Essere

Mi ha particolarmente colpito il post di Monique, “I primi saranno ultimi e soli…“, perché tocca un tema che riguarda tutti noi: la nostra vita e le aspettative degli altri su di noi.

A un certo punto lei scrive “perchè evidenzia ciò di cui stiamo diventando tutti schiavi: vincere a tutti i costi”.

Quando andai alla presentazione del libro di Olga Chiaia, “A un passo dalla felicità”, stupii tutti i presenti affermando che sono una persona felice.

Come può essere?

In realtà io lo sono spesso, con la felicità ho una buona dimestichezza, e questo non dipende certo da quello che ho ma, credo, dal modo in cui vivo quello che ho, e da quello in cui interpreto la vita.

Il cielo mi ha dato in dono una caratteristica che è cruciale per la felicità: non m’importa né punto né poco dell’opinione degli altri. Quando qualcuno con me osa pronunciare la fatidica frase “Ma potrebbero pensare che…” generalmente rispondo con un sorriso (sarcastico) “Se coloro che pensano male di me sapessero ciò che io penso di loro, penserebbero di me ancora peggio!”, alzo le spalle e proseguo per la mia via.

Ovviamente questo non deve significare – e non significa – essere asociali e non tenere in considerazione le esigenze altrui, ma resta il fatto che io sono responsabile di quello che sono, non di quello che la gente pensa io sia, sono responsabile di quello che faccio, non di quello che la gente mi accusa di fare o di aver fatto.

La dipendenza dall’opinione altrui crea una gabbia in cui ci sentiamo stretti, prigionieri, soffocati, ma di cui abbiamo la chiave che, chissà com’è, difficilmente usiamo.

Da madre io ho detto a mia figlia: se qualcuno ti rimprovera qualcosa, non devi ignorarla, ma ascoltarla e valutarla. Se ritieni che il rimprovero sia motivato, lavora su te stessa per migliorarti, ma se dopo un onesto esame di coscienza ritieni che non lo sia, archivialo e vai avanti per la tua strada”.

Si parla tanto di società dell’apparire, ma quanto, oltre all’apparire agli altri, vogliamo apparire a noi stessi?

E poi, come sottolinea giustamente Monique:

A cosa serve vincere se poi si perde di vista se stessi?

Vincere, o apparire vincenti (che poi, in fondo, sono la stessa cosa).

71 thoughts on “Essere

    • @sonoqui: i credenti hanno l’esempio di Dio, più di quello?

      Non dobbiamo mai credere che gli altri siano giusti e noi sbagliati, e che la loro opinione su di noi valga più della nostra su noi stessi. Senza essere supponenti, senza boria, prosopopea, altergia o albagia (sono sinonimi? Boh!), facendosi in continuazioni seri esami di coscienza, ma gli esami di coscienza non devono essere fustigazione e sensi di colpa, ma momenti di riflessione e opportunità di miglioramento.

      Poi certo, se gli altri invece di criticare malevolmente, parlare alle spalle, tagliare i ponti, aiutassero in questa conoscenza di se stessi ne avremmo tutti da guadagnare!

      "Mi piace"

  1. Hai dato un ottimo consiglio a Sissi. Trovo fondamentale il serio esame di coscienza, per comprendere realmente noi stessi e le nostre motivazioni. C’è sempre un margine di miglioramento, allora sfruttiamolo. Se quello che ci viene detto è frutto dell’invidia e della cattiveria,che il fegato se lo rodano gli altri e noi proseguiamo sereni.

    "Mi piace"

  2. Sai, Diemme, quando ho letto il titolo del post di Monique, mi è subito venuto naturale affermare: “Cavolo, quanta è vera questa frase!!!”.
    Sai, forse non c’entra molto con il tuo post, ma volevo raccontarti questa cosa.
    Recentemente ho fatto il test per il TFA e come me, migliaia di persone in Italia, tra le quali una mia “amica” (o almeno io credevo che lo fosse!!!), se non che, quando sono uscite le domande con le relative risposte, lei mi chiama e mi comunica che “comunque, due le avevo sicuramente sbagliate!!!” (bada bene, non inizia la conversazione dicendo che ne avevo fatte molte giuste, ma sottolineandomi le 2 sbagliate!!! 😦 ) e va beh, ci passo sopra, anche se ci sono rimasta male…
    Quando, poi, sono usciti i risultati, io avevo superato il test ed ho chiamato per comunicarle che erano usciti i risultati. Lei non c’era, parlo con la madre e poi più nulla, neanche una telefonata per molti molti giorni, poi mi chiama e mi dice: “Auguri, comunque, scusami, ma non ho avuto tempo di chiamarti prima… Io non l’ho passato…”
    Mah, che devo pensare????
    Che se non va bene qualcosa sono tutti pronti a compatirti, ma se una cosa ti va bene, nessuno è pronto a gioire con te…
    Sì, lo so, ho divagato e te ne chiedo scusa, ma so che capirai…
    Un abbraccio e complimenti per il consiglio dato a tua figlia, lo faccio mio, se non ti spiace….
    A presto…

    "Mi piace"

    • @Deborath: “Se l’invidia fosse febbre tutto il mondo ce l’avrebbe!”

