La vera ricchezza

Bambino con cane

Preso da fb:

Un padre ricco, volendo che suo figlio sapesse che significa essere povero, gli fece passare una giornata con una famiglia di contadini
Il bambino passò 3 giorni e 3 notti nei campi.
Di ritorno in città, ancora in macchina, il padre gli chiese:
– Che mi dici della tua esperienza ?
– Bene – rispose il bambino….
Hai appreso qualcosa ? Insistette il padre
1 – Che abbiamo un cane e loro ne hanno quattro.
2 – Che abbiamo una piscina con acqua trattata, che arriva in fondo al giardino. Loro hanno un fiume, con acqua cristallina, pesci e altre belle cose.
3- Che abbiamo la luce elettrica nel nostro giardino ma loro hanno le stelle e la luna per illuminarli.
4 – Che il nostro giardino arriva fino al muro. Il loro, fino all’orizzonte.
5 – Che noi compriamo il nostro cibo; loro lo coltivano, lo raccolgono e lo cucinano.
6 – Che noi ascoltiamo CD… Loro ascoltano una sinfonia continua di pappagalli, grilli e altri animali…
…tutto ciò, qualche volta accompagnato dal canto di un vicino che lavora la terra.
7 – Che noi utilizziamo il microonde. Ciò che cucinano loro, ha il sapore del fuoco lento
8 – Che noi per proteggerci viviamo circondati da recinti con allarme… Loro vivono con le porte aperte, protetti dall’amicizia dei loro vicini.
9 – Che noi viviamo collegati al cellulare, al computer, alla televisione. Loro sono collegati alla vita, al cielo, al sole, all’acqua, ai campi, agli animali, alle loro ombre e alle loro famiglie.
Il padre rimane molto impressionato dai sentimenti del figlio. Alla fine il figlio conclude
– Grazie per avermi insegnato quanto siamo poveri !
Ogni giorno, diventiamo sempre più poveri perché non osserviamo più la natura, che è l’opera grandiosa di Dio.

Annunci

14 thoughts on “La vera ricchezza

  1. Eh… c’è povertà e povertà: una povertà “ricca”, contadina, e una povertà povera, urbana; c’è una povertà autosufficiente e serena, e una povertà disperata, che aspetta elemosina o peggio… la differenza è abissale.
    Tutto ciò rende chiaro quanto sia deleterio per l’uomo il distacco dalla natura e dalla terra.

    Mi piace

  2. “o Serafinooooooo….. difendi tu, difendi tu, la nostra libertà. La libertaaaa!”

    a parte gli scherzi, ricordo nonna, una contadina, che sembrava esser più ricca di noi cittadini.
    Un bacio

    Mi piace

  3. C’è molta poesia…non l’avrei fatta dire ad un bambino, non è necessario, perchè sono gli adulti che dovrebbero credere che stiamo impoverendo, soprattutto le generazioni future e che solo la natura ristabilirà gli equilibri quando sarà satura di questa umanità abbastanza ipocrita.

    Mi piace

  4. Abitando in campagna ed avendo vissuto in gioventù esperienze pressapoco come quelle del ragazzo, ora dovrei dire le stesse cose di ERGATTO, cioè che non è più una situazione poetica, come quella del racconto, anche se, secondo me, sempre meglio dell’abitare in città.
    Ciao carissima Diemme, buona serata e buon inizio di nuova settimana!

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...