Disliking the I like

dont t like

Da qualche giorno imperversa in rete una discussione sull’uso dei “Mi piace” (o “I like”, a seconda della lingua in cui è impostato il blog).

Intervengo dall’amica Dupont da cui lascio questo commento:

Della serie “Il mondo è bello perché è vario” io adoro gli I like – metterli e riceverli – e francamente non ci ho mai pensato che qualcuno potesse metterli senza neanche avere letto il post (quale sarebbe poi il senso?).

Il lettore lo uso poco, io le notifiche degli articoli le ricevo via e-mail, e infatti ho l’e-mail intasata, non faccio altro che aprire e-mail, e leggere, leggere, leggere…. Quando arrivo a leggere, non sempre ho qualcosa da aggiungere, e allora il mio “I like” signfica “ci sono, ti seguo, ho letto quello che hai scritto e l’ho apprezzato”.

Sono perfettamente d’accordo con quello che ha scritto Goldie da Arthur, che qui per praticità riporto:

“mi capita di lasciare il mio like come segno di apprezzamento delle foto se non ho commenti da fare (lo trovo meno fastidioso e invasivo di tanti “bella foto”, “bravo”, “mi piace”, etc. che non mi pare aggiungano nulla rispetto al mio “like”). Lo stesso vale per alcuni post non necessariamente fotografici: per me il “like” non significa neppure “sono d’accordo con te”, ma solo “ho apprezzato quel che hai scritto”. Magari leggo un post che “mi piace” perchè è scritto bene, o perchè esprime un concetto che mi ha colpito, o centra degli argomenti che mi coinvolgono, e dopo aver letto potrei lasciare un commento dalla banalità disarmante o passare oltre non avendo concetti particolari da aggiungere, e allora lascio il mio like per dire “ti ho letto, e mi è piaciuto quel che hai scritto: continua a scrivere così, che sei bravo!”.

Una volta Marisa (Moles) ci scrisse un post, che si intitolava più o meno “Non commento ma… I like”, in cui ci rappresentava che era affogata coi tempi, ma faceva comunque sforzi sovrumani per riuscirci a leggere, e l’I like era il suo modo per lasciare un segno del suo passaggio e del suo apprezzamento, per testimoniare la sua presenza al di là dei tempi stretti.

Una volta da me venne fuori questa discussione, e io veramente caddi dal pero a constatare che tanta gente addirittura si urta per l’I like (mia madre direbbe “Aho, mica t’ho detto cotica!”, e avrebbe ragione, ho detto che mi piace quello che hai scritto, mica t’ho insultato!).

Se poi un “Mi piace” viene interpretato come “Non mi ti filo per niente, non leggo nemmeno”, perdonami Marta ma, franchezza per franchezza, il problema è di chi lo interpreta in questo modo! Ci sono persone a cui – e parlo della vita reale – se fai un complimento si sentono prese in giro, a un “Come sei elegante!” reagiscono pensando “Che cos’ho che non va? Ma s’è vista lei come veste?”: dovrei farmi un problema io di queste reazioni? Ti ho detto che sei elegante, non che sei stracciona!

Io, come dice un mio amico, sarò pure “Più che credente credulona”, e credo sempre nella buona fede degli altri, ma perché non dovrei fare agli altri sempre credito di buona fede? Non sono sinceri? Problemi loro!

Se poi, da me cliccano “I like” per procurarsi nuovi lettori cascano proprio male, io non riesco neanche a seguire gli amici, oramai annaspo pure per rispondere ai commenti da me, le visite di cortesia non sono nelle mie corde e in questo momento me ne mancherebbe davvero il tempo!

Davvero, l’ultima cosa che mi sarei aspettata in vita mia è di offendere qualcuno dichiarando che mi piaceva ciò che aveva scritto!!!  😯

Cari blogamici, confermando che a me i vostri “Mi piace” fanno enormemente piacere (in un recente post, chiuso ai commenti per motivi che potrete intuire, i vostri silenziosi “Mi piace” sono stati una testimonianza di vicinanza e solidarietà che mi ha portato davvero conforto), do un suggerimento a coloro che invece non li amano: toglieteci la possibilità di metterli, almeno non correremo il rischio di offendervi involontariamente!

La via per toglierli è questa: dalla bacheca selezionare Impostazioni/Condivisione, come dall’immagine riportata:

Impostazioni - condivisione

Cliccare in basso su “Attivato per articolo” (o “Turned on per post”), confermate le modifiche, e il gioco è fatto, non rischieremo più di offendervi esprimendo il nostro appezzamento!

