Mi fa effetto…

deserto cammelliere luna

Mi fa effetto questo luogo abbandonato… mi fa effetto non essere più blogger, non essere più Diemme…

In questo strano periodo, a parte la lotta per la sopravvivenza, soprattutto leggo, leggo, leggo…

Leggo le peggiori notizie di cronaca, leggo storie di vita, mi interrogo sulla vita politica del mio Paese…

… ma non mi viene fuori nulla, nulla da condividere, nulla da commentare, nulla su cui esprimere opinioni, da capire, assolvere o giudicare.

Rimane chiuso tutto qui, nella mia testa, tutto chiuso nel mio cuore, tutto chiuso.

Anche questa volta aspetto. Chissà che cambiamento, spero buono, mi porterà la mia vita. Ogni giorno della nostra vita è un seme sotto la neve, e quello che sta germogliando ora chissà quando è stato piantato, chissà da chi…

 

Annunci

61 thoughts on “Mi fa effetto…

    • E’ un periodo strano, più che di vuoto. Mi sembra di essere in un bozzolo, nel quale mi sento costretta, ma da cui uscirà una persona diversa. Se migliore non saprei 🙄

      Mi piace

  1. pensa che io che ogni tanto continuo a passar di qua per legger il fù passato non ho mai avuto la sensazione di un luogo abbandonato quanto piuttosto di un enorme insieme di vite e storie, di attimi e pensieri, un enorme recipiente di vita…. dove il tempo è una variabile trascurabile..

    e il silenzio di questi giorni (o settimane o mesi che saranno) non fanno altro che trasmettermi la stessa sensazione… se la vita fosse solo 24 ore non dimentichiamo che dalle 5 alle 12 [dato statistico] a seconda del periodo di vita e della persona… sono ore di silenzio… e che anche il silenzio fa parte appunto della nostra vita….

    un abbraccio.

    Liked by 3 people

  2. Ciao cara, felice di rileggerti. 🙂
    Scrivi quando ti viene voglia di farlo, tanto c’è quel piccolo animale chiamato Feed RSS che ti tiene sotto controllo per me. 😉

    Mi piace

  3. Facendo seguito ai commenti qui sopra letti, direi che hai comunicato parecchio, molto più di altre volte, tutto sta adesso nel capirti, nel non farti sentire così sola ed isolata come sembrerà a te di essere. Anche perché è nel silenzio che tante cose ci diventano più chiare e lo dico nella constatazione di quanto, all’opposto, vale per me, cioè la confusione di mille cose a cui pensare ed occuparmi! Allora cerca di apprezzare gli aspetti positivi dei momenti come i tuoi, sebbene io sia convinto che tu sia essenzialmente una donna che esprime nel dialogo e la socializzazione il meglio di sé, almeno è ciò che io ho avuto sempre modo di apprezzare!
    Un abbraccio amica mia e continua a leggere, è una delle più belle cose che si possano fare, ma pure cerca di riuscire a ritornare com’eri prima, saremo in molti a beneficiarne!

    Mi piace

  4. In questo momento, potendo, chissà quanti dei tuoi pensieri, che a suo tempo credevi assolutamente meritevoli di essere condivisi, non condivideresti più. Sono tutti legati a transitori stati d’animo i nostri parametri di valutazione – come questo tuo attuale … negativo -, e forse anche ad un processo evolutivo, previsto o inaspettato, nonostante l’età.
    Spero tantissimo di rileggerti. Sei una persona dal valore inestimabile, comprensiva e tollerante, soprattutto.

    Mi piace

    • O forse si mascherano da robot… diciamo che io, a differenza di tanti, di mantenere la facciata e “far vedere che” me ne infischio abbastanza 😉

      Oltretutto mi dicono che chi nasconde di più è più solo, e fa più fatica a uscire da questi periodi no.

