Padri e alimenti

bambini-in-cucina-con-la-mamma

Io non ho parole nei confronti dei padri che non versano il mantenimento per i figli. Sono esseri talmente abietti che non meritano di essere nominati neanche per esprimere il disprezzo: come si fa a esprimere qualcosa, nei confronti di chi ha un figlio che ha fame e lui se ne frega, che ha freddo e lui se ne frega, che sta male e non ha i mezzi per curarsi e lui se ne frega, che ha bisogno di libri di scuola e lui se ne frega, che va scalzo e lui se ne frega…

Ecco, magari su questo siamo tutti d’accordo, ma se il figlio non avesse fame, e freddo, etc etc etc, perché ha una madre, su cui lui ha buttato tutto il peso del crescerlo, situazione che gli permette pure di lavarsi la coscienza, non sarebbe comunque un essere abietto? Non sarebbe comunque un parassita? Non sarebbe uno che ha privato la madre di quel figlio della sua vita, buttandole sulle spalle un peso doppio, che le ha tolto spazio per ogni e qualsiasi altra cosa?

Annunci

99 thoughts on “Padri e alimenti

  1. Sfondi un portone cara mia… il mio ex gli alimenti me li passa, ma il commento è sempre del tipo che i soldi che mi dà, io li uso per fare la bella vita… al che gli ho presentato i conti dell’affitto e delle spese condominiali e le bollette e gli ho fatto presente che i soldi che mi passa, non coprono tutte queste spese. Ci aggiungiamo che c’è la scuola, le attività sportive, e magari mangia pure sua figlia??? Giusto perchè *me li godo io per fare la bella vita*!!! 😉
    Ma mi bacio comunque i gomiti, perchè perlomeno il mio ex non si tira indietro e anzi, compra lui vestiti e scarpe per la bimba, e se c’è da pagare qualcosa a scuola e la bimba è da lui, i soldi li mette lui… insomma, è bravo.
    Viene da dire che “fa solo il suo dovere”, ma la verità è che sono fortunata che lui sia così, perchè ce ne sono davvero moltissimi di padri che se ne fregano…. che si rifiutano di capire che un figlio costa, e più cresce più costa… ma nella loro testa, c’è solo una madre arraffona che vuole intascarsi i soldi per *goderseli*…

    Mi piace

  2. Sì è così……essere padre è una responsabilità che non cessa mai, nemmeno quando ci si separa o si divorzia o ci si rifà una vita perchè un figlio rimane per sempre. Purtroppo molti si dimenticano di questo e declinano tutte le loro responsabilità all’altro, dimenticandosi dei figli, o assumendo un ruolo marginale da pseudo-amico che nulla ha a che vedere con quello di genitore…….molto di più gli uomini, ma anche qualche donna, persone che non sanno essere genitori e difficilmente lo impareranno.
    Buona giornata Diemme.

    Mi piace

    • Ho visto uomini muoversi in Jaguar mentre i figli andavano scalzi! Ho visto uomini sentirsi male per il troppo mangiare mentre i figli si sentivano male per il troppo saltare i pasti!

      Senza parole.

      Mi piace

    • @Silvia, questi padri hanno duemila espedienti per non cacciare una lira (quasi sempre lavorano a nero e fanno sparire tutto), oppure, per averla vinta, bisognerebbe picchiare duro, cosa che non avrei nulla in contrario a fare, ma che poi li farebbe apparire come vittime e martiri: la madre cattiva, che dopo averli privati di un padre sfasciando la famiglia, lo calunnia in tribunale, lo fa perseguitare dalle forze dell’ordine e infine riduce in miseria!

      Mi piace

    • sì è vero anche questo, so di alcuni che hanno fatto in modo di intestare tutto ad altri, parenti o conoscenti, pur di risultare nullatenenti e non far fronte ai loro doveri……ed è giusto quello che dici, ma se capitasse a me da non poter dare da mangiare a mia figlia e lui avesse i soldi in un modo o nell’altro glieli farei sputare te l’assicuro!

