Il corpo grida quello che la bocca tace

Appena letto su fb, lo trovo interessante e, con i dovuti distinguo e le dovute cautele, ci credo (il video l’ho aggiunto io).

IL CORPO GRIDA QUELLO CHE LA BOCCA TACE
LA MALATTIA è UN CONFLITTO FRA LA PERSONALITA’ E L’ANIMA

Il raffreddore “cola” quando il corpo non piange.
Il dolore di gola “tampona” quando non è possibile comunicare le afflizioni.
Lo stomaco “arde” quando le rabbie non riescono ad uscire.
Il diabete “invade” quando la solitudine duole.
Il corpo “ingrassa” quando l’insoddisfazione stringe.
Il mal di testa “deprime” quando i dubbi aumentano.
Il cuore “allenta” quando il senso della vita sembra finire.
Il petto “stringe” quando l’orgoglio schiavizza.
La pressione “sale” quando la paura imprigiona.
Le nevrosi “paralizza” quando il bambino interno tiranneggia.
La febbre “scalda” quando le difese sfruttano le frontiere dell’immunità.
Le ginocchia “dolgono” quando il tuo orgoglio non si piega.
Il cancro “ammazza” quando ti stanchi di vivere.

Ed i tuoi dolori silenziosi? Come ti parlano attraverso il tuo corpo?
La malattia non è cattiva, ti avvisa che stai sbagliando cammino.
Mi sembra bello condividere questo messaggio:

LA STRADA PER LA FELICITÀ NON È SEMPRE DRITTA
• Esistono curve chiamate Equivoci
• Esistono semafori chiamati Amici
• Luci di precauzione chiamate Famiglia

E tutto (l’evoluzione e la guarigione) si compie se hai:
• Un cerchione di risposta chiamato Decisione
• Un potente motore chiamato Amore
• Una buona assicurazione chiamata Fede
• E abbondante combustibile chiamato Pazienza

Alejandro Jodorowsky.

Annunci

52 thoughts on “Il corpo grida quello che la bocca tace

    • @Pani: il video è il primo di una serie, la prima parte di una meditazione sul rapporto con il proprio corpo e il dialogo psiche-soma.

      Se non lo vedi puoi ricercarlo su youtube, è Louise Hay, Guarisci il tuo corpo.

      Mi piace

    • @itacchiaspillo: ma grazie per l’interessamento! Davvero, sei molto carina a non lasciare che io faccia cadere la cosa.

      Diciamo che la situazione è stabile il che, in questo momento, è già un successo. Ero dimagrita un chilo, poi le liti col padre di mia figlia mi hanno fatto gonfiare come un pallone. La fame? Da stare male, crampi allo stomaco, mal di testa, ma non credere che stia digiunando, mangio a pasto e bene, ma la rabbia che mi divora richiede di essere sedata, e io le sto negando il suo anestetico abituale, vale a dire il cibo.

      Stavo correggendo “la rabbia mi divora” e scrivere “la rabbia mi sale”, ma poi mi sono fermata: forse abbiamo centrato il problema, la rabbia mi divora, e io compenso, divorando a mia volta, e la chiave, probabilmente, è tutta lì. Sono in pieno periodo “Scimmia sulla spalla”, che starebbe poi per crisi d’astinenza.

      Mi piace

    • Prego!

      lo sai che ci sono spray antifame?
      li trovi in farmacia e sono a base naturale.
      Magari ti fa un “certo che” andare in farmacia per questa cosa… suppongo che anche in erboristeria ci sia qualcosa.

      Sai cosa bisognerebbe essere in grado di fare? Incanalare la rabbia che hai verso il padre di tua figlia in qualcosa di costruttivo.
      So che hai male e non puoi sfogarti in palestra (tipo immaginarlo come sacco nel king boxing sarebbe ottimo)… magari esercizi da seduta o in stato controllato per non gravare sulla schiena… pensi a lui… ti viene una rabbia che lo soffocheresti e bruci il doppio…
      Detto questo… il mio chilo non l’ho perso… però ho cominciato a mangiare meglio e a muovermi un po’ di più…
      alla prox settimana! 🙂

      Mi piace

    • @Monique: eppure… eppure c’è chi sostiene che noi siamo sempre aggrediti da agenti cancerogeni, ma riusciamo a contrastarli: poi un dolore, una questione qualsiasi che faccia abbassare le capacità di difesa del nostro corpo, e il tumore esplode.

      Mio padre ha avuto un cancro da mobbing, ne sono sicura, e devo ringraziare il cielo che a e il mobbing abbia portato solo qualche kg in più (che comunque bene alla salute non ha fatto).

      Mi piace

    • Il mio papà era il ritratto della vita, non si lasciava andare allo scoraggiamento, aveva sempre voglia di nuovo e guardava sempre avanti, fumava e gli è venuto il cancro e aveva pure il diabete, ma se lo curava allegramente e non ha mai registrato catastrofici problemi che altri riscontrano per questa patologia…
      Per questo e per deformazione professionale da biologa non riesco proprio a credere a questa teoria.