      Complimenti per il test superato, e per l’occasione che ti ha fornito di smascherare una falsa amica 😉

      "Mi piace"

    • Beh, Diemme, grazie per i complimenti, ma il fatto di aver smascherato una falsa amica non mi rende felice nè serena, sai,ne ho così poche che scarta qui, scarta lì, mi ritrovo davvero sola…
      Un vecchio detto diceva così: “Meglio soli che male accompagnati!” e gli antichi hanno sempre ragione, vero???
      Un abbraccio e grazie ancora… 🙂

      "Mi piace"

    • @Deborath: una persona buona non è mai sola, credimi, e persone con un certo spessore, quale tu sei, non hanno bisogno di zavorre e riempitivi!

      Io scarto qua e scarto là, sono piena di amici, anche perché credimi, certa gente di scarso valore allontana anche gli altri, e allora anche per questo meglio perderli che trovarli!

      Concentrati sul tuo successo (le due risposte sbagliate fanno di te un essere umano, la perfezione è sempre sospetta).

      "Mi piace"

    • Grazie mille per le tue parole, Diemme, di risposte ne ho sbagliate più di 2, ma, comunque, sono riuscita a superare il test e cerco di godermi il successo, come dici tu…
      Ancora grazie e a presto… 🙂

      "Mi piace"

  3. Sottolineo anche questo passo “Non dobbiamo mai credere che gli altri siano giusti e noi sbagliati, e che la loro opinione su di noi valga più della nostra su noi stessi”.parole sante. Questo lo si impara con l’esperienza. A volte siamo noi stessi i nostri peggiori nemici, o perlomeno siamo preda facile per gli invidiosi che si diceva sopra. Costruire una sana autostima non è cosa facile, di certo non è impossibile.

    "Mi piace"

    • @Luisa: secondo me ci vuole più a costruire la disistima che l’autostima: anni di condizionamento, in primis da parte dei genitori, per annientare quell’amore per noi stessi e quella gioia di vivere che invece sono innati.

      "Mi piace"

  4. A volte basta solo che vengano toccate le corde giuste e si risale la china. Io porto 30anni di disistima e ne porto quasi dieci in miglioramento. Lo so, tu che mi conosci anche in privato puoi dire che sono ancora molto insicura. Credimi, prima ero ben peggio. Sono più felice ora? si.

    "Mi piace"

    • @Luisa: no, non direi che sei insicura, mi sembri invece con le idee chiare, piuttosto determinata e per nulla influenzabile. Più sicuri di sé si è più felici? Certo che sì, basta saper affrontare il rischio della solitudine che poi, a guardare bene, è un rischio inesistente: in realtà, con una maggiore sicurezza, si fa piazza pulita dei falsi amici, della gente troppo diversa da noi, e si comincia finalmente a scegliere.

      "Mi piace"

  5. Giusto ieri sera parlavo con alcuni amici del fatto che la felicità non deve dipendere dal giudizio altrui o da quel che si ha, ma è il modo in cui si guarda la vita. E si discuteva sulla necessità di essere consapevoli di quel che si è e si cerca nel momento in cui si fanno le scelte e, secondo me, non tutti lo sono.
    Se posso permettermi, direi a Deborath di stare tranquilla e non rinunciare alla sua limpidezza, perchè è doloroso scoprire le false amicizie, ma lo sarebbe ancor più accontentarsi di una brutta copia di amicizia per il timore di restare sola, perchè alla fine saresti sola comunque. Guardare in faccia la realtà è sempre la scelta migliore!

    "Mi piace"

    • @Monique: “accontentarsi di una brutta copia di amicizia per il timore di restare soli”: sai quanti lo fanno? E, purtroppo, anche in amore. 🙄

      "Mi piace"

  6. Bello, quello che hai insegnato a tua figlia, è corretto. Io in passato sono stata molto incline a preoccuparmi dei pensieri degli altri, ora sto cambiando. Comunque, non è detto che essere vincenti abbia come scopo solo l’apparire. Ritengo che sia piuttosto una soddisfazione personale, per chi è ambizioso e fa.
    Dancer

    "Mi piace"

    • @noiduenelmondo: giustissimo, non devi convincermi che vincere sia una soddisfazione, sfondi una porta aperta!

      Nel caso in cui dici tu, però, la sfida è con se stessi, è un raccogliere i frutti di ciò che si è seminato, è una conferma del proprio valore reale. E’ un fare ciò che si vuole fare, non gareggiare in gare che non ci appartengono, facendo qualcosa che magari neanche ci piace fare, ma che piace tanto ai nostri genitori, o al nostro prtner, o a chicchessia.

      "Mi piace"

  7. “La felicità è un’attitudine”(Baci Perugina)
    @ Diemme.Sul tuo consiglio a tua figlia io ho costruito tutta la mia vita e mi ha aiutato ad essere serena e in armonia con me stessa e con gli altri(due cose che secondo me vanno di pari passo e si influenzano a vicenda).
    Quanto agli amici,meglio pochi ma buoni piuttosto che tanti per cui valga il proverbio: “Dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Dio”

    "Mi piace"

