Giornata internazionale delle benvedenza

Positive thinking - pensiero positivo

Inutile che l’andiate a cercare, l’ho inventata io, ma vorrei tanto che avesse diffusione: mi aiutate condividendo? Va bene anche domani o dopodomani per chi lo vedrà solo allora, ma vorrei fare questo piccolo esercizio:

proviamo a vedere il bene ovunque, in qualsiasi situazione, in chiunque? Proviamo a vedere l’opportunità nella difficoltà?

Comincio io.

Il mio lavoro noioso mi dà l’opportunità di occuparmi di cose che m’interessano di più, di leggere e documentarmi, mentre se fossi al posto dei miei capi morirei sui fogli excel, stramazzando a mezzanotte con gli occhi incrociati.

Abitare lontano dal posto di lavoro mi permette ogni giorno di fare il giro panoramico della città, d’incontrare un sacco di gente e di sentirmi raccontare cose interessanti.

L’ipocrisia della mia collega tutte moine mi permette di avere  una convivenza lavorativa sostenibile: vi immaginate se fosse sincera? Andrebbe in giro armata e mi si rivolgerebbe a grugniti!

Potrei continuare col fatto che essere sola mi permette di decidere, fare e disfare senza rendere conto a nessuno, una casa piccola si fa prima a pulirla, il mio vecchio macinino è eccezionale, pago poco di assicurazione e se al parcheggio trovo che gli hanno dato una botta me ne importa ben poco.

Vogliamo continuare?

L'idiota zen - il pensiero positivo

Annunci

79 thoughts on “Giornata internazionale delle benvedenza

  1. Le lascio una citazione, recita:
    “…se si fanno le cose mettendoci amore, quell’amore ti ritorna. Se hai un atteggiamento positivo verso la vita, la tua vita sarà più piacevole”.
    Haruki Murakami,

    Cordialmente, Edo

    Mi piace

    • I bambini ci insegnano cosa significa essere positivi..credo!

      Ecco, bisogna tornare bambini, spesse volte nella vita.
      A volte me lo chiedo:”Quanto bambino c’è in te?”. E mi torna il sorriso. 😉

      Cordialità, Edo

      Mi piace

    • Un video che fa riflettere.. davvero!
      “La legge del galleggiamento non è stata scoperta pensando a ciò che affondava”.. un passaggio fantastico!
      Un abbraccio vellutato, Edo
      piesse, Lei cosa sa delle: “Affinità elettive?”

      Mi piace

    • Direi un po’ tutto (anche che tra colleghi blogger ci si dà del tu, e se uno non è blogger pazienza 😉 ).

      Di passaggi fantastici comunque ce ne sono molti, mi riservavo di riguardarlo e di appuntarmeli, comunque il messaggio è chiaro: vivere con gioia,vedere il bello che gli altri non vedono, e andare avanti rimboccandosi le maniche.

      I sognatori astratti si chiamato parassiti. I sognatori concreti sono i pionieri della felicità.

      Mi piace

    • Sì, la vignetta è fortissima, pv (l’autore) un mito: questa sua serie, “L’idiota zen” è secondo me la più simpatica, se cerchi in rete ne trovi tante altre.

      Mi piace

  2. Io non lo ribloggo per ovvi motivi 😉 però approvo su tutta la linea. Il pensiero positivo aiuta a vivere meglio e a cogliere le opportunità che, potrebbe non sembrare, ma la vita offre…

    Mi piace

  3. Credo che, a volte, non basta “pensare positivo”…
    Credo che, prima di tutto, abbiamo bisogno di fare di tutto per trovarci in quell’angolino di mondo tutto nostro, dove sentirci noi stessi, liberi e veri. Non importa essere soli e con poche cose…quando si ha rispetto di se stessi e si è in pace col mondo!
    “Occuparsi e non preoccuparsi”….è l’atteggiamento più positivo che conosco.
    Sforzarci di pensare positivo è utile nel cammino verso la meta. Aiuta a raggiungere l’obbiettivo prefissato.

    Ciao Diemme, Ti abbraccio forte.

    Nives

    Mi piace

    • “Occuparsi e non preoccuparsi” un buon approccio, come “farsi coinvolgere senza farsi travolgere”, ma ierlaltro ne ho sentita un’altra, ancora più significativa: “Trasformare le ferite in feritoie”, attraverso cui lasciar passare la luce, per trasformare il dolore in esperienza, conoscenza, impegno, e a volte anche gratitudine.

