Psiche e soma

Ripensavo in questi giorni a un video che già da qualche parte vi proposi, sulle teorie di Louise Hay sul rapporto tra soma e psiche.

Ripensavo all’articolo, (ma soprattutto ai commenti), in cui sparo a zero su una persona con cui ho rotto i rapporti.

Meditavo sul mio fatto di essere come i ruminanti, che tutto quello che ho subito non riesco a digerirlo, e continua periodicamente a ritornare su, manifestandosi con irritante acidità, e di cosa soffro io? Ma di reflusso gastroesofageo, naturalmente!

Inoltre, molto spesso, e forse non è un caso che sia sola, mi manca l’aria, mi sento soffocare, mi sento sempre i miei spazi invasi, sento il bisogno d’aria, e tollero poco chiunque mi faccia sentire anche se minimamente pressata: di cosa soffro io?

Di asma.

Ora, non vi sembrano coincidenze inquietanti? Davvero ogni organo denuncia un male dell’anima, e ben altra medicina ci vorrebbe per curarlo?

43 thoughts on “Psiche e soma

  1. Ne soffriva … atrocemente … anche il sensibilissimo @Marcel Proust .
    Che dirti amica mia … se non che fa male sentirti così ???
    Spero legga questo tuo post il nostro amico Dr. @Quarche … che non è soltanto un bravo medico, ma è qualcosa di più . 🙂
    Comunque, @Louise Hay ( che ho letto ed ascoltato da te … ), mi sembra dica cose semplice e sensate, da poter eseguire con facilità … sforzati di fare ciò che dice, ti farà senz’ altro bene !
    @Bruno …

    "Mi piace"

  2. Il cervello dell’uomo è l’organo umano meno conosciuto… (figurarsi quello delle donne 😉 )
    Leggevo che ne sfruttiamo una minima parte e che ha potenzialità enormi… per cui non escludo correlazioni di vario tipo tra psiche e soma…
    d’altra parte Freud – che di psicopatologia se ne intendeva – non era un fesso qualsiasi 🙂
    Consiglio, sul punto, “Psicopatologia della vita quotidiana”… la prima parte è un po’ noiosa, però poi scorre…

    "Mi piace"

    • @Kalos: sì, lo sfruttiamo poco. Io credo che l’uomo sarebbe naturalmente in grado anche di leggere il pensiero, e di percepire le vibrazioni della natura. Ci siamo davvero obnubilati nei secoli (millenni e più) o forse, al contrario, mai davvero sviluppati.

      Ho letto Freud… o forse mi sono fermata alla prima parte un po’ noiosa 😉

      Devo riprenderlo dalla libreria.

      "Mi piace"

  3. Ho resistito per solo un terzo della registrazione… 😆 e mi pare che la Luise dica una serie di ovvietà, per di più con quella vocina suadente e dolcificata, superiormente volta a infondere nella “gretta e ignorante massa” il suo tranquillizzante e taumaturgico verbo, ciò che rientra nella tipologia di messaggi che con fatica o per nulla riesco a digerire: altro che reflusso gastroesofageo.. :mrgreen:

    Non credo invece che ci sia un legame fra tipo di “disturbo psichico” e tipo di disturbo fisico, nel senso che esista fra essi un’analogia… certo, il nostro corpo si ribella e soffre in conseguenza di un disagio mentale, ma che lo faccia in modo “speculare”, mi permetto di dubitarlo: ad esempio io non soffro d’asma seppure mi trovi in condizioni simili alle tue circa l’intolleranza alle oppressioni e ai soffocamenti..
    😉

    "Mi piace"

    • Infatti, nel titolo avrei dovuto mettere un punto interrogativo: “Psiche e soma?”.

      Su quel tipo di messaggi la penso più o meno come te, la vocina suadente volta al volgo ignorante che vive nel buio e aspetta la sua illuminazione è irritante anche per me, ma devo ammettere che anni or sono, quando me la fecero conoscere, gli esercizi di rilassamento e di meditazione compresi in quella registrazione, di cui il video che ho postato è solo l’introduzione, mi aiutarono molto a ritrovare un po’ di tranquillità e a sciogliere i nodi d’ansia.