      Mi piace

    • @Monique: io due cose posso dire in proposito: che non sempre quello che una persona manifesta è quello che ha dentro, e questo non per ipocrisia, ma per una volontà di acccantonare i dolori, di guardare avanti, senza che però questo li rimuova davvero.

      Secondo, che la psiche può essere UNA causa di malattia, ma non LA causa, unica e imprescindibile. Insomma, chiaro che a Hiroshima non sono morti perché erano depressi…

      Mi piace

  1. Ah, io sono proprio convinta che il corpo s’ammali quando la testa o il cuore sono in sofferenza. Una persona che conosco sta vivendo un periodo piuttosto lungo di sventure e s’ammala in continuazione. Passa da una cosa all’altra. Certo bisogna anche imparare ad avere cura di sé, il vecchio motto “aiutati che il ciel t’aiuta è sempre valido”.
    Se solo si scoprisse la chiave d’accesso giusta per auto curarsi…

    Mi piace

    • @Luisa: io in prima persona sulla mia pelle potrei testimoniare quanto,nel bene e nel male, la mente influenzi il corpo. Oddio, non mi affiderei certo alla meditazione per la guarigione da una malattia, ma sono certa che lo stato di benessere o meno di una persona siano influenzati da psiche, mente, inconscio, chiamalo come vuoi, prova provata!

      Mi piace

  2. Un periodo stavo facendo ricerche come la risata favorisse il miglioramento di certe malattie anche gravi. Quello studio mi ha particolarmente entusiasmata. Tendenzialmente anche io somatizzo, e quando sono sotto stress, mamma mia… 😯

    Mi piace

  3. Il raffreddore è provocato da un virus. Che prolifera meglio se le difese, per cause che possono essere anche psicologiche, diminuiscono, ma se non c’è il virus il raffreddore non viene.
    Il mal di gola viene quando vi si insedia una colonia batterica.
    Il diabete viene quando il pancreas non funziona a dovere. Capita anche a bambini di tre anni che vivono sereni e felici in famiglie serene e felici.
    La colite è provocata da un batterio che si chiama elicobacter. I nervi possono provocare il mal di stomaco, ma non la colite.
    Il cancro è provocato da un insieme estremamente complesso di cause, fra cui le infezioni batteriche o virali. Viene anche ai neonati, che ancora non hanno sviluppato la capacità di formulare un pensiero cosciente.
    Questa montagna di colossali baggianate è stata inventata da una manica di medici incapaci e incompetenti, che in questo modo ti spiegano che se non guarisci non è per colpa loro bensì per colpa tua che non riesci a risolvere i tuoi problemi e “preferisci” somatizzare. Un modo come un altro per colpevolizzare il malato e lavarsene le mani, lasciando che si cavi d’impiccio da solo. (Meno male che fra i commentatori c’è almeno una biologa…)

    Mi piace

    • @Barbara: che i medici incapaci (troppi!) attribuiscano a stress o ad altre cause comunque psicosomatiche tante malattie che hanno una causa banalmente biologica posso pure essere d’accordo, ma non mi convincerai mai che la mente non abbia un potere enorme sul corpo.

      Mi sta bene la biologia ma…

      The first drink from the cup of natural science brings atheism, but at the bottom of the cup waits God. – Werner Heisenberg (1901-1976)

      Mi piace

  4. Tenderei a crederci abbastanza, sebbene, per quel poco che, fortunatamente, ho occasione di sperimentare, come occasioni di mal di stomaco e acciacchi di stagione, non sembri proprio corrispondere.
    Ma non ho visto da cosa è causato il tuo problema alla caviglia?
    Vuoi che sia che la caviglia duole quando @Attila presenzia troppo?
    Ciao carissima, coraggio, ora che le ferie se ne sono andate, almeno adesso farai qualcosa che spesso ti piace di più! Bacioni!

    Mi piace

  5. Credo di aver letto Psicomagia di Alejandro Jodorowsky, molto interessante.
    Non saprei dire se tutto dipenda dalla psiche, di certo una buona salute psicologica è un ottimo punto di partenza per una buona salute fisica.
    Penso che sia meglio prevenire che curare, giusto?
    Grazie per essere passata da me 😉
    Un abbraccio
    Claudio