Impostazioni - disattivare mi piace

Annunci

72 thoughts on “Disliking the I like

  1. Intanto grazie per la citazione. 😉
    Onestamente credo che un bel po’ di gente clicchi su “I like” senza nemmeno leggere ciò che scrivo. Lo intuisco dal fatto che il “Mi piace” segue la pubblicazione del post in tempi così stretti che nemmeno uno che ha studiato la tecnica di lettura più veloce al mondo riuscirebbe a leggere l’intero post. La cosa non mi infastidisce quanto quelli che, mai sentiti nei commenti, cliccano “I like” solo per guadagnare lettori. Mi dà fastidio soprattutto quando il blog è “commerciale” e ce ne sono parecchi di questo tipo, credimi. Però non so come togliere il singolo “Mi piace”, non mi risulta sia possibile. Ma è anche vero che non m’interessa poi tanto.
    Inutile dire che gli “I like” che lascio da te sono segno di apprezzamento. Tuttavia preferisco non esagerare perché personalmente stento a credere che a qualche lettore piaccia tutto, ma proprio tutto, ciò che scrivo. Così non vorrei che si pensasse di me la stessa cosa. 🙂

    Mi piace

    • Ammetto che a volte, anche da me, l’I like è messo per dire “Ti ho letto”, indipendentemente dall’apprezzamento, e questo ovviamente con gli amici, quelli cui vuoi dire “Anche se annaspo e non ce la faccio a commentarti, sappi che ci sono”, che mi sembra comunque un uso nobile, abbenché improprio, dell’I like.

      Per quanto riguarda la lettura veloce, non hai idea di quanto tante persone siano veloci a leggere e poi, io personalmente, quando un post mi piace e m’avvince, mi prudono le mani e già a metà lettura metto l’I like (e, se il seguito della lettura mi dovesse deludere, sarei anche capace di toglierlo! 😉 ).

      A me non danno fastidio quelli che ne fanno un uso opportunistico, semplicemente me ne infischio: come diceva il Sommo Dante, “Non ragioniam di lor ma guarda e passa”! 😉

      Mi piace

  2. Allora…..se metti il like non va bene perchè non hai letto e te ne freghi o lo fai per circostanza…..se scrivi: la penso come te, o: sono d’accordo non va ancora bene perchè sei compiacente……se ad una foto o immagini scrivi: bella mi piace…..idem come sopra. Allora che piffero bisogna scrivere, solo se si vuole litigare o fare polemica???? A me sembra che si entri nella fantascienza ormai……e comunque…..sono d’accordo con te!!!!! 😉

    Mi piace

  3. Anche a me fa piacere ricevere un laic ma ovviamente dò un valore diverso a ciascuno di essi a seconda dell’autore, come del resto faccio quando mi arriva un complimento o una critica, li apprezzo ma li valuto sulla base di chi me li fa (i complimenti ovviamente perchè per le critiche tolgo il saluto, rompo la faccia e tiro i capelli :-D)
    Il commento ovviamente aggiunge qualcosa, ma potrebbe essere qualcosa di altrettanto copiaeincolla facile da mettere come il laic.
    Ultima cosa: hai proprio ragione, il like ha delle accezioni molto diverse può voler dire ti sono vicino, mi piace il tuo post, mi piace come scrivi, sono d’accordo, sei simpatico… Il problema quindi è del laiccato, vai a capire perchè ti laiccano!!!!! 🙂 a presto

    Mi piace

    • “per le critiche tolgo il saluto, rompo la faccia e tiro i capelli”: mi hai fatto ridere, ma la sai una cosa? Io le critiche le apprezzerei, se qualcuno avesse la sincerità e la coerenza di farmele in faccia, le considererei un momento di crescita. E invece no, io sono una persona chiacchieratissima, ma evidentemente di persona metto soggezione, perché nessuno si azzarda.

      Giusta la tua osservazione sui commenti copincollati anche se, per motivi politici, non posso aggiungere altro… 😉

      Mi piace

    • 😀
      per quanto riguarda le critiche, quelle vere, non tanto per dire qualcosa o per dimostrare di avere un cervello (cosa che si dimostra, peccato si dimostri a volte che sia atrofizzato), sono d’accordo.
      Per quanto riguarda la soggezione, non saprei, di sicuro almeno dal blog a me sembri una persona complicata (ma interessante) un po’ inca…ata (ma con un grande cuore) istintiva e diretta (ma anche riflessiva e introspettiva), un po’ un casino insomma 😀
      io sono qui da poco quindi scusa se mi permetto di dire questo (che è una mera opinione) su di te. Ma è per dire che forse incuti soggezione per tutto quello che sei 🙂
      (ciò non significa che è giustificato chi chiacchiera e non ha il coraggio di dire le cose in faccia!)

      Mi piace

  4. “Ci sono persone a cui – e parlo della vita reale – se fai un complimento si sentono prese in giro”. Eccomi, presente!!! 🙂
    No dai, scherzo… si sente eccome la differenza tra un complimento sincero ed una presa in giro!!
    Sul discorso dei like… penso che ugualmente, si senta la differenza tra chi clicca perchè davvero gli piace, perchè ha letto, perchè magari in quel momento non ha nulla da aggiungere ma ci tiene a farti sapere che c’è… e gli altri, quelli che cliccano senza neanche aver letto. La differenza c’è, e si vede!