  8. Qui mi pare si stia discutendo di più cose:

    1. la solitudine dei “numeri primi”
    2. la felicità
    3. le false amicizie

    1. Per prima cosa dico che sono d’accordo con Monique ma fino ad un certo punto. Ci sono persone che vogliono primeggiare per orgoglio personale, perché sono consapevoli delle proprie capacità, perché hanno una grande autostima, perché tutto ciò che fanno lo fanno per sé stessi e non per gli altri. Queste sono persone vincenti e spesso costituiscono un esempio da seguire e non sono assolutamente sole. Diverso è il caso di chi è spinto da altri a fare determinate cose e gli viene inculcata l’idea che se non si è primi si è dei falliti. Molto dipende dall’educazione ricevuta. Penso a Schwazer che probabilmente è stato allevato come un campioncino e magari fino a questo momento ci ha creduto in quello che faceva. Ma il crollo attuale è la testimonianza che si è trovato solo di fronte ai tanti che confidavano in lui e che non voleva deludere. Suppongo che abbia finalmente iniziato a pensare con la propria testa senza trovare, però, il modo migliore di uscire dalla gabbia dorata in cui era stato recluso.
    Penso anche ai tanti genitori che spingono i propri figli non solo a fare attività sportiva a livelli agonistici confidando nel loro successo (purtroppo non tutti sono vincenti; mi vengono in mente i miei nipoti, entrambi nuotatori, che hanno continuato a gareggiare fino a venticinque-trent’anni seguiti da mamma e papà nelle trasferte … per me inconcepibile visto che a quell’età o si è già dei campioni oppure è meglio non umiliarsi a gareggiare assieme a gente che ha dieci anni di meno), ma anche a partecipare a varie trasmissioni televisive come “Ti lascio una canzone” e il suo clone “Io canto”, oppure a fare i casting per “Veline” o “Il Grande fratello”.

    2. Mi fa piacere che tu sia una persona felice ma personalmente non credo che la felicità di una persona risieda nella capacità di andare avanti per la propria strada senza curarsi delle cose che dicono gli altri. Non credo affatto che si sia felici quando si riesce a non dipendere dalle opinioni degli altri. Credo, invece, che la felicità sia costituita da attimi, che non sia una condizione permanente e che dipenda da come viviamo, sì, ma indipendentemente dall’opinione che gli altri si fanno su di noi. Se così fosse, dovrei essere una persona estremamente felice visto che ogni giorno ricevo delle attestazioni di stima! Io, invece, mi metto sempre in discussione, faccio tesoro delle opinioni degli altri quando ritengo siano in grado di migliorarmi ma non per questo sono felice. intendo come condizione permanente. Ad esempio, oggi sono felice perché sono stata al mare, domani vedremo. Forse sarò più felice forse lo sarò meno, dipende da cosa capiterà domani per farmi sentire più o meno felice.

    3. Sulle false amicizie avrei da scrivere papiri interi e non posso visto che già mi sto dilungando molto. Io sono stata molte volte tradita da quelle che consideravo amiche. A seconda delle circostanze, la frequentazione è proseguita senza, però, avere più i presupposti per l’amicizia, altre volte ho rotto i ponti. Per fare un esempio, quando ero all’università avevo preparato un esame assieme ad una mia amica. Alla fine io ho ottenuto un dignitoso 29 e lei ha superato l’esame con 30 e lode. Solo molto tempo dopo ho saputo che stava assieme all’assistente del professore (che poi ha sposato) con cui si è svolta una buona parte dell’esame. Io mi sono sentita tradita perché, avendo studiato assieme per un mese (per di più a casa sua dove ero ospite), non mi aveva detto della sua relazione con l’assistente. Al di là del fatto che poteva essere stata comunque più brava di me all’esame. Ho mantenuto con questa ragazza dei rapporti cordiali ma da quel dì il nostro rapporto è cambiato.
    Veniamo ai tempi recenti. Con una collega, presa di mira da tutta la scuola, avevo un rapporto amichevole (sono comunque dell’idea che i colleghi non possono essere amici, mai!). Qualche anno fa eravamo entrambe commissarie interne all’esame di stato e proprio per il fatto che la consideravo un’amica, le ho chiesto come mai avesse dato un voto così basso all’orale ad una studentessa che mi pareva avesse risposto bene alle domande (era l’esame di inglese, lingua che conosco bene, e quindi ero in grado di esprimere un giudizio). Apriti cielo! Mi ha attaccata davanti ai colleghi, quasi insultata, e quando le ho detto, in separata sede, che non mi meritavo quel trattamento visto che io ero sempre stata l’unica a difenderla quando veniva attaccata dai colleghi (e capitava spessissimo!), sai cosa mi ha detto? “Sapessi quello che dicono di te”. Una frase che mi ha ferita soprattutto perché, fra colleghe e amiche, pensavo che fosse normale sostenersi a vicenda. Sono convinta, comunque, che quella frase l’abbia detta così, giusto per farmi stare male e che non fosse vero nulla che qualcuno sparlava alle mie spalle. Da quel momento lei è tornata ad essere una collega e basta, ma sono sempre stata gentile con lei. Come ho avuto modo di scrivere qualche giorno fa, io non me la lego al dito. 🙂
    In altre circostanze ho rotto l’amicizia ma non è il caso che ne parli.