      Mi piace

  3. Ricordo una mia cara amica, separata quando la bambina aveva otto anni, senza un lavoro e senza casa, avendola lasciata all’ex. Per due anni ha vissuto con i suoi genitori e fortunatamente ha trovato lavoro quasi subito, anche se lontano da casa. Il suo ex per qualche mese le ha versato la quota per il mantenimento poi le ha detto che con il suo stipendio poteva mantenere lei e la figlia alla grande. Figurati cosa si può fare con lo stipendio di insegnante! Se non fosse stata ospitata dai genitori non sarebbe riuscita a sbarcare il lunario, altro che “bella vita” come diceva l’ex. Poi, quando lei ha trovato un compagno, benestante e con un buon lavoro da libero professionista (però separato anche lui e con una figlia adolescente da mantenere), l’ex aveva rinfacciato alla mia amica di “aver trovato il riccone che poteva mantenerle entrambe”. Ecco, questa è una cosa che gli uomini non capiranno mai: quando si separano dalla compagna non smettono di essere padri, con tutti gli oneri che ne conseguono.
    La mia amica è riuscita, facendo i salti mortali perché non si è mai fatta mantenere dal “riccone” che aveva incontrato (che poi l’ha anche lasciata dopo nove anni), a mantenere la figlia con le sue sole forze, a farla studiare, a farle frequentare la Bocconi (con borse di studio perché era bravissima, ma quei soldi non bastavano di certo per il mantenimento fuori casa, in una città cara come Milano), continuando a vivere nell’alloggio popolare che aveva ottenuto dopo due anni dalla separazione. Putroppo non ha avuto la gioia di vedere la figlia laurearsi perché una sorte crudele l’ha strappata ai suoi affetti a soli 49 anni.
    L’esempio di una grande donna a fronte della mediocrità dell’uomo che aveva sposato. Molto più vecchio di lei, tra l’altro. Ora è un arzillo settantenne che si gode la vita, senza più figli a carico.

    Mi piace

    • C’è anche questa da dire, generalmente gli egoisti che pensano solo alla loro pancia vivono più a lungo di chi si spacca la schiena. Certamente uno dei miei desideri è sopravvivergli, e in salute, ma non so se andrà a finire così.

      Un riccone che le può mantenere entrambe… uomo senza dignità, che pretende che un altro uomo mantenga sua figlia!

      Mi piace

    • No, non lo vede. Cioè sì, le vede, ma la sua elaborazione è diversa: da un punto di vista materiale non le manca nulla, e quindi è tutto praticamente scontato, poi ha una madre zombie, praticamente assente, e un padre simpatico, burlone, sempre presente, e sempre pronto a giocare con lei, darle ragione, comprarle ogni tipo di sciocchezzuola e biscottini: un euro, due, e passa la paura, mentre silenziosamente la madre, dietro le quinte, paga migliaia di euro l’ortodontista, centinaia di euro per tasse scolastiche e libri, metrebus e palestra, ogni tipo di analisi controllo e cura medica, ospitalità per i suoi amici, etc. etc. etc.

      Mi piace

    • questo l’ho capito, ma queste cose possono abbindolare un bambino…..non una maggiorenne, è assurdo che non si renda conto…… e tu permetti a questo soggetto di vagabondare a casa tua?????

      Mi piace

    • No, non glielo permetto, e per questo mia figlia praticamente non mi parla più, dice che le sto rovinando la vita, che la obbligo o a rinunciare a vedere il padre o a vivere fuori casa!

      Mi piace

    • Direi di sì. Lei in realtà me lo dice, “Mamma, capisco come ti senti, tu sei come la mamma in Mrs Doubtfire, quando urla a lui che lei si ammazza dalla mattina alla sera per mandare avanti la famiglia, poi arriva lui, trasforma la casa in uno zoo, balla sui tavoli, ed è quello tanto popolare e amato dai figli”: certo, è così, peccato che tutti noi, me compresa, avessimo più simpatia per lui che per l’algida rigidissima lei…

      Ecco, lui mi ha ridotto così, costretta a essere un militare per parare i suoi colpi di “estro” e fantasia! Anch’io però avrei avuto diritto ad essere una mamma giocherellona, una che ogni tanto può rilassarsi e concedersi di essere simpaticona e mattacchiona, e invece no… io tutto il dovere, e il testa di minchia tutta la parte ludica.