    Mi piace

    • Bia, io non ti conosco, ma ti assicuro che tanta gente la differenza non la sente (neanch’io, ma almeno appartengo alla categoria di quelli che li ritengono sempre sinceri!) e si sente presa in giro a prescindere.

      Ora, io credo che una persona complessata dovrebbe sapere di esserlo, e almeno essere colta dal dubbio che, in certi casi, il problema è in lei e non in chi gli sta intorno!

      Mi piace

  5. io lascio i like per segnare il mio passaggio, mi capita con alcuni di lasciarli a prescindere, tanto felice sono del loro post, cerco però di leggere sempre, altrimenti non avrebbe senso no? quando posso commento se ho qualcosa di intelligente da dire… altrimenti… passo!! 🙂

    Mi piace

  6. Ma che bel post!!!
    Ci tenevo a dirtelo (e non solo tramite Like) perchè le tue parole esprimono veramente il pensiero di molti.
    Sono io la prima ad invitare i miei amici a leggermi, ma anche il solo passare fugace è sempre apprezzabile.
    Bacioni cara.
    Luna

    Mi piace

  7. Io lo lascio, i blogghisti che passano da me possono usarlo o no, perchè mai mi dovrei offendere se non piace quello che scrivo? Se poi qualcuno clicca tanto per fare è un problema suo, non so che senso abbia.

    Mi piace

  8. Su questo post ad esempio mi sarei limitato ad un like perchè l’ho apprezzato ma, a parte la spiegazione che sto ora dando, non ho nulla da aggiungere o da contestare a quello che hai detto.

    Mi piace

  9. E’ il secondo post che leggo sul tema e mi trovo concorde con il post che ha scritto Arthur: un commento rimane sempre più gradito di un solo like.
    Se poi vogliamo esaminare il solo like, allora sappiamo tutti che ci sono liked e liked e penso sia inutile spiegarlo.
    Fermo restando che il mondo è bello perchè è vario, che ognuno è libero di intervenire come crede in base al post, all’amicizia, al tempo a disposizione, al modo di fare e che ogni modo, al di là dell’insulto e delle volgarità, è comunque gradito, io uso sempre meno il like, ormai solo come rafforzativo e se me lo ricordo. Preferisco entrare nel blog, leggere il post e scrivere un commento, anche semplicemente -Ciao, concordo, mi piace.
    Se non ho tempo di leggere, se non ho nulla da dire, sarà per una prossima volta.

    Mi piace

    • Aggiungo: ci sono persone, blogamici cui abbiamo imparato a volere bene, che spariscono, e non sai se sono superimpegnati o se si sono offesi per qualcosa: e allora un I like fuga i dubbi, testimonia “ci sono”, e a me fa davvero piacere, insomma, vale un sorriso di una persona rincontrata!

      Mi piace

    • Ripeto, cara Diemme, ci sono like e like ed è facile capirne la differenza. Un like che serve a dire, ciao, sono passato,ho letto, ti penso, -può esserci e anche far piacere. Ma guarda che a fare tutto questo, likkando solamente, o a scrivere un commento dicendo semplicemente CIAO; HO LETTO E MI PIACE ci vuole lo stesso tempo. E concordiamo che è più gradito.
      la questione dell’offesa è una esagerazione.

      Mi piace

    • No, non concordo. Se uno davvero deve solo dire “Mi piace”, cliccare “Mi piace” va benissimo.

      Io davvero, non lo capisco quest’accanimento contro il mi piace: stiamo parlando di I like, non di calci sui denti!!!

      Mi piace

    • ma tu puoi benissimo non concordare e usare il like. Ci mancherebbe.Abbiamo premesso che c’è libertà di pensiero e di vedute.
      Se però mi chiedi cosa ne penso io e come mi comporto io, ecco, l’ho detto.

      Mi piace

    • Si certo, il bello del confronto è farlo con chi la pensa diversamente, ci mancherebbe, però io preferisco, e mi riferisco agli amici, a quelli che uno è abituato a vedere e con cui è solito interagire, vedere il loro avatar sull’I like piuttosto che il nulla: a me fa capire che hanno i tempi stretti, ma comunque ci sono!

      Mi piace

    • con gli amici con cui c’è interazione consolidata non esiste nessun problema, nè per il solo like nè per le assenze dovute agli impegni.Io, se posso, preferisco anche agli amici lasciare un commento, fosse anche solo un saluto..
      Il mio discorso si riferisce ad altri like, è chiaro.