      Mi piace

  5. ma no, non hai chiuso. Chi dice che si debba postare una volta al giorno? Un post a settimana, ogni 10-15-20 giorni va più che bene. Nel frattempo le idee e l’entusiasmo ritornano.
    Ciao Diemme, serena sopravvivenza. Siamo tutti dei sopravvissuti in questo periodaccio. Ma passerà, dai.
    Marirò

    Mi piace

    • Cara Ili, magari vendessero l’entusiasmo in farmacia, in comode compresse da far sciogliere in acqua! Purtroppo non è così, e l’automotivazione a volte va in tilt.

      Io confido nella bella stagione, il sole e la luce mi hanno sempre fatto un gran bene. 🙂

      Mi piace

  6. quando ho iniziato a frequentare la tua piattaforma mi sono soffermata a leggere la posta che ti veniva inviata e a cui hai dato una risposta. la cosa strana è che sei un qualcosa di unico, conformista ma anticonformista. una sorta di miscuglio piacevole fra ciò che eticamente è giusto ma sinceramente pare essere una sciocchezza. ognuno di noi ha un periodo un pò così. il mio è durato circa tre anni. l’ultimo post nel 2010, poi nel 2013. il fatto è che trovavo sempre il modo per sfuggire. la fobia più grande era quella di essere scoperta. oggi mi dico: macchissenefrega! e se posso anche in un momento di sconforto, apro il mio mondo. devi solo trovare una scusa buona per sentirti dire che il mondo ha da offrirti tanto. anche uno spunto!

    Mi piace

    • Cara Aida, un po’ mi fa molto piacere quanto scrivi, ” la cosa strana è che sei un qualcosa di unico, conformista ma anticonformista. una sorta di miscuglio piacevole…”, un po’ metti il dito nella piaga.
      Se c’è una cosa che mi ha sempre spiazzato nella vita è che la gente, anche quella che conosco da sempre e con cui ho sempre parlato a cuore aperto, sembra non conoscermi, pare sempre che io sia diversa da come appaio, e sì che io dell’apparenza proprio me ne infischio! La gente vorrebbe inquadrarmi, e non ci riesce, forse perché non seguo scuole di pensiero, ma solo il pensiero mio. Che dirti, sarò pure una libera pensatrice, ma il fatto che nessuno riesca mai a capire chi sono e che tutti si aspettino sempre dell’altro, nel bene o nel male, finisce anche per stancare e per farti sentire davvero sola.

      Mi piace

    • No cara Aida, non basta. Il fatto che nessuno ti conosca alla fine diventa quasi un incubo. Tutti, anche le persone più vicine, sembrano quasi spaventate dalle tue eventuali reazioni, anche se sono le più normali e coerenti di questa terra, tutti cercano di prevedere le tue mosse anticiparle, non azzeccandone una e facendo danni incalcolabili. Non sai quante volte ho sentito “Pensavo ti facesse piacere” di qualcosa che proprio non mandavo giù, o “Pensavo che non volessi”, di qualcosa che invece volevo fortemente. Una mia amica ci scherza con me per via dei regali, dice che sono impossibile da accontentare, eppure è così semplice, a volte addirittura li chiedo e invece nisba! Per non parlare delle idee, vengo continuamente tacciata di essere incoerente, mentre il problema è la limitatezza degli schemi mentali di certa gente, per cui idee e comportamenti sono a “pacchetti”, e se uno ha una certa idea su un argomento deve necessariamente avere la tal altra idea su un altro, se uno ritiene giusto un certo comportamento ne deve di conseguenza ritenere giusto un altro che magari, secondo me, col primo non ci azzecca niente, e così via.