    Scusa, Diemme, se ho invaso lo spazio commenti con un intervento che è perfino più lungo del tuo post. A questo punto, potevo scriverne uno mio sul blog. 🙂

    "Mi piace"

    • @Marisa: quoto il primo punto totalmente, mentre sul secondo ho un’opinione un po’ diversa: io credo davvero che la felicità sia un’attitudine, indipendentemente dal fatto che si possa essere contestualmente più tristi o più gioiosi, sereni o arrabbiati, a seconda delle circostanze. La felicità è come un paesaggio luminoso, dove a un angolo può anche esserci un mendicante affamato, un bambino che piange, mentre una famiglia fa un picnic e altri bimbi giocano allegri a pallone. Diversa è l’infelicità, in cui il cielo è plumbeo, e la sensazione d’angoscia non è dissipata neanche dalla coppietta d’innamorati che si scambiano promesse.

      Sul fatto delle amicizie… che dirti, io sono talmente diretta che è difficile che le false amicizie non vengano subito sbugiardate. A volte sono rimasta molto delusa, è vero, ma spesso sono riuscita anche a capire le circostanze che hanno portato una persona a comportarsi in un certo modo, come per esempio la tua ex amica, quella dell’esame intendo: mi è successo di amiche che avevano un amante e non me l’hanno detto, mi sono stupita ma non offesa, capisco che non sia facile, e che un segreto a volte rimanga segreto anche per l’amica del cuore. Per quanto riguarda la tua collega invece, mi pare proprio totalmente sciroccata, e forse ci hanno visto giusto gli altri colleghi che ne dicono peste e corna (anche se, probabilmente, l’essere ignorata sarebbe l’unica cosa che merita!)

      "Mi piace"

  9. Scrive @Monique “…. i primi saranno ultimi e soli” … e queste parole, scritte da una giovanissima Ragazza …. mi fanno male, poichè capisco che @Colei che le ha scritte, pur fatta oggetto dalla Natura di ogni suo dono e ancorchè circondata dall’ infinito affetto dei suoi, ha già compreso che le Persone più motivate dai sentimenti, le Persone più inclini a rispettare le sofferenze altrui e ad aiutare gli altri fosse pure solo con un sorriso …. se altro non fossero in grado di dare, ebbene proprio queste Persone saranno ultime e sole ! 😦
    E non già perchè Esse non avranno intorno nessuno ( che anzi, per il loro carisma e la loro unicità, questa eventualità sarebbe di certo impossibile …. hai voglia, quanti e quante ne avranno intorno alla loro grazia ….. ), bensì perchè, pur circondate d’ affetto e da considerazione, e d’ ammirazione ahimè non sempre sincera come Esse meriterebbero, le Persone di quello spessore umano hanno già capito che la solitudine è la loro inallontanabile compagna, giacchè esse possono guardare la luce delle stelle senza sentirsene ferite agli occhi, mentre la moltitudine dei più, quella stessa luce, può scorgerla solo guardandola ‘in tralice’, poichè la sua visione diretta le renderebbe cieche !
    E’ un dono prodigioso questo, è un voler, dalla Natura o da @Chi per lei, che Alcuni/Alcune siano fari della notte per luce propria a illuminare la strada degli altri, e come tutti i Fari avvinghiati alle rocce di fronte alle sconfinate distese di mare …. solitari sotto l’ immenso volteggiare del firmamento ….
    Così, dolcissima @Deborath …. non ti meravigliare dell’ ignominia altrui : la situazione che hai riassunto qui ( e che ti fà male …. ) è il solito, logoro e amaro atteggiamento, che viene rivolto verso chi abbia afferrato con fatica un piccolo frammento di felicità …. ed è molto facile, naturale direi, depennare dal proprio cuore chi ce l’ abbia materializzato togliendosi per un istante la maschera ‘dell’ affettuosa amica’ …. assai più difficile, al contrario, è conservare la limpidezza del tuo sorriso, e la pietà, verso costei, affinchè – come ha scritto @Monique in altro sito – “tutto ( ed anche l’ onta verso noi …. ) si risolva in positivo” !
    Ed assai bene, sotto quest’ aspetto inusuale della cosa, hai fatto a “far tuo” il consiglio di @Diemme a sua Figlia …. actiones hominum non ridère neque lugère, sed cognòscere, cui mi permetto di aggiungere, in ciò percependo l’ accordo tacito della mia amica @Diemme, che la bontà e lo sforzo a capire gli altri ( anche quando ci rivolgano critiche motivate o immotivate … ) è una virtù che rende bella la vita, il cedere e umiliarsi alla cialtroneria altrui, è debolezza, fessaggine …. che la vita, nostra ed altrui, la fanno assai di meno risplendere …. se non spegnere del tutto !
    @Cavaliereerrante ….

    "Mi piace"

    • @Bruno: caro cavaliere, perché dici che di queste persone, di maggior valore, “la solitudine è la loro inallontanabile compagna”? Non condivido, credo anche che queste persone saranno sì isolate dalla massa, ma non saranno mai sole.

      "Mi piace"

    • @ Cavaliereerrante: ti ringrazio tantissimo per le belle parole che mi hai scritto, non ci conosciamo, è la prima volta che ci scriviamo, ma ti ringrazio davvero dal più profondo del cuore. E’ bello che qualcuno capisca ciò che tu vuoi dire e che riesca a leggere anche tra le righe quella “sofferenza” e quella “delusione” che non è sempre facile palesare… 🙂
      @ Diemme: ci provo a godermi la vita anche se, lo ammetto, non sempre ci riesco a farlo pienamente…
      Vi abbraccio entrambi, se posso permettermi anche con @ Cavaliereerrante… ♥

      "Mi piace"

    • @Deborath: te lo do io il permesso di abbracciare Ser @Bruno, lui gradisce sempre gli abbracci delle belle donne (belle dentro e fuori, s’intende! 😉 ).