      Per quanto riguarda la psicosomatica e il senso d’oppressione, che dirti, magari la mia mente è più potente nel trasmettere i messaggi al corpo! 😆

      Scherzi a parte, io credo che la mente sia uno strumento potentissimo di cui ignoriamo le possibilità, e sono convinta che influenzi profondamente il corpo anche se, molto probabilmente, non nella maniera così lineare, diretta e riduttiva che dice la Luoise Hay: insomma, se uno è stato esposto all’amianto, mi pare abbastanza inutile andare a cercare il pensiero negativo che gli ha procurato il cancro!

      Le malattie del corpo hanno cause fisiche e psichiche, non esclusivamente psichiche ma, secondo me, queste ultime non sono da trascurare affatto, che sia o meno nei modi illustrati dalla Hay: sai quanti disturbi fisici sono dovuti a stress?

      Il cervello è la centralina che comanda il nostro corpo, c’è poco da fare.

      "Mi piace"

  4. Non dubito del potere del cervello anche nel controllare e prevenire le malattie: l’esposizione agli stessi agenti dannosi non provoca in tutti le stesse conseguenze.. c’è forse in questo una componente genetica, ma non solo.

    "Mi piace"

  5. Esaminando la storia “reale” dell’ uomo e delle sue azioni concrete nel tempo, è naturale ammettere che, in ciascuno individuo, esistano forme di energia tuttora sconosciute .
    Conosciamo assai bene l’ energia meccanica ( potenziale e cinetica ), l’ energia termica, l’ energia elettrica e l’ energia chimica … e su queste la Fisica ha formulato dati e conseguenze che hanno passato il vaglio della sperimentazione .
    Ma sappiamo che la conoscenza di altre energie ( che pure ci sono … a giudicare seriamente alcuni fatti ‘concreti’ ) ci sfugge o quanto meno non siamo ancora in grado di definirle al punto di tradurle in formule fisiche . Su queste forme di energia, indaga la scienza e qualche lume si intravede già, ma questa ricerca naturale, non di rado viene offuscata, quando non ostacolata, dalla cialtroneria di “maghi e pseudo-filosofi del nulla” .
    Tuttavia, la psicopatìa esiste …. ed alcuni disturbi evidenti, che provoca nelle persone che ne siano predisposte, sono individuabili e curabili, anche quando non esista la matematica consequenzialità ( ma questa perfetta riflessione fra teoria e fenomeno, per dire la verità NON esiste in alcun fenomeno naturale, ivi comprese le malattie dell’ uomo ) .
    A mio parere ( limitato … ) @Diemme, l’ asma di cui ci hai detto di soffrire è curabile, avendone il tempo ed affidandosi a professionisti medici di comprovata serietà, ma forse il tuo problema centrale è proprio il tempo, è questa impossibilità per te di fermarti a respirare e pensare un poco più “soltanto” a te stessa che ti impedisce di affrontare positivamente il disturbo …. chissà ?

    "Mi piace"

    • Io, per la verità, dall’asma credo di essere guarita, e non per cure mediche. Nel tempo mi sono affidata anche a medici qualificati, che tutt’al più hanno saputo tamponare le crisi. Poi con il tempo, con una maggiore tranquillità lavorativa, col venire a patti con certe ferite della vita, l’asma se n’è andata da sola o, quantomeno, sono anni che non ho più attacchi, anche se continuo ad avere a casa i farmaci d’emergenza, per i quali il difficile è stare dietro alle scadenze, visto che per anni e anni non vengono usati e me ne dimentico.

      Il primo attacco d’asma fu in un periodo di grossa solitudine e di pesante oppressione psicologica. Ero molto giovane, ero sola, ero lontana da tutti.

      Era festa, e credo che lo sappiamo tutti di come le feste acuiscano la solitudine. La seconda volta fu due o tre anni dopo, per un tentativo di abuso, anche se questa avvenne in una stanza molto polverosa, e quindi la colpa potrebbe attribuirsi anche alla polvere. Il prepotente, in un barlume di umanità, capì che forse era meglio chiamare l’ambulanza che andare avanti nell’opera intrapresa, e quindi l’attacco d’asma fu salvifico.

