Perché non esiste una colpa collettiva

Muslim protecing synagogues

VERY COOL: Muslims are taking photos at synagogues declaring themselves guardians of believers and their houses of worship.

Muslim sisters and brothers: Thank you.

STRAORDINARIO: Musulmani si fanno fotografare presso le sinagoghe dichiarandosi guardiani dei credenti e dei loro luoghi di culto.

Fratelli e sorelle musulmani: grazie.

Questo per ricordarci che non esiste colpa collettiva, e che qualsiasi generalizzazione è ingiusta e fuori luogo.

Fonte:

Annunci

15 thoughts on “Perché non esiste una colpa collettiva

  1. Ove la notizia, su cui si basa questo tuo ‘ennennennesimo’ post, fosse autentica … beh ci troveremmo davanti a quel mondo “più equo, più umano, più vivibile” che sogniamo e per cui tutti e tutte quotidianamente lottiamo …. e la speranza di raggiungerlo, e magari perfezionarlo ancora, si tingerebbe davvero di rosa ! 🙂

    Mi piace

    • Che intendi? Che proteggono credenti e luoghi di culto esclusivamente della loro religione e le sinagoghe le bombardano? No, dai, ce ne sono centinaia e migliaia di arabi in genere ma anche arabi palestinesi che sono pappa e ciccia con ebrei e israeliani.

      Tu pensa che qualche anno fa, in occasione di una cerimonia per l’apposizione di una targa che commemorava delle vittime di Auschwitz, erano praticamente tutte musulmane le donne che prepararono il rinfresco per i parenti delle vittime, chiaramente tutti ebrei.

      Forse, se non ci fossero “alti” interessi che volano sopra le loro teste, in medio oriente ci sarebbe la pace.

      Liked by 1 persona

    • No, non dico quello. Dico che sono persone buone e che si comportano da persone buone.
      Quello che sta scritto in quel libro in arabo dà suggerimenti piuttosto differenti. In prima battuta perché per credenti intende solo quelli di una certa religione AFAIK.
      Nonostante lo recitino a memoria molti non lo comprendono perché non tutti capiscono l’arabo medioevale.
      Questo però non fa altro che accrescere il valore di quelle persone di buona volontà. Che vanno aiutati ed accolti e bisogna tributar loro lo sforzo di essere buoni.
      Vorrei avere più tempo per spiegarmi meglio…. ☺

      Mi piace

    • Io credo che sia vero ma, se anche questo caso specifico non lo fosse, ne esistono tante di prove di questa solidarietà. Se non erro, anche nel supermercato kosher recentemente bersaglio di un attentato a Parigi, è stato un dipendente musulmano a rischiare la sua vita per mettere in salvo i clienti ebrei.

      Da notare anche che, per l’appunto, il musulmano lavorava tranquillamente nel negozio kosher: io nella fratellanza ci ho sempre creduto, e la radice dell’odio è personale e non razziale.

      Liked by 1 persona

  2. Il messaggio è buono… l’immagine un po’ perfettina, senza un capello o cappello fuori posto, inappuntabile in ogni suo particolare, le dà un che di studiato.. ma non importa.. 😉

    Mi piace

  3. Pingback: La bontà non è un loro comandamento. | Buseca ن!

    • Comunque la notizia delle migliaia di musulmani intorno alle sinagoghe a proteggerle, formando “l’anello della pace”, pare che non sia una notizia vera. Comunque tenterò di approfondire.

      Mi piace

  4. Al contrario, @Diemme : proprio ieri il TG RAI 1 ha mostrato “dal vivo” queste virtuose “catene di fratellanza” in Danimarca ( e in altre nazioni ) … e si è potuto vedere, da parte nostra, con quanta gioiosa partecipazione bei ragazzi e ragazze di religione islamica facevano scudo col loro corpo a protezione delle sinagoghe, al punto tale che un Rabbino, mentre ringraziava questi giovani da un palco, non poteva trattenere le lacrime di commozione !

    Mi piace

    • Io ho letto rapidamente la smentita, ma non diceva che non ci fossero, ma che non fossero migliaia, bensì un mamipolo fotografato in modo da sembrare tanti, ma non mi sono potuta soffermare. Comunque, per come la penso io, il numero non ha importanza, che siano dieci o mille è un gesto eccezionale, uno di quei semi che portano frutti preziosi.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...