      "Mi piace"

  10. Carissima @Diemme, constato sempre che con post di questo tipo, mi viene facile e spontaneo finire, non solo per esprimere la mia condivisione, ma l’ammirazione per l’insieme delle caratteristiche, con le quali vedo via via comporsi la tua persona e temo in ciò di diventare noioso!
    Ma non posso esimermi dal dire che convengo con te su tutta la linea e pure io vorrei manifestarti la piena approvazione per i consigli che dai a @Sissi.
    E’ dire poco che se è una brava ragazza è anche perchè ha una gran mamma!
    Ma questo post mi piace anche perchè esprime con convinzione tutto quel che io mi trovo spesso a dover sostenere contro corrente, contro il sempre più insopportabile attribuire importanza all’opinione altrui, alle regole stabilite anche ignorantemente da comportamenti di massa.
    La moda, ad esempio, quanta fatica a trovare pantaloni a vita normale, dove sentirsi a proprio agio, ma non certo per questioni di taglie.
    Bisognerebbe tenere il colletto in un certo modo, le maniche rimboccate appena, un sacco di stupidaggini che sembra necessario osservare, come se fossero precetti, mentre il senso civico e le norme comportamentali più importanti, vengono sempre più spesso ignorate.
    E’ un mondo sempre più ipocrita, divago, ma vorrei solamente evidenziare l’esempio di attualità dei problemi sempre più frequenti ci chi si mangia tutto con giochi e scommesse, mentre ci si trova sempre più assillati da pubblicità proprio di quello!
    Ciao, un abbraccio e sereno fine settimana…io dalla prossima sono in ferie!

    "Mi piace"

    • #Sergio: purtroppo, se si vuole essere popolari, se si vuole avere un “certo tipo” di successo, indipendentemente dal fatto che possa portare alla felicità o al suo esatto opposto, l’opinione degli altri bisogna considerarla.

      Se si vuole essere liberi, felici, appagati, vale la pena di rinunciare a un po’ di consenso e pensare con la propria testa, ascoltare i proprio bisogni reali, e andare un po’, se necessario, controcorrente.

      "Mi piace"

  11. Rileggi bene il mio pensiero …. cara @Diemme …. e se possibile riflettici sopra : ho scritto infatti che “queste Persone” avranno, ed in abbondanza, gente intorno che attingerà dalla loro grazia, quindi sotto quest’ aspetto, nessuna solitudine !
    Io, per solitudine, parlavo di solitudine interiore …. un sentimento che per natura è insito nell’ animo umano ( “Ognuno, sta solo sul cuore della terra ….” ), ma “quelle” Persone hanno in sè tali risorse che quella solitudine sarà ulteriore stimolo a godersi la vita “per intero e nelle aperture precluse ai più” che è difficile esprimere a parole …. nella pochezza sintetica di un commento di post !
    E se non condividi questo mio personalissimo pensiero, questo non fà che accrescere la mia stima verso di te, @Diemme, poichè questa diversità è ricchezza, non già fonte di dissidi inutili !
    @Cavaliereerrante ….

    "Mi piace"

    • No, caro Bruno, non condivido, perché secondo me è proprio la solitudine interiore quella di cui non soffriranno mai (anche se a volte avranno una malinconia, un senso di scoramento, che forse per solitudine si potrà scambiare).

      PS: ricevuto la mia e-mail?

      "Mi piace"

  12. @ Diemme

    (anche se, probabilmente, l’essere ignorata sarebbe l’unica cosa che merita!)

    Vista oggi in centro da lontano. Fatto finta di non vederla. Esattamente quello che si merita.
    Altro discorso è quello della scuola: quando si fa parte dello stesso consiglio di classe non ci si può ignorare. Basta non pestarsi i piedi vicendevolmente.

    "Mi piace"

    • Cara Marisa, a me pare che tu per lei facessi qualcosa di più di non pestarle i piedi! Certo che, qualunque siano le sue ragioni, non è una che si fa amare…

      "Mi piace"

  13. Non condividi @Diè ?!?
    Bene …. come ho già scritto sopra … il nostro rapporto NON virtuale si arricchisce e cresce … e la cosa mi piace assai ! 🙂
    E-mail ricevuta e già inviato risposta !
    @Cavaliereerrante ….
    Ps. Stavo proponendo una “petizione pubblica” che, raccolte le firme degli aderenti, ti avrei rivolto, avendo tale richiesta per oggetto ARIDATECE LA @DIEMME PETTORUTA, GENEROSAMENTE SCOLLACCIATA E COI CAPELLI AL VENTO ….
    Ma vedo che m’ hai preceduto ( @Aquila e @Cetriolo, i miei due impagabili Amici …. ne saranno lieti ) … ed eccoti quindi qui, sebbene VERDE anzichè ROSEA ! 😦
    Ma fà niente : o rosea o verde, la Luna per noi @Cavalierierranti …. inclini irriducibilmente alla bellezza lunare delle tonde forme femminili, è sempre bellissima ! :mrgreen:

    "Mi piace"

    • @Bruno: mi pare che il mio nuovo avatar sia gradito… mi sento su di morale, non mi rispecchiava quell’aria imbronciata, abbenché mi piacesse assai! 😀

      "Mi piace"

  14. Stavolta “col permesso”, hai fatto BINGO,
    bella mia “verde …. que te quiero verde”,
    poichè se certo è che son solingo
    quella passione mia … giammai si perde ! 🙂

    Un abbraccio, sincero, da chi è bella
    sia di sembiante che pel suo valore,
    mi fà sentìr … in cielo su una stella,
    chè mai dimenticai l’ antico ardore ….