      Insomma, le analisi hanno rilevato una fortissima allergia alla polvere, ma il fatto è che fino a due mesi fa ho lavorato in mezzo a faldoni di documenti vecchi e polverosi e ciononostante stavo benissimo: direi quindi che un’altra causa ci dev’essere…

      "Mi piace"

  6. 😯 !!!
    Ma … non avevi scritto Tu stessa, a chiusura di questo post, che soffrivi di asma ???
    Se ora non ci soffri più – come scrivi nel precedente commento – si rafforza in me la sensazione che sia il tempo, il tuo peggior nemico … che non ti consente, non dico di rilassarti magari con una proficua vacanza “pensando solo a te stessa”, ma nemmeno di respirare, in questa continua corsa che devi affrontare ‘giorno dopo giorno’, senza l’ aiuto di nessuno a cui appoggiarti, con esclusione ovviamente di @Sissy che, ha sua volta, deve vivere la sua vita densa di impegni, ardui per la sua età !

    "Mi piace"

    • Beh, clinicamente sono e rimango un “soggetto asmatico”: il tempo è il mio peggior nemico? No, il mio peggior nemico sono io, e non è che non me ne renda conto. Ogni tanto segno qualche punto a favore, ma l’è dura, l’è dura!

      In questo Bali mi è di grandissimo aiuto, quando vede che il motore è in folle mi aiuta a rimettere la marcia (magari ogni tanto m’invita pure a frenare, ma quello ancora non m’è mai riuscito! 😆 )

      Non è vero neanche che non abbia nessuno, anche lì il discorso è lungo. Forse non ho nessuno di “istituzionale”, per cui mi sembrerebbe sempre di chiedere la carità, e io non sono brava a chiedere.I miei amici poi sono adorabili, ma il 98% di loro è incasinato quanto me e più di me: insomma, lotta continua per la resistenza! 🙄

      "Mi piace"

    • @aquila: un indizio? Mi ha minacciato di ritorsioni legali se avessi scritto un post su di lei (per questo l’ho fatto, altrimenti mi sarei limitata a ignorarla 😛 )

      "Mi piace"

  7. @BALIBAAAAAAAARRRRRRR !!!!
    SMACK …. SMACK …. ! 🙂
    Ahè … stalle dietro, eh ???
    Quando vedi che “slitta” girando a vuoto, mettile il freno a mano ! :mrgreen:

    "Mi piace"

  8. Io ci credo che le malattie dell’anima si riflettano nel corpo. Un esempio facile facile è quando in caso di stress estremo si deve correre più volte al bagno. Sempre per stress vengono e si accuiscono i bruciori di stomaco o le contratture muscolari. In qualche modo bisogna cercare di placare la testa per far star bene il corpo. In ogni caso, se le cose non fossero legate non ce ne verrebbe alcun male dal cercare un po di serenità con la meditazione e con la sana alimentazione.

    "Mi piace"

    • @Luisa: la meditazione fa moltissimo per il nostro fisico, ma non so se faccia davvero bene alla nostra psiche: ne conosco di gente sciroccata che fa meditazione, ma che se medita dico io, come se non gli bastassero le masturbazioni mentali e i film che si fanno senza bisogno d’aiuto! 😯

      "Mi piace"

    • @Enrico: no, era solo una ripetizione della parte iniziale della frase, come a volte si fa per gioco (tipo, “Non ci credo non ci!”).