      Mi piace

    • Però vedi una cosa. È difficile che qualcuno ci conosca veramente. Siamo un mondo tutto nostro e gli altri ci vedono come VOGLIONO VEDERCI LORO. puoi gridare aiuto, puoi esternare ed essere trasparente ma… SE GLI ALTRI CI VEDONO COSÌ, NON POSSIAMO FARCI NULLA. È difficile andare avanti, è dura combattere per far vedere chi siamo, ma se il ciuccio non vuole farsi lavare le orecchie…

      Mi piace

  7. Ehi Diemme non avrai intenzione di abbandonarci eeeehhhh??? Tu sei una colonna portante di questo portale , entrare e trovare il tuo blog abbandonato è tristissimo !!! Devo ammettere che questo è un momento un po’ strano per il blog altri amici stasnno disertando, ma forse è colpa del caldo e dell’estate incombente che invoglia poco stare al pc. Ma poi vedrai che tutto ricomicia. Come diceva il papà di Arhur, dobbiamo trovare sempre il lato positivo anche se quello a volte tarda a farsi vedere , dobbiamo farlo per noi !!! Ti abbraccio tanto e spero di leggerti presto presto

    Bacione :)))
    rosy

    Liked by 1 persona

    • No no, non mollo, abbiate solo la pazienza di sopportarmi coi miei alti e bassi, quando sono trainante e quando sono accasciata, come adesso.

      Un abbraccio!

      Mi piace

    • Qui la pazienza non manca affatto ne ho una scorta infinita :)) . L’importante è non mollare !!! Buona settimana Carissima e cerchiamo di accasciarsi il meno possibile…me compresa :))

      Bacione
      Rosy

      Mi piace

    • Oddio, quando sono così riesco ad ascoltare anche meno… mi sento così chiusa in me stessa, incapace di ascoltare persino i miei di bisogni, persino i miei di ricordi, riflessioni… 🙄

      Mi piace

    • Stanchezza anche fisica, sono stanca di non stare bene, è terribile per chi deve bastare a se stessa non poter far conto sulle forze fisiche!

      Un abbraccio a te.

      PS: sai che mi hanno offerto un lavoro in Ungheria? Però non l’ho accettato… 😉

      Mi piace

  8. Ho perso le parole
    oppure sono loro che perdono me,
    io so che dovrei dire
    cose che sai,
    che ti dovevo, che ti dovrei.
    Ma ho perso le parole
    vorrei che mi bastasse solo quello che ho,
    mi posso far capire
    anche da te,
    se ascolti bene
    se ascolti un po’.

    Forse ha ragione Monique: c’è un tempo per le parole da scrivere, un altro per quelle da ascoltare.

    Un abbraccio. ❤

    Liked by 1 persona

  9. Prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno… Blogger lo sei sempre, anche se non scrivi. Il tempo del silenzio, dell’ascolto, è un tempo di lavoro sotterraneo, nascosto, di cui c’è bisogno. Anche i campi più fertili hanno bisogno di riposare.
    Un abbraccio!

    Mi piace

  10. “Una freccia può essere scagliata solo tirandola prima indietro..
    Quando la vita ti trascina indietro con le difficoltà, significa che ti sta per lanciare verso qualcosa di grande. Concentrati e prendi la mira.” (cit.)
    Ecco, sono sicura che il tuo momento no sia dovuto a questo….stai in campana, la corda è tesa…pronta al lancio?!?!? 😀 Aspetto di ritrovarti più in forma che mai. Prenditi il tempo che ti serve, nessuno ti corre dietro.

    Mi piace

    • Ma sai, magari non ti verranno idee “geniali su argomenti intriganti”, ma dipende come vivi e pensi il blog tu. Liberissima di pensare di dare solo il meglio, quindi tirando fuori dal cilindro spunti, articoli, etc. (Ma non crea ansia da prestazione?).
      A me piace pensare, invece, che sia una piazza virtuale, dove esprimere concetti elevati e cazzate. Perché penso che non sia solo un cartellone dove affiggere i propri pensieri. Pian pianino ci si impara un po’ a conoscere, per quel poco che lasciamo trapelare. E non fa niente se ciò che lasciamo trasparire non sempre viene espresso con alti concetti. E’ bello vedere -ed accettare- i difetti altrui. A me piace leggerti (e non voglio usare un tempo verbale al passato! :-P), anche quando scrivi la lista della spesa. Ho espresso bene il concetto? 🙂