      Mi piace

    • Piucchealtro uno che porti il pane a casa ci vuole, e che garantisca che il figlio esca di casa possibilmente coperto, che poi se gli abiti sono puliti è ancora meglio! 👿

      Mi piace

  4. In questo periodo ne conosco uno in particolare, ex compagno di un’amica, che sta rovinando la vita alla figlia di 7 anni. Il tipo di cui parlo se ne è allegramente andato di casa con un’altra donna e dal giorno dopo ha iniziato a DISINTERESSARSI totalmente della figlia, al punto di non telefonare nemmeno per sapere come sta, per non parlare dei soldi che cerca di non dare con vari stratagemmi, e che sarebbero comunque una millesima parte di quello che potrebbe dare in realtà. Ma come meravigliarsi se uno che non telefona, non saluta, non chiede mai informazioni sulla figlia nemmeno ai parenti, cerca di non passare il mantenimento?? Riconoscere un contributo economico vuol dire interessarsi alla vita di un figlio. Un vero padre non sta neanche a farsi domande sull’uso che l’ex compagna può fare o meno dei soldi, un vero padre mette i figli al di sopra di ogni faida familiare, e questo non accade nel caso della mia amica.
    Credo che poche cose al mondo siano più dolorose di una bambina che ti chiede “mamma, perché papà non mi telefona mai? Perché ieri per strada non mi ha salutata?”
    Ecco…io in genere sono per l’abbattimento dei rancori, ma in questo caso auguro a questa persona che la mia amica riesca a fargli versare pure l’anima…o quel che gli resta.

    Mi piace

  5. Ogni commento sarebbe superfluo. Tuttavia credo fermamente che ogni caso andrebbe valutato, esistono anche padri divenuti neo-poveri dopo il divorzio, e proprio non riescono a tirare avanti. In casi del genere la tutela del più debole non riesce a trovare una giusta collocazione, visto che tutti hanno il diritto di sopravvivere.
    Solo una piccola considerazione. Perché separarsi con la prole a carico? Perché far figli con leggerezza?
    Forse viviamo un tempo dove le domande non si fanno e le risposte non esistono.
    Credo di aver intuito che tu hai una formazione religiosa non cattolica, quindi sai bene che Mame e Tate hanno funzioni diverse specifiche , ma entrambi devono restare uniti per la prole. Senza i figli non esisterebbe il futuro, che futuro ci attende se dei figli non ci importa nulla?
    Un sorriso.
    Giancarlo

    Mi piace

    • Giancarlo (benvenuto!), non sto parlando degli uomini, sto parlando di queipadrichenondannoalimentiperifigli: poi possiamo parlare dei divorziati in genere, delle balene bianche, delle pinacoteche, di quello che ti pare.

      Alle tue domande, cui ho risposto in tanti post passati, non posso però rispondere adesso, perché non sono più in condizioni psicofisiche di ritirare fuori certe storie passate e certi meccanismi.

      Restare uniti per la prole? Un mio amico rimporverava sua madre, morta di cancro, perché non era riuscita a sconfiggere la malattia e, per amore dei figli, per responsabilità verso di loro, continuare a vivere.

      Il fatto è che ci sono cose che proprio non si possono fare.

      Mi piace

  6. Ah …. @Diemme : dimenticasti, nel redigere questo tuo “insolito” post, di aggiungere :
    “Ogni riferimento a circostanze e/o a persone reali, è destituito di ogni fondamento” !
    Eh … chi scrive immaginando, lo deve sempre posporre all’ elaborato, onde non creare preconcetti e giudizi su persone viventi !!! :mrgreen:

    Mi piace

  7. odio queste persone false e ipocrite e spesso mi metto nei panni delle madri. Donne con figli su cui grava un fardello incommensurabile che non avranno quasi mai la possibilità di riscattarsi, a meno che non trovino la fortuna di incontrare un altro uomo onesto che le accetti nelle loro situazioni. Diciamoci la verità. Nonostante sia il 2013 chi mai si metterebbe con una donna che ha dei figli? gli uomini sono fatti così. Se la spassano a destra e a manca e poi vogliono per moglie una vergine, sposano una donna seria ma a 50 anni vogliono quella bella.
    Comunque sia per chi non paga gli alimenti ai figli e all’ex moglie (o solo ai figli in caso di convivenza more uxorio) è possibile procedere per vie legali sia con procedimenti civili che penali. Ovviamente è da tener conto il tenore di vita e le possibilità economiche del genitore su cui grava l’obbligo. Infatti, se non ha problemi di lavoro o economici, si può procedere mediante l’art. 570 del codice penale (che prevede la reclusione fino ad un anno e il pagamento di una multa fino a 1032 euro), ma anche mediante ingiunzione di pagamento e successiva esecuzione forzata.

