogliendo sul pianerottolo la fiumana di persone, maschi e femmine, giovani e vecchi …. che accorrono in quella casa per onorare la salma ( e quindi, anche loro, per abbuffarsi col rinfresco ) . In realtà, costei non c’ entra un bell’ amato cacchio con la defunta, nè è stata chiamata da alcuno per farne le veci …. è anche lei una scroccona, che si è ritagliata un ruolo . Dunque, elegantemente vestita, se ne sta sul pianerottolo accanto alla porta di casa spalancata …. e, ad ogni ospite che viene, sussurra, atteggiandosi a persona dal parlar forbito :
    CHE DISGREZZIA …. QUESTA MORTE …. E’ LA ROVINA DELLA “CHESA” !!! :mrgreen:

    Liked by 2 people

  7. Essì … da come ci hai raccontato il cordoglio lobottesco quando perse “l’ amato” coniuge, direi che quelle scene, volte dal maschile al femminile ( e cioè sostituendo lo @Stoppa ‘marito’ con la @Lobot ‘moglie’ …. ), sono appropriatissime !!!
    Anche se, da cinefilo appassionato qual sono, mi è assai difficile immaginare la @Lobot con un essere vivente che non sia ALIEN oppure GODZILLA !!! :mrgreen:

    Mi piace

  8. Due a contendersela ?!? 😯
    Beh … sempre rimanendo al cinema, non potrebbero che essere 1°) @Zalamort … oppure 2°) @Il Mostro di Dusserdolf !!! :mrgreen:

    Mi piace

    • Caro Spuga, questa è solo la punta dell’iceberg, in realtà sono molto peggio!!! Io poi quelli che mi fanno il filo li avverto, glielo dico che sono insopportabile, loro non ci credono, si vogliono cimentare e poi… che è causa del suo mal pianga se stesso!

      Devo dire, però, che ho anche qualità uniche (modestamente), ed è per questo che poi continuano a rimpiangermi anche per anni (veramente, anche decenni), e tentano tutti il ritorno a Canossa: evidentemente, le virtù superano i difetti 😉

      Mi piace

  9. Vediamo…
    1 Se l’appuntamento è alle 20:00, le 20:01 significano ritardo e le 19:59 significano ansia.
    Il ritardo ce l’ho nel dna quindi….

    #2 Quando attraversi le strisce pedonali lo fai pestando le linee bianche o quelle nere. Mai entrambe.
    E chi ci pensa, guardo che nessuno mi arrivi addosso.

    #3 Due interruttori vicini nella stessa posizione devono essere entrambi spenti o accesi. Altrimenti fai il giro degli interruttori di casa per aggiustare le cose.
    Ma no dai!!!!

    #4 La porta non è mai troppo chiusa e il gas mai troppo spento.
    Mmmmm…il gas va.

    #5 Quando parcheggi, la macchina dev’essere perfettamente dentro le righe altrimenti ti parte un coccolone.
    Giusto, quello che arriva dopo altrimenti come si mette?

    #6 Il dentifricio va sempre spremuto arrotolando il fondo del tubetto.
    Appunto, come lo vuoi spremere?

    #7 Riempire la lavastoviglie è come giocare a tetris.
    Non ho la lavastoviglie e neanche la voglio.

    #8 La porta di casa può essere aperta, chiusa o chiusa sicuramente. Ma solo una è quella giusta.
    E bhe!

    #9 Gli oggetti sulla tua scrivania formano solo angoli retti.
    No, pile incredibili…

    #10 Una volta sei riuscito ad aprire il vasetto di yogurt senza che rimanesse attaccato al coperchio ed è stato il giorno più bello della tua vita.
    Diciamo una soddisfazione. Scambiare mia figlia con il barattolo dello yogurt…

    #11 Quando ti accorgi delle macchiette sul monitor del computer lo scaraventi al suolo impaurito.
    Ma quando mai!!! La rapida pulizie!

    #12 Il volume dell’autoradio dev’essere sempre pari.
    Come mi gira quel giorno.

    #13 Una volta al mese passi la giornata a mettere tutti in quadri e i poster in bolla.
    Ahò!

    #14 Quando prendi appunti disegni fantastiche geometrie sul quaderno.
    Condivido.

    #15 Cani e gatti non devono salire sui divani. Mai.
    Hanno i loro posticini (cani, gatti non ne ho), ma se fanno pisolini sul divano poco m’importa, anzi mi accoccolo con loro, borse d’acqua calda naturali e amore senza condizioni.

    #16 Avere poca batteria nello smartphone ti provoca un profondo senso di inadeguatezza.
    Non sono cellularedipendente. Per fortuna.

    #17 Se lavandoti le mani bagni il bordino della manica per te sarà una giornata molto spiacevole.
    Ma quando mai!!!!

    #18 Per paura di commettere errori, rileggi tutto quello scrivi fino a quando ti si incrociano gli occhi.
    Idem! E si vede 🙂

    #19 Chi prende lo zucchero dalla zuccheriera con il cucchiaino bagnato di caffè è pazzo.
    Non si fa, no, non si fa…neanche a casa.

    #20 La marmellata sul pane non è mai spalmata con sufficiente cura.
    Condivido.

    Mi piace

  10. Allora sono salva perché non ci prendo in tutti i punti anzi….figurati che ho affettuosamente soprannominato casa mia ” il circo”. E’ tutto in ordine….ma di certo non è merito dei miei fratellini…

    Mi piace

    • Io ho rinunciato… inutile svuotare la vasca se non si chiude il rubinetto!!!

      Le persone che sono venute ad aiutarmi se ne sono andate sempre via scorate e scornate, hanno iniziato tutte prese da sacro fuoco, probabilmente giudicandomi incapace di gestire la situazione, poi hanno gettato la spugna (e, devo dire, alla fine per me è stata pure una soddisfazione e una rivincita: “Non giudica’ ‘l compagno tuo finché ‘n te trovi al loco suo!”. 😉

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...