Archivio | 17 novembre 2013

Piuttosto, col primo che passa.

uomo donna sesso

Una volta, si parlava con una mia amica (un’altra A amica, per cui sono andata a correggere il post “Ricomincio da B”) di un suo ex, o forse di un mio, insomma, si parlava di un grande amore, un grandissimo amore, un sogno vissuto nel passato, che si era presentato più o meno con la proposta “Ci si vede ogni tanto senza impegno, solo per ginnastica da camera” e lei, secondo me giustissimamente, sostenne che “Non si rovinano i sogni così, non si rovina così anche il passato dei grandi amori, riducendoli a uno squallido nulla. Che almeno il ricordo sia intatto. Che almeno la storia con quella persona, quel legame, anche se poi finito, rimanga al livello che era”.

Aggiunse, in maniera molto colorita ma che secondo me rendeva l’idea: “La scopata fine a se stessa uno se la fa piuttosto col primo che passa, non va a sporcare i grandi amori”.

Ecco, io non solo ritengo che lei avesse pienamente ragione, ma anche che lo stesso principio valga per le amicizie, e quindi respingo al mittente le finte offerte di “pace”, puramente formali e di facciata, di chi vorrebbe sporcare il passato offrendo briciole (già masticate e risputacchiate).

Ecco, mi verrebbe da dire: “ma va…”, però è quasi Natale, mi sento tanto buona, e non lo dico (però l’ “amicizia” superficiale, svuotata di ogni significato, piuttosto la stringo col primo che passa).

A buon intenditor…

Annunci