    Mi piace

    • Aida, se c’è una cosa che conosco è la legge… solo ti assicuro, che per averla vinta con lui avrei dovuto picchiare duro, e la mia sarebbe stata la vittoria di Pirro. Comunque oramai lei è maggiorenne, e un’eventuale causa la dovrebbe fare lei, quindi figurati!

      Mi piace

  8. capisco il tuo punto di vista che ti tocca direttamente e capisco che tu espliciti il fatto che ce l’hai solo con “quei” padri.
    Ci sono però anche padri che non riescono a pagari gli alimenti perchè non ne hanno veramente e ci sono madri che sfruttano la separazione come un ricco bancomat.
    Il rischio è sempre quello di generalizzare.
    Forse sarebbe stato più corretto se questo post l’avessi dedicato solo al tuo ex marito…ma questo è solo un mio parere.
    un abbraccio

    Mi piace

    • Beh, Attila non potrebbe mai fare il “ricco” bancomat, è uno che, inseguito dalla fortuna, continua a scansarsi (insomma, è uno che trasforma in cacca tutto quello che tocca).

      Quello che non mi va giù di lui è il principio, prima tutte le spese, comprese quelle superflue e piucchesuperflue poi, ma proprio poi poi, i soldi per la figlia.

      Ha ragione la figlia che lui lo fa perché tanto sa che, grazie a me, non le manca niente, ma bel parassita che è! E poi, io non ho una vita di riserva!!!

      Dedicato solo al mio ex? No caro Syl, anzi, lui è tra i meno peggio! Lette le testimonianze di Marisa e Stephy?

      Mi piace

    • Mi sono già espressa in proposito in un commento precedente, non ne sto facendo una questione sessista: sto parlando degli uomini (che chiamarli padri è dargli un onore che non meritano) che non versano gli alimenti per i proprio figli. Stavo per aggiungere “ovviamente quelli che se lo possono permettere”, ma ripensandoci no, ci sono padri fannulloni che non li hanno i soldi perché non vogliono rimboccarsi le maniche e lavorare, accettano solo incarichi da presidente della repubblica, e di andare a pulire i pozzi neri per sfamare i figli non se ne parla proprio!

      Mi piace

    • Aggiungo: per loro, ci vada la madre a pulire i pozzi neri, dopo aver accompagnato i figli a scuola, averli lavati puliti e stirati, e prima di passare a ritirare i libri di scuola, infilandoci in mezzo il colloquio con gli insegnanti, la ricetta della pediatra e la farmacia.

      Poi, eventualmente, può accompagnarli – sempre lei – alla festa di qualche compagno di scuola, salvo aver prima provveduto all’acquisto di un regalino all’uopo.

      La notte poi, se il figlio sta male, che stia sveglia a curarlo e vegliarlo, tanto a pulire i pozzi neri e tutto il resto mica s’è stancata lei, al contario di lui che, poverino, è tanto infelice e depresso e nessuno lo capisce! 👿

      Mi piace

  9. Io non sono né separata, né divorziata, ma soprattutto non ho figli, quindi dovrei tenermi fuori da questa discussione, ma non lo faccio perché ho visto donne di una perfidia unica, che per vendetta o solo per cattiveria hanno ridotto l’ex marito sul lastrico, costringendolo perfino a dormire in macchina ed andare a mangiare alla Caritas. Quindi vedete che non tutti gli uomini sono come li descrivete voi come non tutte le donne sono delle sante e martiri.
    Ciao
    Marta
    P.S. Scusami per la mancata promessa che ti avevo fatto ieri, cause di forza maggiore, ma domani farò il possibile 🙂

    Mi piace

    • Marta, ma io non ho generalizzato né categorizzato: non ho parlato di uomini diavoli e donne angeli, non ho proprio nominato la categoria “uomini” in quanto tale.