      Ammetto però che a leggerla così sembrava sottintendere qualche altra cosa (vedi a volte i malintesi? 😉 ). No Bali mi considera, accidenti, è una persona veramente che i rapporti umani li cura, le amicizie non le trascura, è un amico presente, e insomma, di quelli che valgono tanto oro quanto pesano (e quindi io, nel confronto, valgo di più 😆 )

      "Mi piace"

  9. Alcuni praticano la meditazione con costanza e dicono di trarne benefici. Io ho difficoltà a concentrarmi quindi dubito riuscirei, ma sono alla ricerca di un rimedio alternativo (in aggiunta ai farmaci) per qualche problemino di salute…e chi lo sa, se il cervello comandasse il rilascio delle sostanze giuste…

    "Mi piace"

    • Io un’idea ce l’avrei, c’è una cosa che mi dicono che rimetta al mondo, ma non ti dirò quale per non avallare le insinuazioni di kalos 😆

      "Mi piace"

  10. Io sono ligio al codice della strada: mantenere la distanza di sicurezza. 😀
    Ne sapeva qualcosa mio padre che raccontava di aver assistito ad un tamponamento e dalla macchina tamponata scese una signora inviperita che si rivolse al conducente dell’altra auto urlando:
    ” Ma guardi che ha fatto! Mi è entrato dentro fino alla marmitta!” Oops.

    Chissà perché, tornando seri, alla parola “meditazione” viene il più delle volte associata l’idea di massima concentrazione su chissà quali pensieri spirituali (ma anche sui problemi materiali alla ricerca di una soluzione).
    Il concetto è totalmente l’opposto: liberare la mente, alleggerirla dai pensieri stessi.
    Se vi dico che è la ricerca del vuoto però vi spaventate, se non ne avete fatta esperienza. 😉

    @Bruno i tuoi bbacci li stamperò su carta pergamena e li conserverò fra le pagine di un libro. 😀 Grazie comunque.

    "Mi piace"

    • Come non ho fatto esperienze del vuoto? E diciannove anni di Attila? E i primi tempi di pranzi e cene con la di lui famiglia?

      Altro che Zen, la reale esperienza del vuoto è la Lobot!

      "Mi piace"

    • @Claudia: Beh, io più che seguirla da vent’anni l’ho seguita vent’anni fa, e sarei ingiusta se non ammettessi che mi ha aiutato: effetto placebo o no, un po’ di pace con me stessa l’ho fatta.

      "Mi piace"

  11. Ommioddio … male ‘nterpretato fui ?!? 😯
    Bedda matri …
    Ahè … ehmm … mica ci avevo pensato, eh ???
    @Kaluccio … ehmm … @Enrichino …. sentite un po’ ?
    MALIZIOSONI !!! 😦
    Onnisuàchimalipàns !!! :mrgreen:
    @Bruno …

    "Mi piace"

  12. Diemme, la cura che suggerisci al momento( e per chissà quanto) è impraticabile… 😥 …
    Meditazione= ricerca del vuoto? io l’ho sempre associata alla concentrazione, a posizioni assurde, allo sforzo per rilassarsi, quindi non ci si rilassa per niente. Beato chi ci riesce…magari è solo questione di trovare un manuale facile facile per principianti…e se in tante avete trovato giovamento dai consigli della Louise Hay, dovrò dargli un’occhiata più attenta?

    "Mi piace"

    • Guarda, anche se spezzettato, su youtube trovi l’intero contenuto che io sentii in audiocassetta. Se ti sdrai in un posto tranquillo, penombra o buio del tutto, e ascolti tutto insieme (magari ricorrendo a una playlist), sicuramente ne troverai giovamento. Prova e facci sapere!

      "Mi piace"

    • Ok. Volevo postare un’altra cosa su psiche e soma… ah, sì ora ricordo!

      Mi hanno detto che mi sono ingrassata per via dello stress. Io pesavo 60 kg ma, in un periodo di lavoro drammatico, ingrassavo anche con l’aria (sono arrivata a cinque chili in una settimana, mangiando come sempre).

      Viceversa, una volta andai in vacanza, in montagna, a pensione completa. Pasti completi a pranzo e a cena, compreso dolce, poche camminate perché pioveva e al ritorno… due o tre etti IN MENO!!!

      Allora, significherà pure qualcosa?

      "Mi piace"

    • Ero con un’amica e i nostri rispettivi figli, quindi non ho consumato calorie in alcuna attività “ginnica” se è questo che intendevi… 😛

      "Mi piace"

  13. Pingback: Di psicosomatica e malattie cosiddette immaginarie | Diemme - Ogni cosa è illuminata

Dimmi la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.