      Mi piace

    • Va beh, ognuno ha una sensibilità diversa. Per me un I like è un I like, come una scatola di cioccolatini, che te l’abbiano regalata col cuore o senza cuore, sempre scatola di cioccolatini rimane!

      Mi piace

  10. Beh, a me capita di mettere un post di quattro schermate, magari con un paio di link dentro, e di trovarci un like dopo due secondi: è chiaro che il post non è stato letto, e il senso di quel like non lo capisco davvero: se vedo un conoscente sull’altro marciapiede mica mi metto a strillare “Ehi, mi piaci!” per fargli sapere che l’ho visto. Io ne metterò sì e no uno per settimana, quando ritengo che qualcosa sia veramente veramente veramente speciale; soprattutto il fatto di vedere in giro 150 like a post che dicono “Oggi piove” mi fa passare la voglia di metterli.

    Mi piace

    • A volte piace l’argomento, il modo in cui è stato affrontato.

      Se tu scrivi: “Scoperto il vaccino contro il cancro da un ricercatore italiano” e poi mi metti diaci link a tutte le interviste, io magari metto l’I like (due belle notizie in una volta, la scoperta del vaccino e il fatto che lo scopritore sia italiano!), e poi ai link ci vado con calma (o mi devono piacere anche gli articoli linkati? 😛 ).

      Mi piace

  11. Non spargo I like in giro come se niente fosse. Per me sono segno d’apprezzamento di quello che ho appena finito di leggere. Capita che sono talmente presa dalle cose da fare che all’ I like non segua subito il commento o altre volte, purtroppo, non lo segue proprio. Questo non è sdegnare il post o il suo autore. Posso capire che il blogger che si trova solo I like e nessun commento si dispiaccia e magari questo non gli serva da stimolo. Il vuoto assoluto è ben peggio. E poi pensare proprio male male non è mica tanto sano. Un I like è un I like, e che cavolo!

    Mi piace

  12. Il “Mi piace” per me può significare: un saluto; un sorriso; oppure: “Hai già detto tutto, non saprei cos’altro potrei aggiungere”; “Perdonami se non commento il tuo post, sono d’umore meno, ciò nonostante voglio che tu sappia che ho apprezzato ciò che hai scritto e che ti penso”; “Ormai ci conosciamo, e credo che tu sia perfettamente in grado d’interpretare anche il mio silenzio, un mio semplice cenno … muto”.
    In ogni caso, non ho mai interpretato un “Mi piace” come un gesto superficiale. Il “Mi piace” l’ho sempre gradito.

    Mi piace

  13. Sono uno che non uso molto i “I Like”. Ma non ho niente nemmeno con chi lo usa. E’ vero, può essere visto anche come un atto di presenza (ciao, ci sono passato da qui ma non ho avuto tempo (voglia) di commentare). Ma delle più volte può essere visto come un molto bello (d’accordo con) che hai scritto…. aggiungere qualcosa trovo superfluo.
    Da qui, penso che resta alla padrona del sito a sentirsi gratificata o offesa per un semplice “I Like”.
    Questioni di gusti.
    P.S. Se l’avessi usato più spesso avrei evitato i soliti “bentornato” che mi becco. Anche perché io sono spesso qui. Ma…. come dicevo…. non sono uno che usa molto il famigerato bottone.

    Mi piace

  14. La più mitica è stata (lo hai raccontato sempre tu) quando un tizio ha pubblicato su Fb che va a cag….. E tornato ha scoperto meravigliato di aver ricevuto centinnaia di “I Like”. Ricordo di aver scivolato dalla sedia dal ridere. Troppo forte.
    Certa gente non sa cosa farsene di questi “Like”

    Mi piace

    • Beh, qui per dire che di una cosa uno non sa che farsene si dice “ci si pulisce il…”: per quel post quindi gli I lile erano adattissimi! 😆

      Mi piace

  15. Omnia munda mundis, @Valentino caro …. e gli I LIKE, a chi nutre affetto e stima per i suoi lettori …. fanno – e faranno – sempre piacere, penso !
    Ma si sa …. I LIKE @Diemme a prescindere …. ( anche quando ci prendiamo, teneramente, a randellate sul cranio 😯 ), e per farmi perdonare da chi NON gradisca gli I LIKE sotto ai suoi post, eccoti/eccovi qui una ballata che avevo riservato per il post sui ‘padri cialtroni’ …. pensando che ad essa possiamo tutti/tutti apporre un I LIKE sincero e appassionato !!! 😀

    Mi piace

  16. Ho messo un like.
    Non a questo post, a un altro.
    E so che hai capito perchè l’ho messo.
    (salve, sono un’impedita che tutto questo avrebbe preferito scrivertelo in privato, ma non ha trovato il modo, e quindi ecco qui, e nota che in realtà volevo solo dirti che sono contenta se ogni tanto ti faccio ridere)

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...