      Ho parlato di padri che non versano alimenti per i figli, punto. Se io parlo di un ladro che è alto uno e sessantotto si offendano tutti i ladri, non tutti quelli altri un metro e sessantotto!

      Ho parlato delle donne che si rimboccano le maniche per due, dovendo per forza rinunciare a vivere – almeno in parte – la propria vita, perché devono fare un doppio mestiere, e lungi da me il dire o pensare che “tutte le donne bla bla bla”.

      Io ho notato, non solo nella mia carriera di blogger ma anche e principalmente in quella di essere umano, che è difficilissimo riuscire a circoscrivere un problema, un’affermazione, e trasmettere quello che veramente si voleva dire. Questo purtroppo mi rammarica anche e soprattutto quando scatena la permalosità di alcune persone, che si sentono continuamente chiamate in causa, di qualsiasi cosa si tratti: ma insomma, se io mi esprimo contro quelle madri che infilano le figlie nel letto di Berlusconi, secondo voi avrebbe diritto, che so, la mia vicina, di sbattermi la porta in faccia dicendo “io mia figlia me la tengo bella stretta e non la mando da nessuna parte!”? 😯

      Mi piace

    • Diemme, ma perché sei sempre così arrabbiata? Io sono donna e difendo le donne, ma leggendo i vari commenti, non tutt,i sono sincera, non ce la farei a stare dietro a tutto 😉 sembra che gli uomini siano tutti dei mostri che fanno morire di fame figli ed ex moglie. Purtroppo troppe volte è proprio così, ma non sempre, anzi direi il contrario! Il mio commento, in ogni caso, non era contro il tuo post che reputo giusto e imparziale, ma contro un certo modo che certe persone hanno di generalizzare. Conosco donne che hanno fatto al proprio marito, anche senza aver figli, delle cattiverie inverosimili e poi il mio era un commento come un altro, mi dispiace che tu ne abbia avuto a male, non volevo cèrto offenderti.
      Un bacione
      Marta

      Mi piace

    • Ma guarda che non mi sono offesa e non sono arrabbiata (non con te intendo!), ho solo colto l’occasione per ribadire come la penso, e che non ho generalizzato, né diviso l’umanità in due categorie, di nessun tipo, men che meno “donne buone – uomini cattivi”: ne conosco tante di coppie separate in cui sono entrambi civili, corretti, attenti ai loro doveri, coppie in cui sono uno peggio dell’altro, coppie in cui la strega è lei, quelle in cui il mascalzone è lui…

      Tranquilla, io è ben difficile che mi offenda, e spero mai per un malinteso, e stra-mai per un’opinione diversa!

      Mi piace

    • Cara @dupont651. Non ci conosciamo ma permettimi di ringraziarti per quello che hai scritto. Volevo fare un riferimento uguale a quello espresso da te… ma leggendo il tuo non vedo cosa potrei raggiungere. Nella vita non c’è soltanto una riva. Ma ci sono anche altri punti di vista. Vedere sempre in una parte come delle sante (mamme), e dal altra parte i mostri (padri) mi pare esagerato. Certo (anche se sono sicuro che la cosa farà arrabiare DM) che mi sarei aspettato che anche noi, la parte cattiva di questo post, ad aver avuto il corraggio di ripostare alle accuse (in massa) che siamo beccati. Ma (apparte qualche piccolo intento) non ho visto. Va bene (mi sono detto), è questa la nostra società. Dove ci sono ingiustizie per qualle dobbiamo pagare tutti. Incondizionamente.

      Mi piace

    • A Valenti’, ma possibile che sono anni che ci parliamo e ancora non sai come la penso??? E poi, ma quali commenti hai letto? A me qui pare che non abbiano fatto altro che chiarire che ci sono donne disgraziate, che ci sono uomini santi, che non si può fare di ogni erba un fascio, che non è giusto dire che tutte le donne sono buone e tutti gli uomini cattivi, hanno portato esempi di amici e parenti che hanno fatto e fanno più del loro dovere, di uomini che hanno mantenuto i figli altrui, ma che altro vuoi????

      Ah, Valentino Valentino….

      Mi piace

    • Nessuno ha mai negato che esistano certe donne, anche se non ho potuto fare a meno di osservare che gli uomini ne sono attratti come api dai fiori.

