Archivio | 28 febbraio 2009

Sbandare è un attimo

Leggo in un commento sul post di Pan “Divertimenti #5” che il commentatore si aspettava un racconto erotico, e Pan risponde che “l’erotismo ha diverse forme ma è un attimo sbandare“: allora mi diverto a cimentarmi, e chissà se ho sbandato!

Le tre parole su cui costruire il racconto stavolta sono:  cinque – passione – ascolto.

Ecco il racconto che ne è venuto fuori ma, secondo voi, è erotico?

*****

Erano cinque donne, e tutte e cinque fremevano di passione per lui. Per tanto tempo si era chiesto per chi decidere, ma alla fine aveva detto: perché decidere?

 

E così aveva fatto alle donne una proposta indecente: tutte e cinque, ognuna un ruolo diverso. Incredibile dictu, le donne gli avevano dato ascolto, tranne una, che rifiutò sdegnata.

 

Aveva dato ogni indicazione per la biancheria, pizzi merletti e giarrettiere, chi bianca, chi nera, chi azzurra, chi fucsia: mancava il bronzo, quanto avrebbe voluto una donna con la biancheria color bronzo!

 

Le fece adagiare sul letto, e le fotografò in mille pose, provando mille assortimenti, mille combinazioni di abbracci e colori: giarrettiere messe come guinzagli, perizomi riportati tra le labbra gattonando sul letto, strisciando giù come serpentesse lungo il tappeto, verso di lui.

 

Lui fotografava, fotografava, resistendo al richiamo della sua virilità così provocata: era un tripudio di colori, bionde, brune, rosse… chiese loro di spogliarsi completamente, in uno striptease collettivo in cui la biancheria si intrecciava e si mischiava, l’una a quella dell’altra.

 

Erano là, lo aspettavano, e lui voleva dare il meglio di sé.

 

Posò la macchina fotografica su una mensola, ma una mano pronta l’afferrò, e prese il suo posto dietro l’obiettivo: era la quinta donna, di bronzeo intimo vestita, che ammiccò sussurrando “Fate come se io non ci fossi… ”.

 

E fu allora che si sentì uno scatto, il primo di una serie che li avrebbe immortalati così, bandiere colorate su un’unica asta stupefatta.

 

 

***********

 

Si ricorda che questa novella, come tutti gli altri post, è coperta da  licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.