      Mi piace

    • Se è per questo, io lo dico “durante” la giornata, che bisogno c’è di aspettare la sera? Ma anche poter dare un liberatorio vaffa non è un aspetto positivo di una giornata storta?

      Mi piace

    • Eh ma se lo dici allora la tua giornata storta non ti è piaciuta, ma anche se non ti è piaciuta è positiva perchè puoi dirlo e allora il negativo è positivo…aiuto 🙂 Beh sì, allora sono d’accordo.

      Mi piace

    • Mica ho detto che a me vanno tutte bene, solo che traggo tesoro dall’esperienza, e mi chiedo sempre da quell’esperienza che cos’è che mi porto a casa: ogni bastonata divento pià saggia, o mio Dio quanto sono saggia! 😆

      Mi piace

    • Zen io? Io sono una specie di rinoceronte infuriato col fumo che esce dalle narici!

      Saggia sì, e per questo l’aspetto di cui sopra l’assumo tutto sommato poco, ma zen… :mrgreen:

      Mi piace

  4. Oh no, non esiste no, io sono una campionessa nella creazione di neologismi (ma con la coscienza che sono neologismi, non sono come quelli che nei discorsi s’inventano le parole convintissimi che esistano davvero, e quanti ce ne sono!).

    Benvenuto! 😀

    Mi piace

    • Le discussioni e le litigate a volte sono il sale della vita, anche se da imparare a gestire, e le giornate pazzesche prima di Natale sono la regola, e meno male che c’è il Natale a ridosso, almeno ci si ferma un po’!

      Mi dispiace per tuo padre, fammi sapere come va: magari da questa avvisaglia adotterà uno stile di vita diverso, che lo farà vivere meglio per i prossimi, lunghissimi anni: un augurio che la situazione ritorni presto sui binari!

      Mi piace

    • Ho risposto precipitosamente, rettifico un punto: le discussioni e le litigate sono pur sempre dialogo, sia pure animato, quel dialogo che viene meno con i voltafaccia e i silenzi. Esisteranno fratelli e coniugi che non discutono?

      Io coi miei fratelli vado d’accordissimo, e pure quella unica volta che litigai con uno finimmo col suonarcele (ed eravamo adulti, già con figli!), e con l’altra furono mesi di silenzio: c’est la vie, bello o brutto alla fine passa tutto!

      Ti auguro un vigoroso raddrizzamento di giornata strada facendo 🙂

      Mi piace

  5. L’ha ribloggato su Vivo da solae ha commentato:
    Approvo la giornata! In realtà io vivo quotidianamente così… ogni mattina mi impegno per trovare un pensiero felice che mi faccia alzare da letto con gioia. Benvedenza quotidiana!

    Mi piace

    • Benvedenza quotidiana sì, cara Bia, hai ragione, la benvedenza è uno stile di vita: io non dico di fare come Pollyanna, personaggio che, tra le altre cose, mi è piuttosto indigesto, ma imparare a vedere, esercitandosi in modo tale che alla fine venga automatico, il positivo in tutte le situazioni.

      Tra le altre cose, è un modo per arricchirci interiormente, diventare più saggi e vivere meglio!

      Mi piace

    • Vivere meglio soprattutto! Meno gastriti… Cercare di vedere il lato positivo nelle situazioni, è un gesto che dobbiamo innanzitutto a noi stessi… Vedere il meglio nelle persone, riesce decisamente più difficile!

      Mi piace

    • @Charlie68g: il fatto è che tu sei su un’altra piattaforma: per noi di WordPress basta cliccare su “reblog”, tu credo che dovrai fare copincolla dell’articolo, mettendo a mano il link all’originale (non so se ti copincollerà pure le immagini o se anche quelle dovrai riportarle a mano).

      Comunque grazie, e non preoccuparti per il loop, credo che tu sia in buona e folta compagnia! 😉

      Mi piace

  6. bello questo post..che brava che sei!!! :))
    Bellissimo vedere il lato positivo in ogni cosa..ma non sempre è semplice trovarlo.