      Mi piace

    • Su questo, cara Diemme, non solo ti do piena ragione, ma lo ribadisco ad alta voce. Gli uomini, spesso e volentieri, insomma quasi sempre 😉 sono proprio quel genere di donne che preferiscono ….. ma poi la pagano, eccome se la pagano 🙂

      Mi piace

    • Sì, c’era una sparatoria, c’è ancora, ma abbiamo dovuto chiarire il bersaglio, definirlo bene, non “uomini” ma “padri snaturati”, che è diverso: conosci la teoria degli insiemi? “Padri snaturati” è un sottinsieme dell’insieme “Uomini”, come “Madri snaturate” è un sottinsieme dell’insieme “Donne” (anzi, un sottinsieme dell’insieme “Padri, che è a sua volta un sottinsieme dell’insieme “Uomini”, idem per le donne 😛 )

      Mi piace

  10. Lasciando da parte le esperienze personali e le generalizzazioni (che sono le due “estremità” del ragionamento), direi che ogni medaglia ha il suo rovescio.
    Se ci sono padri che non versano i soldi, ci sono anche madri che si aggrappano ai figli unicamente per avere i soldi.
    E ci sono giudici che sono sfacciatamente sbilanciati nei confronti delle madri, qualsiasi comportamento adottino.
    Insomma, come disse qualcuno, la situazione è complessa. Allora lasciamola così com’è… :mrgreen:

    Mi piace

    • Aquila, che i figli vengano usati da certe madri per avere i soldi, ci sto, ma voglio pensare che la percentuale di quelle per cui i figli rappresentano SOLO un mezzo per avere soldi dall’ex sia estremamente bassa, mi auguro tendente allo zero!

      PS: comunque chisappiamonoi sta utilizzando la figlia per perorare la sua casa, e io mi sto rifiutando di affrontare questi argomenti con la piccola: abbia la faccia di parlare direttamente con me, senza nascondersi dietro le gonnelle di una ragazzina(*)!

      (*) ragazzina si fa per dire… 😉

      Mi piace

  11. Condivido! Alla faccia di mio fratello che, fuori ordinamento del giudice, versava 150euro in più a mia cognata per il figlio, più spese varie, ha sempre detto:”E’ pur sempre mio figlio”.
    Pensa che stè cose che hai scritto io le conosco al contrario: una madre! Mha!

    Mi piace

    • Mio cugino ha fatto di peggio… versava alla sua ex una cifra corrispondente praticamente TUTTO quello che guadagnava, e poi a sua volta si faceva mantenere dai suoi: sai però che ti dico? Non ho troppa simpatia per gli uomini che si fanno raggirare dalle donne e poi, come nel caso di mio cugino, fanno pagare i conti ANCHE a quancun altro. Ovviamente non mi riferisco a tuo fratello, 150 euro sono un arrotondamento accettabile semplicemente per garantire una maggiore serenità economica al figlio.

      Mi piace

    • Appunto. Alla fine sono persone che si fanno belle sulla pelle degli altri (ma perché io, genitore, devo sia pur indirettamente mantenere quella st… che t’ha raggirato?).

      Mi piace

  12. Scusa se replico a distanza di giorni ma in questo periodo non riesco proprio a fare tutto in sole 24 ore. 😦
    A proposito di padri senza dignità che pretendono di far mantenere ad altri i propri figli, c’è anche il caso di mio fratello. Lui ha sposato una divorziata con due figlie a carico. Le ha mantenute, cresciute, educate, i nipoti lo chiamano nonno anche se sanno che il loro nonno vero è un altro. Quest’uomo non ha mai, dico mai, pagato gli alimenti all’ex moglie né mantenuto le sue figlie. Ci ha pensato mio fratello che quando ha conosciuto mia cognata aveva poco più di vent’anni. Altri tempi.

    Mi piace

    • Beh, un mio amico si è preso una ragazza madre, ha mantenuto lei e il figlio, e alla fine, dopo una quindicina di anni, lei l’ha cornificato, lasciato, spolpato, e usato il figlio ALTRUI per ricattarlo!

      Mi piace

  13. Il bidivorziato, nonchè evasore recidivo, @pornonano 😯 … ha sempre versato gli alimenti, sia alle due mogli, sia ai figli nati dai due letti !!! :mrgreen:

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...