    Io non ho blog, mia dolce @Deboràtah,
    nè spazi miei … io sòn soltanto Errante
    e @Cavalièr, che per la strada amàta
    vaga in Viaggio sotto stelle tante .

    Così ti dico, o amica dal sorriso
    che assai di rado vidi in un bel viso,
    quel tuo sorriso … è l’ anima che luce
    ed è all’ amòr che esso ti conduce .

    Chi ti ferì … per gelosia invidiosa,
    soffra lei stessa la sua amara sorte,
    Tu nò, mia @Deboratah … Tu sei forte,
    Tu fra quei rovi …. esponi la tua rosa ! 🙂

    @Cavaliereerrante …..

    Ps. Sì, @Diemme cara … questa di adesso è la tua “vera immagine”, poichè contiene “tutto” di te, ed è proprio così che ti vediamo noi, sempre e comunque da primavera a estate, da inverno ad autunno …. chiessenefregandocene del tempo che se ne va, del passare di una @Donna dalla bellezza splendente a quella più matura e di ogni e qualsivoglia affanno che “ci e la” ferisca in un crepuscolo che appartiene a tutti ! 🙂

    "Mi piace"

  15. Non fatemi montare la testa …. ?!?
    LA TESTA ?!? 😯
    Ah … se avessi la penna di @Aquilanonvedente o di @Dienderre o di @Cetriolosolitario ( ma … ‘ndò stanno, ‘sti gaglioffi ?!? ) …. allora sì che ti farei montare …. ma non la testa, che pure è brillantissima e generosa, bensì altre e più nobili tue virtù …. tutte conformi al tuo modo di essere Donna ! 😀
    A bientot …. mon ami !

    "Mi piace"

  16. Mi trovi d’accordissimo con te sul fregarsene bellamente del giudizio degli altri,mi giudico già io da sola e non ho bisogno di gente che parla tanto per far prendere aria alle tonsille! Pensa che nel lontano 1968,avevo 15 anni mio padre uomo siculo ma per niente con la mentalità ristretta della Sicilia di quell’epoca …..direi quasi un rivoluzionario,mi disse:
    -Liuccia sappi che la gente tende a parlare e sparlare sempre! Qualsiasi cosa tu faccia,se stai sempre in casa avrà da ridire, se esci tutti i giorni idem !Per cui tu nella vita devi imparare a non tener conto del giudizio degli altri ma solo del tuo ,io mi fido di te per cui fai sempre ciò che ritieni sia giusto per te e non per la gente,perchè io non ti sarò sempre vicino per proteggerti!
    Diemme carissima questo discorso in pieno 68 e in terra di Sicilia era qualcosa che nessuno avrebbe mai fatto a una figlia femmina,ma ho avuto la gradissima fortuna di avere un padre che aveva frequentato solo fino alla terza elementare ma che in fatto di intelligenza era inferiore a pochi! Ho vissuto tutta la mia vita con le sue parole stampate a fuoco nel cervello e mai pensando , chissà la gente che cosa dirà…………
    Mi ritrovo molto in certi tuoi post ,e questo è uno di quelli!
    Un caro saluto.
    liù

    "Mi piace"

    • @Liù: sei stata fortunata. Mio padre invece, abbenché uomo di mondo e tutto sommato di idee aperte, delle figlie era molto geloso, e legato alla mentalità tradizionale della comunità locale.

      Mia madre poi, a dirle bigotta significherebbe darle della progressista, e io ho vissuto in un ambiente condizionato e soffocante.

      Forse però per carattere, o forse per aver ben presto letto la fiaba del padre, il figlio e l’asino (la conosci?), sono sempre stata immune a “quello che potrebbe pensare e/o dire la gente”, capendo pure ben presto che chi più parla più ha la coscienza sporca, e infanga gli altri sperando con questo di mitigare le proprie magagne.

      Sono contenta che tu ti trovi bene qui, sei la benvenuta! 🙂

      "Mi piace"

