Archivio | 24 marzo 2009

Un angolo tranquillo n. 8

Cliccare sulla foto per accedere all’angolo precedente

***

24/06/2008: “Pronto, parlo con la Tremendisia?”

Mi batte il cuore, mi sdraio. “Lo sapevo che eri tu!”

Rido, sorrido, una serie di emozioni mi si agitano nel cuore. Un’ora al telefono, veramente un’ora, due minuti e nove secondi, che passano in un baleno.

Pare che ci conosciamo da sempre: pare? Ma ci conosciamo da sempre!

***

Si fermano qui queste parole che da mesi (nove, a occhio e croce) giacciono nel reparto “bozze” di questo blog. Ogni parola aggiunta mi sembrava un segreto inconfessabile, un qualcosa di privato che non poteva essere condiviso, ogni parola in meno una banalizzazione che mai avrebbe reso quello che era.

Ma che cos’era?

Nove mesi sono un termine generalmente sufficiente per sapere cosa c’è in pancia, ma io non l’ho mai saputo (e chissà se lo saprò mai 😦  ).

Rimane quest’angolo, che è figlio suo, e che richiama a gran voce (o forse senza voce?) questo padre assente.

Colgo l’occasione per trascrivere una mia poesia, (scusa Pan, è in romanesco… ), che scrissi nel lontano 1994 quando, incinta, mi predisponevo a lasciare il padre di mia figlia, e mi ponevo il problema di questo figlio (che poi per l’appunto si è rivelata essere una bimba) che sarebbe cresciuto senza padre:

E so’ rimasta qui, cor fijo tuo.

A ‘n certo punto ho detto: “A ognuno er suo:

io me tengo Alessandro, e te ‘a Bonanni (*).

Contento te, che resta là a fa’ danni!”

 

A vòrte ciaripenzo e nun capisco,

me so’ magnata er fegato e er menisco

pe’ cerca’ de spiegamme ‘sta cazzata,

che ‘nzisti a offrije ‘a testa a ogni mazzata.

 

Pare che esse felice te fa schifo,

che p’ogni psicolabile fai er tifo,

che te senti più padre de li matti,

che no’ der fijo che è tuo in base a li fatti.

 

§

 

E’ passato l’inverno e ‘a primavera,

ducento vòrte è stato giorno e sera:

io qui da sola lavoro come un mulo,

nun l’ho pagato poco er vaff***ulo.

 

Io qua nun magno, nun dormo e nun me vesto:

nun ciò ‘na lira e poi… devo fa’ presto:

er latte, er pannolino, e poi da nonna,

fortuna che ciò a lei che è ‘na gran donna!

 

Ma tremo er giorno (che verà er momento)

in cui me chiederà tutto sgomento:

“Ma l’antri pupi cianno babbo, e io?”

“Ma tesoro, che dici, tu ciai zio!”

 

“Ma l’antri cianno zio e puro papà,

perché ‘un me dici quello mio ‘ndo sta?”

E come ditte che sta ammoriammazzato,

semplicemente perché ce l’ho mannato?

 

§ 

Mo ciai sei anni, ma pari ‘n’omo fatto,

dar cestino me passi alla cartella,

stavorta mamma te l’ha comprata bella,

nun cià più er mutuo, e te sei soddisfatto.

 

A vòrte io me chiedo com’ho fatto,

a fatte così bello e giudizzioso,

che quanno penzo a quanto sei prezzioso,

me pare che uno solo sia un misfatto.

 

Ma quanno me ritorni dalla scòla,

e me cominci a di’ tutto contento,

seconno la maestra ciò talento

per pianoforte e puro pe’ la viola (**),

io scoppio a piagne, e no de commozzione:

ho fatto bene a fa’ quella sparata,

che ho detto basta e poi me ne so’ annata,

o ho fatto a te e a me e a lui ‘na brutta azzione?

 

§

 

Ciai quasi tredicianni, io l’ho cercato

pe dije: “Vabbè, quello che è stato è stato,

stasera Sandro tuo terà ‘n concerto,

forse te pòi scorda’ quanto hai sofferto”.

 

Nun t’ho trovato, chissà che fine hai fatto,

ho smosso mari, monti e polizzia,

pe’ ditte solamente: “E’ corpa mia,

nun ciavevo diritto a da’ de matto”.

 

Ma poi me svejo: oddio, era tutto ‘n sogno:

nun è successo niente grazziaddio.

So’ ancora ‘ncinta, e te sei ancora mio:

io si ripenzo a tutto me vergogno.

 

Pe’ Doretta? No, certo, nun lo vale:

io, te e tu fijo, noi semo ‘na famija,

io te e tu fijo, semo ‘na meravija.

No, nun lo vale: nun te farò più male.

(Patrizia Vivanti – Febbraio (?) 1994)

(*)   Cognome – di fantasia – del “terzo incomodo”

(**) Il papà è musicista

 

E vabbè, bando alle malinconie… panta rei, acqua passata non macina più, la vita va avanti, non ci sono più le mezze stagioni, si stava meglio quando si stava peggio e, soprattutto, NON SI PUO’ GIUDICARE!!!

*** E neanche generalizzare, ci mancherebbe! 🙄 ***