    Mi piace

  6. Non ho detto che la mente non influenzi lo stato del corpo, ho detto che non provoca malattie: il terrore dell’esame imminente può facilmente provocare lo scagotto fulminante, ma non la dissenteria; un cattivo rapporto con la propria femminilità o con la propria sessualità è causa di mestruazioni fastidiose, se non addirittura dolorose, ma non fa saltare fuori un’endometriosi; uno stato di stress può provocarti frequenti mal di testa, ma non danni al cervello quali emboli, trombi, emorragie, cancro. L’attribuire alla psiche ogni sorta di guai fisici mi pare assomigli molto al “pensiero magico” della prima infanzia, che nella prima infanzia va benissimo, ma se si conserva in età adulta può diventare parecchio pericoloso – vedi l’affidarsi a santoni vari per farsi “curare” il cancro o altre malattie, e non dirmi che questa è un’altra cosa: questa è una filiazione diretta di questa sorta di pensiero magico.
    Colgo l’occasione per un errata corrige, prima che la biologa mi bacchetti le dita: l’helicobacter è l’agente patogeno della gastrite, non della colite (mi è venuto in mente mentre me ne stavo immersa nella vasca da bagno: l’acqua è sempre foriera di illuminazione, per me)

    Mi piace

  7. Certo le malattie hanno cause reali, ma le difese immunitarie sono influenzate dalla psiche: io non ho un’influenza da quando ho lasciato una scuola dove ero sottoposta a mobbing. E mio nonno è morto di cancro al fegato due anni dopo la morte di un figlio di 35 anni. Penso che possiamo contribuire a star bene se “impariamo a vivere”(e siamo fortunati!). Cari saluti

    Mi piace

    • Concordo. Noi viviamo immersi in virus, batteri e agenti patogeni di ogni genere in ogni momento, ma c’è chi si ammala e chi no, la differenza sta nella reazione del nostro sistema immunitario.

      Mi piace

  8. Tutto sintomatico è vero 😀 sai che pare che una persona affetta da personalità multipla può avere nello stesso corpo una personalità che ci vede perfettemente e l’altra del tutto miope? L’anima cosa può fare… ^^

    Mi piace

    • Io ci sto studiando… vorrei che fosse vera anche la soluzione, che basti cambiare atteggiamento davanti alla vita per guarire assolutamente di tutto. Spero.

      Mi piace

  9. Pingback: Di psicosomatica e malattie cosiddette immaginarie | Diemme - Ogni cosa è illuminata

  10. L’unitarietà corpo-psiche è largamente sostenuta da ricerche multidisciplinari. E’ evidente che il malessere affettivo o sociale, influenzino la nostra vita e connotino negativamente i nostri comportamenti. Autorevoli immunologi mettono in relazione il lutto con la possibilità di ammalarsi e addirittura contrarre il cancro. Dal punto di vista psicologico il malessere porta a disordini relazionali, alimentari e affettivi. Posso assicurarti che molti casi trattati nel mio lavoro dimostrano che il corpo è reattivo alle più interne pulsioni ed ansie e che molti disturbi dell’apprendimento e dello sviluppo cognitivo di una persona dipendono dall’ ineliminabile unicum psicosomatico. Cambiare atteggiamento non dipende dalla persona che vive il dramma del malessere, ma da una serie di cambiamenti nel suo retroterra familiare e sociale. Spesso è necessario un supporto specialistico. Certamente imparare a respirare, meditare, distaccarsi dall’oggettività, come propongono le discipline filosofiche orientali, aiuta a prendere consapevolezza del corpo e della mente liberandoci da molte tensioni. Il malato immaginario è un ipocondriaco, affetto da fobie e da una eccessiva concentrazione su se stesso.
    Il post è un ottimo spunto di riflessione su questi temi. Un caro saluto. Marisa

    Mi piace

    • Ciao Marisa, e grazie del tuo intervento, che però non so se volevi inserire su questo post o su quest’altro.

      Io credo molto nella psicosomatica, da quando ho conosciuto le teorie di Louise Hay, ho iniziato a notare associazioni tra le malattie del corpo e quelle dell’anima, ed è vero che una corrispondenza c’è sempre, anche se a volte sembra un po’ tirata. Quella del cancro poi è particolarmente vera… nel senso che al cancro, purtroppo, siamo continuamente esposti tutti, ma poi attecchisce quando vengono meno certe difese immunitarie, e per ora il riscontro è stato pressoché matematico. Che dobbiamo fare allora, solo cercare di essere felici, sereni, e integrarci armonicamente con la vita, gli altri, e tutta la natura in genere.

      Liked by 1 persona

  11. Anni fa lessi un libro sulla Psicosomatica e trovai che davvero molte malattie hanno un significato ben preciso nella vita delle persone. Qui nella lista mancano il mal di schiena, l’allergia e anche forse altre cose. Purtroppo nessuno insegna ai bambini ad ascoltarsi. Nessuno insegna a capire questi malesseri come campanello d’allarme per uno stile di vita che non soddisfa. Purtroppo dopo le conseguenze spesso sono inevitabili. Inoltre la Psicologia ossia la Medicina dell’anima, viene ancora bistrattata da molta gente che paga tante visite specialistiche ma quando gli dicono di consultare uno psicologo sembra che gli dicono di andare alla gogna. Poi la psiche si vendica in malo modo e non capiscono come mai si arrivi persino alla morte. Il video che hai messo è molto importante e spero che lo vedano e ascoltino in tanti 🙂

    Mi piace

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...