  17. Modesta ?!? 😯
    Timida ?!? 🙄
    Scottata ?!? 😦
    Chissà ….
    Di virtù “femminili” ne hai tante, oltre all’ intelligenza …. ma a parlarne, rischierei ….. ehm ….. di accrescere il tuo stupore ! :mrgreen:
    Fidati di me, uomo con tutti gli attributi maschili e non aduso al servo encomio …. credimi, @Diemme cara, e rifletti su alcune mie certezze su di te, espresse anche per iscritto in questi quasi due anni di nostra frequenza blogghiera, che talora non ha escluso lo scontro dialettico ! 🙂
    @Liù …. il tuo @Papà, siciliano, era munito di saggezza ed intelligenza palpitante, pur essendo privo di titoli di studio e di cultura libresca ?!?!?
    Forse anche Tu hai dimenticato che la Sicilia, il cuore della Magna Grecia, ospitava i pascoli degli armenti del Dio @Sole …. e che è da quel centro illuminato e fertile che l’ Imperatore Federico II di Svevia, detto “Stupor Mundi”, promanò nel Medioevo quell’ inarrestabile fiume di civiltà e cultura che esondò come una piena in tutto il mondo conosciuto, ed i cui effetti benefici si avvertono ancora oggi !
    E che quando sulla tolda della nave inglese che l’ ospitava nel Porto di Palermo, il Capitano ebbe a dire ironicamente al Principe Fabrizio di Donnafugata, in occasione dello sbarco sull’ Isola di @Garibaldi e dei suoi Garibaldini : “Principe, questi Piemontesi sono venuti ad insegnarvi un po’ di educazione ….”, Don @Fabrizio gli rispose : “It’s impossible, because We are the Gods” !
    Dunque, per me romano, nessuna meraviglia quando un Siciliano onesto esprime tracce di inusuale saggezza, giacchè la memoria mi fà ricordare da donde provenga quell’ antica e sperimentata sapienza ! 🙂
    @Cavaliereerrante ..

    "Mi piace"

  18. Scusandomi per l’assenza, dovuta a problemi “lavorativi”, cerco di dire la mia…
    sono d’accordo che non serve a nulla vincere se si perde di vista sé stessi, ma forse è proprio la percezione di quel sé stessi che fa la differenza… cerco di spiegarmi meglio…
    penso che per le persone “vincenti” abbiano costruito un immagine del sé che non ammette la sconfitta… per queste persone, “perdere” significherebbe perdere il sé… significherebbe far collassare il loro “Io” così faticosamente costruito…
    mentre una persona che è abituata a pensare come te (e quindi a trovare la forza solo in sé stessa) se ne infischia delle reazioni-opinioni altrui.
    E trova solo in sé stessa il motivo per rafforzare l’Io.

    "Mi piace"

    • @Kalos: OT, ti pensavo ultimamente, e stavo quasi per farti uno squillo per avere tue nuove. Sai come sono, se le persone le vedo far commenti in giro ma non da me, pazienza, vuol dire che non hanno nulla da dire su quello che scrivo, però so che sono presenti e sono tranquilla, ma se gli amici spariscono io mi preoccupo, pur sapendo che la vita di noi tutti è piena d’impegni, perlopiù pressanti e improrogabili, e ovviamente il blog è in coda alle priorità, ci mancherebbe.

      Ciò premesso, bentornato e torniamo a bomba.

      Vincere, come essere ricchi, non è peccato mortale, nelle cose tutto dipende da come si fa e perché si fa. E’ bella la sfida, la competitività, il gusto della vittoria, ma la cosa più importante nella vita, analogamente allo sport, è saper affrontare frustrazioni, perdite, e sapersi rialzare, a testa alta: io credo che sia questo quello che caratterizza il vero campione, il vero vincente, e non la persona semplicemente occasionalmente più forte, o più determinata (o più priva di scrupoli, o più schiava dell’idea di successo).

      "Mi piace"

  19. Mi associo alla gioia di @Diemme per il tuo appropriato riapparire, caro @Kalojannis …. e confesso che, anche a me ( e penso a molti …. ), sei mancato non poco ! Ma il lavoro è lavoro, e l’ amicizia, quand’ è schietta, DEVE rispettare anche la lontananza di un amico/di una amica …. specie quando ha la certezza che i pensieri si incrociano comunque e che l’ amico lontano stia bene … dunque BEN TORNATO alle stelle !
    Concordo in pieno con le tue riflessioni …. e amerei che tutti ci pensassero a fondo, per gustare quanto sia bello e appagante essere sè stessi, conoscersi ( o almeno sforzarsi di conoscersi senza autoinfingimenti ) nel bene e nel male, per riconoscere la propria fragilità ( non troppo diversa da quella altrui … ) ma anche le proprie risorse, da cui attingere la forza, quando occorra, per ricominciare e vivere onestamente, senza inutili maschere e senza essere condizionati da giudizi negativi : @Diemme l’ ha fatto e continua a farlo, soffrendo talvolta ( come tutti, quando si scelga la strada dell’ onestà e del rispetto della propria e dell’ altrui dignità ), ma anche, talaltra, assaporando la vita come poche persone ! 🙂

    "Mi piace"

    • @Bruno: Diemme stamattina ripensava a quella che sembrava essere stata l’origine dei suoi mali… e ha scoperto che invece la radice era ancora più lontana, una questione che provocò uno stato d’ansia tale da avere condizionato tutti i comportamenti successivi.

      Oggi leggevo da Nives una sua risposta nella quale diceva:

      “Edith Stein, ha CONOSCIUTO l’esperienza di quell’ Amore pieno e concreto…(che mai avrebbe immaginato), solo quando ha lasciato… “i suoi piani, per i piani di Dio”.! I suoi miseri, limitati e confusi “piani”…per “Altri”

      Ecco, io lascio che questo mi consoli, che comunque l’altra strada non fosse quella mia, quella che ero destinata a percorrere… perché se non avessi questo a confortarmi, altro che mangiarmi il fegato!!!

