The Yiddish Mame

Stamattina, mentre l’accompagnavo a scuola, mi prendeva in giro mia figlia.

“Mamma, se qualcuno dovesse giudicare dalle nostre facce direbbe che sei tu quella che sta andando a fare l’esame!”.

Fuori dalla scuola i ragazzi, tutto sommato, parevano tutti tranquilli.

Io ora cerco d’ammazzare il tempo, magari è l’occasione buona che tiro a lucido compulsivamente tutta casa  😯

Alle due mi apposterò fuori dalla scuola, mimetizzata tra gli alberi. 😆

PS: quando fece l’esame di terza media, io ero già qui. Dei blogamici persi nel tempo, con o senza motivo, c’erano tanti blogzii, soprattutto una, che aspettava il suo ritorno con “còre de zia“, e che non sarà mai dimenticata.

Annunci

34 thoughts on “The Yiddish Mame

  1. Ed io aiuterei @Sissi a farti capire che un pò stai esagerando, mica le fanno l’anestesia per poi metterla sotto i ferri per una complicata operazione!
    Dai, la ragazza è preparata, se la caverà e dimostrerà tutto quel che è necessario!
    Non è mai matematico, ma fa parte del gioco, come pure della vita, che non tutto debba sempre corrispondere, che meriti e demeriti trovino il proporzionale riscontro!
    Ed io aiuterei @Sissi a farti capire che un pò stai esagerando, mica le fanno l’anestesia per poi metterla sotto i ferri per una complicata operazione!
    Dai, la ragazza è preparata, se la caverà e dimostrerà tutto quel che è necessario!
    Non è mai matematico, ma fa parte del gioco, come pure della vita, che non tutto debba sempre corrispondere, che meriti e demeriti trovino il proporzionale riscontro!
    Quasi mi vien da far gli auguri a te e te li faccio che tu stia tranquilla, perchè credo che l’esaminanda ne abbia meno bisogno di te!
    Un bacione, felice giornata comunque, stai serena!!!!

    Mi piace

  2. Ma credo che questa volta il Sor @Attila … @uomoepadre, abbia voluto essere scaramantico, nel senso che “viste le tracce, io da mia figlia m’ aspetto il peggio e, non ostante questo, tutto quel che verrà sarà ovviamente meglio delle mie aspetative” …. E’ un vecchio gioco, @Diemme, ed anche scontato, poichè Tu ed io sappiamo che, in realtà, @Atty se la sta facendo sotto per l’ ansia …. poichè come te lui per vostra figlia vuole il meglio, che sia ad un esame o che sia nella vita …. anche se, diversamente da te, che esprimi sentimenti sinceri, naturali e comprensibilissimi, lui ama celarsi dietro la maschera dello @ScetticoBlù 😎 ….. come dl resto e è nel suo stile ! 🙂

    Postescritto : @Warpie …. ehm ! E Tu ?!? Ti sei approvvigionato di un buon numero di pannoloni ? Guarda che, per un uomo, mica è dignitoso farsela sotto ! :mrgreen:

    Mi piace

  3. Eccomi! Inviata a tutti voi e-mail con racconto dell’esame (non sul blog, niente fuga di notizie fino all’uscita dei quadri… 😉 ).

    Grazie del supporto e dalla partecipazione, ad maiora! 😀

    Mi piace

  4. quando Max fece gli esami di terza media, io e Maurizio lo accompagnammo…attendemmo nell’atrio, secondo il suo volere. Insieme a noi, molti altri genitori, tesi ed ansiosi più dei figli.
    Sembravamo i pareti delle gestanti davanti le sale parto; frase ricorrente : “quanto lo tengono? è entrato già da venti minuti” e dai a camminare su e giù per il corridoio.
    Credo che uno dei pochissimi che non abbia aperto bocca sia stato proprio mio marito, di solito loquace e scherzoso…Solo intorno al 44° minuto incominciò a dare cenni di cedimento, con palese imperlamento sudorifero frontale..Max e qualche altro fu tenuto più a lungo delle media …per il suo ottimo fu ben strizzato dalla commissione…
    All’esame di stato, agli orali, il pargolo scelse di esser accompagnato in auto, c’era lo sciopero treni, dal nonno e dallo zio…io partii un’ora dopo, giusto in tempo per vederlo entrare alla sua chiamata…wow…ora all’università, ad ogni esame ho una piccola tachicardia..dovrò farci il callo..
    In bocca al lupo a te Diemme, Sissi non ha bisogno di auguri…procederà come un frecciarossa

    Mi piace

    • Ah ah ah, ma tutti Yiddish siamo qui? Oppure, più semplicemente, i figli “so’ piezz ‘e core”, e persino i razionalissimi padri tutti di un pezzo in certe occasioni si sciolgono. Attila no: io sto qui al servizio di mia figlia e lui l’altra sera è venuto con la sua cena da preparare imponendo alla figlia di preparargliela e di corsa. C’era anche verdura da pulire pazientemente, e sollecitava pure che si sbrigasse.

      Mia figlia è maggiorenne, io non m’immischio più ma non vi dico come mi bolliva il sangue e che fine avrebbe fatto, fosse dipeso da me, la sua verdura!

      Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...