      Mi piace

  11. Mi sono accorto ora della ripresa dei tuoi interventi.
    E, commentando quel che scrivi, dico che, secondo me, arriva il momento in cui ci si stanca della propria attività di blogger, certamente perché altre cose più importanti ci distolgono, ma anche perché abbiamo, in fondo, percepito quanto le nostre parole siano incapaci di modificare o solo anche scalfire la realtà oltre la tastiera.
    E’, almeno per me è stato così, il senso dell’inutile che blocca, la percezione, a volte repentina, del proprio scarso peso, della propria, mi si perdoni il termine, irrilevanza.
    Ma è giusto che sia così, la realtà che cambia, il nostro indebolimento, se non altro per gli anni che si sommano, ci chiede di essere umili, di essere quel che siamo e che il passo va lasciato a chi ancora crede o si illude di poter essere importante, a chi crede di poter indirizzare, guidare, suggerire ad altri, e lo assume come un proprio impegno, come una missione o anche solo lo vede come un divertente gioco di società.
    La realtà ci chiama, ad essa non possiamo dire di no, nessun nascondiglio le impedirà di manifestarsi a noi. 😉

    Liked by 1 persona

  12. Cara Diemme, come vedi oggi sono passata di qua .. e sto leggendo un po’, dall’ultimo post all’indietro, purtroppo senza avere il tempo di soffermarmi, ma sempre con l’interesse e il sentimento di amicizia che ho per te e per la tua ricchezza interiore. Quando ho letto l’incipit di questo post mi sono chiesta a cosa ti riferissi. Il tuo blog deserto? Impossibile … sei talmente ricca di spunti, di idee, di cose buone che è impossibile che il posto in cui hai deciso di condividere con noi un po’ di te rimanga un deserto … chiunque passi, anche solo per un attimo, di sicuro non va via a mani (e cuore) vuote, ma con la consapevolezza che esistono ancora persone “grandi” come tu sei grande.

    E poi, per fortuna, un blogger non deve timbrare il cartellino ogni mattina: deve soltanto capire quando è il momento di condividere un pensiero. Se non è il momento giusto, un blogger non scrive e non condivide e sono più che certa che i suoi follower non potranno mai rimproverarlo per questo.

    Tu, oltre ad essere una Donna e una Madre (e un’Amica), sei una Blogger con la B maiuscola … e la tua casa è un giardino ricco di colori, di profumi, di suoni, di Vita … altro che deserto!!!!!
    Ti abbraccio forte!!!

    Mi piace

    • Ho passato un momentaccio, con tanto di crollo nervoso. Ho avuto un incidente, per cui il mio fisico ha avuto un’altra bella botta, e in più qualcuno sta facendo un bel danno a mia figlia, e stiamo faticando per schivare i colpi. Tutto questo come ciliegina sulla torta di una situazione già impegnativa: ogni tanto si crolla, e in quei momenti la priorità del blog scende precipitosamente a zero.

      Grazie comunque per le tue belle parole, la tua amicizia e il tuo affetto sincero. Ti abbraccio!

      Mi piace

  13. Mi dispiace molto leggere tutto questo … vorrei sinceramente offrirti una vicinanza più reale di quella che posso offrirti con un post … Purtroppo posso solo dirti che ti voglio bene, un bene forte e sincero … e spero che tutto passi presto e che sulla tua vita sia già tornato a splendere il sole 🙂

    Mi piace

    • Ti ringrazio Rosigna, l’affetto sincero dei miei amici è un unguento per l’anima, anche se devo dire che gli amici di Roma si sono anche dati tanto da fare, mi hanno portato da mangiare (non potevo muovermi!), andati a prendere le prescrizioni dal medico, una persino mi è andata a fare un cambio in un negozio di un elettrodomestico non funzionante!

      Anch’io vi voglio bene: i miei amici, e la mia famiglia ovviamente, sono la mia grande ricchezza (mia madre è solita dire “Noi siamo ricchi di carne”, e non intende la mole… 😉 ).

      Oggi un’altra rogna, con l’assicurazione è tutto da rifare… ma proprio da una macchina che ha un’assicurazione straniera dovevo essere tamponata???

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...