      "Mi piace"

  20. @cavaliereerrante: mi complimento per il penetrante spirito d’osservazione e confesso di riconoscermi nella tua descrizione!
    La moltitudine di persone intorno, pur sincere e animate dalle migliori intenzioni di vera amicizia, non sempre può estinguere la solitudine del proprio animo.
    E la solitudine, d’altra parte, non è sinonimo di isolamento e può persino essere una buona alleata…ad esempio nel ricordarsi di mirare in alto e non accontentarsi di razzolare in terra!
    E’ una dura scuola, ma rende veri e la Verità non è barattabile, non esiste bene o altro che si possa dare in cambio di questa…

    "Mi piace"

    • @Bruno: cavaliere, stai diventando troppo popolare, ricorda che qualcuno potrebbe risentirsene! A proposito, ci facciamo due pomodorini ripieni per pranzo o pensi possano essere un po’ pesantini? 😉

      "Mi piace"

  21. Nò …. cara @Diemme. di “questa” popolarità, di questo modo di percepirmi, comprendermi ed anche di lusingarmi – e non solo come “uomo”, ma specialmente come Persona – qui espresso da @Monique e @Deboratah ( ed altrove da altre bloggers, Tu compresa e nella tua duplice funzione, e da non pochi “altri” blogger “maschi” … ), sono estremamente orgoglioso, senza tuttavia impennacchiarmi per questo o attingere acqua ‘a gogò’ nel fiume di narciso, e se @qualcuno … o @qualcuna … qui nella blogsfera o in altro sito, dovesse risentirsene, beh …. absit iniura verbis …. per dirla tutta non me ne potrebbe fregare alcunchè ! :mrgreen:
    Il mio sforzo, è notorio, è quello di comprendere gli altri ( essì … anche i cialtroni e le cialtronesse ), ed è per me vitale fare questo, nè potrei più rinunciarci in un blog come nella vita stessa …. ormai !
    Ma se qualcuno/qualcuna … per oscuri motivi non lontani dall’ invidia e dalla gelosia e non ostante la mia disponibilità restìa al rancore, dovesse attaccarmi spudoratamente ( come è già accaduto “tre volte” ahimè nei quasi tre anni che frequento una dozzina di blog …. uno di questi poi che frequentai con particolare intensità ed affetto verso la bravissima ma fragile blogger … ), credo bene che troverebbe un @Cavaliereerrante ben armato, anzi “pesantemente” armato, e dubito assai che, dalla diatriba con me, ne uscirebbe ‘con tutte le sue ossa sane’ !
    Come sai, cara @Diemme, non mi spingono nè ‘interessi editoriali’ ( giacchè io non ho un blog ) e bramosia di consensi ( in particolare …. da parte di femmine adoranti ), nè tanto meno la necessità di dimostrare chi io sia ( giacchè, ove sincero/sincera …. ho sempre inteso confrontarmi ‘alla pari’ con chiunque, non di rado inseguendo emozioni ed affetti condivisi, nè mi sento superiore nessuno/nessuna ), e dunque saprei assai efficacemente difendermi “dinamicamente” …. 😀
    Ma abbiamo già parlato fin troppo dei fantasmi, piuttosto Tu come stai ???
    Leggo altrove, e dalle stesse tue parole scritte, che hai ricominciato a metterti a dieta . 😯
    Beh … non esagerare, est virtus in medietate …. e la medietas di una @Donna che sia tale, sprezza e irride a qualsiasi privazione che non sia spinta da ragioni di salute !
    Dunque, @Diè, ‘occhio alla penna’ : a noi piaci così come sei … e mica è poco ! :mrgreen:

    "Mi piace"

    • @Bruno: ti ringrazio dell’apprezzamento, ma ne ho di strada da fare! Certo, la mia oggi è lotta al semplice sovrappeso, ma non per questo la trascurerò. Agiremo su più fronti, ho giusto oggi promesso a un giovin signore di diventare una bomba sexy per poterlo sussiegosamente disdegnare, tiè! 😉

      "Mi piace"

  22. Bomba sexy …. !?!
    BOMBA SEXY ?!? 😯
    Ahè …. il @giovinsignore vada pure a sussiegarsi i gatti del vicolo, ma Tu …. se devi esplodere, beh …. ehm …. esplodi qui da noi che stiamo …. ehm …. ai tuoi piè !!! :mrgreen:

    "Mi piace"

  23. Embè ?!?
    Ecchè la beltà e la sexitudine, è bene di cui vergognarsi se le si ammirino ???
    Mia moglie sa, che il suo compagno non è alieno dalle bellezze muliebri … eh ! :mrgreen:
    Eppoi …. gli @scapoloni o i @signorini “single” che frequentano queste parti … li vogliamo lasciare … ehm … ‘a bocca asciutta’ quanto alla vista ???
    Dai dai e dai ….. fattici vedere “dopo” ….. ma anche “prima” , e con lo stesso vestitino che hai nel tuo avatar ‘verde que te quiero verde’ ! :mrgreen:

    "Mi piace"

  24. Egòge dè kài àlloì se òpsomen ?!? 😯
    Nè tòn Dìa, ò @Diemme … emèis oròzomèn se ! :mrgreen:
    ‘Ego dè … ehm … màlista ! 😳
    @Cavaliereerrante ….
    🙂

    "Mi piace"

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.