    Vogliamo parlare per esempio di chi è disoccupato?…il lato positivo sarebbe che hanno tanto tempo da dedicare alle cose che più piacciono ma poi come ci arrivano a fine mese??
    E il mio collega? mi sta altamente sulle scatole e mi stressa in continuazione per le cose più assurde?..faccio il possibile per trovare il lato positivo della situazione o della sua personalità..ma mica ci riesco..come si fa??

    Mi piace

    • C’era un uomo geniale che, per malaugurata sorte, subì tanta disoccupazione: era un uomo attivo, che si dava davvero tanto da fare, faceva di tutto, e sempre bene (troppo bene, suscitava invidie…), e alla fine trovò un posto fisso… di quelli di souper routine… diciamo elettroencefalogramma piatto.

      Quell’uomo di trovò a dire che preferiva il periodo in cui era disoccupato, sempre in lotta, sempre in tiro, vivo e attivo…

      Mi piace

  7. Mi sono piaciuti sia il tuo post che molti commenti. Anch’io cerco di vedere tutto in positivo e anche davanti a certe contrarietà dico che poteva andarmi peggio e che avvilirmi non serve, anzi non mi aiuta a reagire. Purtroppo certe volte si tratta di cose gravi. Mi è tornata in mente una canzone di Gaber, che diceva tra l’altro…”Signora la sento avvilita.Signora stia su con la vita!E’ sempre azzurro il cielo…” Mentre l’interlocutrice telefonica parlava dei suoi problemi gravi.
    Comunque è meglio dare messaggi positivi che affliggere gli altri con le proprie lamentele, spesso per sciocchezze, come fanno molti.Forse la penso così perché uno dei proverbi preferiti da mio nonno era “Meglio (suscitare) invidia che pietà”.

    Mi piace

    • Qui si dice “eglio essere invidiati che compatiti”, e sì, la ricordo anch’io quella canzone di Giorgio Gaber: si può dire canzone scanzonata? La chiave di lettura che proponevo però non è tanto il “poteva andare peggio”, ma “che cosa c’è di positivo in questa esperienza?”.

      Mi piace

    • Lucetta, ma che bella sorpresa trovarti qui da me! Non sai che piacere mi ha fatto la tua visita.

      Il percorso però credo non serva solo per prepararsi al Natale, ma alla vita intera! 😀

      Mi piace

  8. Cercare di vedere il positivo anche nella fatica, la parte migliore delle situazioni per superare la parte meno piacevole e così via…..

    vedere il positivo anche nella fatica, la parte migliore delle situazioni per superare la parte meno piacevole e così via…..

    Mi piace

    • Carissima grazie per l’accoglienza affettuosa che mi incoraggia a venirti a trovare più spesso.
      Sono d’accordo con te , penso anch’io che il percorso che proponi serva PER LA VITA INTERA ed oserei dire come bussola che ci indica la “direzione” del cammino e visto che siamo in un periodo in cui tanti augurano un buon avvento ….allora ho pensato che potevo iniziare dal vedere “il positivo” dove spesso vedo solo “il negativo”. E’ un lavoro che voglio fare su di me e che mi aiuterà a vivere meglio con maggiore serenita. Grazie e. Ti lascio un sorriso ed un abbraccio.

      Mi piace

  9. Ecco, un esempio di “Affinità elettive”. 😉
    Un abbraccio forte, Edo
    piesse, ti lascio una poesia della pittrice Frida Kahlo, recita:
    io ti cielo
    “E’ lecito inventare dei verbi nuovi?
    Voglio regalartene uno: io ti cielo, così che le mie ali possano
    distendersi smisuratamente, per amarti senza confini”.

    Mi piace

    • Bel video, da quando l’ho postato la sera lo metto e mi fa compagnia, mi ci addormento, e un giorno o l’altro riuscirò ad avere ascoltato tutte le canzoni, anziché semplicemente averle sentite come sottofondo!

      Splendido amabile Zero, bizzarro, scenografico ma comunque grande (o forse proprio per questo, o anche per questo…).

      Mi piace

    • Ciao Alessandra (permettimi il Tu che assolutamente non vuol essere una mia mancanza di rispetto ma soltanto una forma di palese cordialità)
      Sii sincera, non sono adorabile. 😉

      Ti lascio due righe di Antoine De Saint-Exupery, recitano:
      “Amore non è guardarsi a vicenda; è guardare insieme nella stessa direzione”.
      Un abbraccio e un sorriso a te e, anche a Diemme.

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...