Archivio | 13 novembre 2013

Un posto per ogni cosa e ogni cosa al suo posto?

Fuori posto PV

Sarà che sono una progettista di banche dati.

Sarà che per me i dati devono essere organizzati in modo di poter essere recuperati, e soprattutto in base alla loro funzione, frequenza di accesso, etc. etc. etc., perché altrimenti è inutile sprecare spazio per mantenerli: se non sono accessibili, cui prodest?

A casa mia tenderei a dare la stessa impronta: insomma, la carta igienica deve stare accanto alla tazza del gabinetto, perché se tu ne fai un bel pacco e lo porti in cantina, MI DICI A ME A COSA SERVE???

Ecco, non dico che a casa mia si arrivi a queste aberrazioni (soprattutto perché non ho la cantina), ma questo modo di agire mi manda ai matti.

Chi – oltre a me ovviamente – a casa mia mette a posto (mia madre ai suoi tempi, e ora mia figlia e la domestica), usa generalmente un criterio che mi sta uccidendo: la roba viene messa dove c’è posto, e il recupero è affidato alla memoria umana.

Non trovi la passata di pomodori? Pace, cucina in bianco, anche se sei sicura di averla.

Esito 1: vuoi fare colazione e vai a cercare nel reparto biscotti e affini. I biscotti non ci sono, in compenso trovi la passata.

Esito 2: continui a non trovare la passata, e la volta successiva che vai al supermercato la ricompri. Quando vai a ricucinare, nuovamente non la trovi e rimangi in bianco. Eri sicura di averla, ma in ogni caso la ricompri. Questo si ripete enne volte finché un giorno, magari in occasione di un cambio di stagione o della libreria, apri due ante e trovi passate, passate, passate, passate, molte delle quali scadute.

Questa procedura vale per TUTTO, dal libro alla giacca, dal sale alle scarpe. Io, per carità, ammiro la capacità di queste persone – capacità che io non ho – di mettere ordine, ma per me questo finisce per significare avere la casa sempre più intasata, e in più non avere nessuna comodità, nessuno strumento a portata di mano: vi pare il modo??? Ma un senso logico niente? Ma le cose secondo voi vanno riposte in base alla dimensione, per cui se il posto per la saliera in cucina non c’è ma c’è un buchetto libero nell’armadietto dei medicinali si mette lì???

Insomma… secondo me gli oggetti della mia casa si sentono come il signore della vignetta…